Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

San Giorgio, San Michele e San Crescenziano o Crescentino. Raffaello e gli uccisori di draghi

di Roberto Manescalchi
da un’idea di Giovanni Cangi

 Non amo particolarmente Raffaello da Urbino “il divino” e fossi stato una dama dell’Ottocento in Francia non l’avrei certamente data a chi mi avesse tentato con la più scontata e inflazionata tra le frasi di quel periodo: “Siete bella come una Madonna di Raffaello”. Ricorre, tuttavia, l’anno del quinto centenario della sua morte e a me che perdo tempo tra Leonardo e Modigliani, intanto che dovrei occuparmi di Piero della Francesca – ci tornerò prestissimo – corre pur sempre l’obbligo di scrivere qualcosa di originale per questo giornale che non può certamente ignorare e non ignora il maestro urbinate.
“Il divino”, nacque ad Urbino il 6 aprile 1483 (ma in realtà il 28 marzo) e mori a Roma il 6 aprile 1520.
L’alterazione della data di nascita è servita per porre l’artista in relazione con la visione divina che i contemporanei nutrivano di lui. Del resto c’è chi fa coincidere l’ora della sua morte esattamente con l’ora della morte del Cristo: le ore 3 del venerdì prima di Pasqua. Il buon Giorgio (Vasari) ci dice che la morte gli sopraggiunse dopo quindici giorni di malattia, iniziatasi con una febbre “continua e acuta”, che sarebbe stata causata da “eccessi amorosi”, e inutilmente curata con ripetuti salassi e, forse, a nostro parere, sarebbe stato più giovevole qualche zabaione. Morì, quasi sicuramente, di più prosaica sifilide o, a seconda della latitudine da dove si sta scrivendo, mal francioso o morbo napolitano. Quello di Raffaello per tale Margherita Luti (l’identità della modella è controversa) figlia di un fornaio di Trastevere in contrada Santa Dorotea e passata alla storia col nome di “Fornarina” (Fot.1)

Fot.1

è amore che qualcuno ha definito eterno, ma pare che il giovane talento non disdegnasse di sguardi allusivi anche qualche amico (Fot.2 – autoritratto con amico, nella celeberrima Scuola di Atene, affrescata nella Stanza della Segnatura in Vaticano), e (Fot.3, sempre autoritratto con amico, ma sembrerebbe uno nuovo, conservato al Louvre). La lue, quindi, a seguito di una qualche abusata pratica disinvolta, più che l’intervento divino, ci sta tutta, ma questo non è il tema della trattazione odierna.

Fot.3

Fot.2

Giorgio, Michele e Crescenziano, che furono Santi, con il divino hanno invece e di sicuro una qualche attinenza: Raffaello ha dipinto due versioni del San Giorgio e il drago databili entrambe, più o meno, al 1505. La prima, una tavoletta di 28 cm x 22, dipinta ad olio è conservata nella National Gallery of Art a Washington (Fot.4; l’opera è firmata sulla bardatura del cavallo); la seconda, sempre olio su tavola di 31 cm x 27, è conservata nel Museo del Louvre a Parigi (Fot.5).

Fot.4

Fot.5

Del San Giorgio e il drago (versione Washington) conserviamo due disegni preparatori. Il primo (Fot. 6), sempre nella galleria di Washington, pare appena abbozzato e privo della principessa, il secondo (Fot.7), nel Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, più definito, completo di principessa e meglio corrispondente alla versione definitiva. Del San Giorgio, versione Louvre, un solo disegno (Fot.8), sempre nel Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, privo di principessa. Quest’ultimo rimanda con forza alla grafica di Leonardo che ci sovviene nel modo di trattare la testa del cavallo e la postura del medesimo, nella fisiognomica del volto del San Giorgio, nella volumetria e caratterizzazione del drago, nella trattazione del panneggio del mantello del San Giorgio. Quanto sopra confermerebbe la datazione dell’opera riferibile agli anni della più pregnante frequentazione dei due ad iniziare dal loro probabile incontro a Città di Castello nel 1502. Detto del San Giorgio occorre trattare del San Michele sempre con il drago (Fot. 9), dipinto ad olio su tavola di 31cm x 27 cm, stessa datazione dei precedenti e ancora al Louvre.

Fot.6

Fot.7

Fot.8

Fot.9

L’opera è citata per la prima volta in un sonetto del Lomazzo assieme al San Giorgio nello stesso museo, il che ha fatto pensare che le due opere formassero una sorta di dittico, anche per le analogie nelle misure e nel soggetto. Sempre secondo il Lomazzo l’opera era stata ceduta da un milanese ad Ascanio Sforza, conte di Piacenza. Passata in seguito nelle collezioni del cardinale Mazzarino, finì nelle raccolte reali di Luigi XIV, che sono poi confluite nelle collezioni del Louvre. Del San Giorgio esiste una versione in cui il Santo sconfigge Satana (assimilabile al drago che è pur sempre figura malefica e satanica). Si tratta di un grande dipinto ad olio su tavola (Fot.10) trasportato su tela di 268 cm x160 datato 1518.

Fot.10

L’opera è firmata e datata sull’orlo della veste del Santo: “RAPHAEL VRBINAS PINGEBAT M.D.XVIII”. Nessun dubbio quindi sulla paternità, ma gli interventi di restauro del Primaticcio (antesignano dei moderni cui andrebbero mozzate le mani), nel 1537-1540, e in seguito del Guélin (non certo migliore del Primaticcio), nel 1685, unitamente al trasporto su tela del 1737, hanno compromesso la superficie pittorica. Pare inoltre che pur assumendosene la paternità il maestro abbia dipinto solo alcune parti delegando le rimanenti al solito Giulio Romano. E Crescenziano? Sembrerebbe non pervenuto che Raffaello se ne sia dimenticato? Cercheremo di sostenere il come non sia possibile. Crescenziano o Crescentino fu sicuramente Sauroctono (uccisore di draghi) tale e quale Giorgio e Michele. San Crescenziano è uno dei patroni di Città di Castello, località nei pressi della quale – Pieve de’ Saddi* – sarebbe stato martirizzato intorno all’anno 287 (secondo altri il 1 giugno del 303). Se l’origine del culto nacque nell’alta valle del Tevere è ad Urbino, tuttavia, che il santo troverà il suo centro cultuale e cambierà nome in San Crescentino. Il corpo del Santo che subì il martirio per decapitazione fu trasportato ad Urbino dal beato Mainardo per disposto del Vescovo Fulcone. Il corpo ad Urbino e la testa a Città di Castello, oggi in Cattedrale, fugano qualsiasi dubbio sul fatto che Crescenziano e Crescentino siano perfettamente identificabili nella stessa persona. Il Santo, dal punto di vista iconografico è rappresentato nella precisa identica maniera del San Giorgio a cavallo (Fot.11 – bassorilievo del XIII sec. a Pieve de’ Saddi-) o del San Michele ritratto a piena figura, mentre incede eroico sopra il demonio schiacciandolo col piede e preparandosi a colpirlo con la lancia appuntita (Fot.12 maioliche urbinati del XVI sec.).

Fot.11

Fot.12

A partire dalla fine del XV secolo e agli inizi del XVI. il santo comincia ad essere raffigurato con un elmo in capo. Sembra infatti che a seguito di lavori di ristrutturazione della Pieve commissionati dal Vescovo Giulio Vitelli (1458-1530 -vescovo guerriero più volte al seguito di suo fratello Vitellozzo, generale del Valentino e signore di Città di Castello al tempo di Raffaello) sia stato rinvenuto l’elmo di Crescenziano/Crescentino che, ci eravamo dimenticati di dirlo, fu legionario romano. Che dite voi sarà mai venuto in mente a Raffaello il Santo patrono della sua città natale e o quello (lo stesso) di Città di Castello, sua città d’elezione nei primissimi anni del cinquecento, intanto che disegnava e o dipingeva soggetti analoghi anche se certamente più noti? Di sicuro le opere di Raffaello sono tutte databili in anni che, appena lasciata Urbino era ancora legatissimo a Città di Castello dove, comunque ed in ogni caso aveva operato fino a pochi mesi prima. Nei disegni e nei dipinti di Raffaello il San Giorgio è sempre raffigurato con il capo coperto da un elmo ed anche la piccola tavoletta del San Michele presenta il Santo dotato di simile accessorio. La principessa che è liberata da San Giorgio e che non c’era a Città di Castello ai tempi di Crescenziano è dimenticata da Raffaello su due disegni su tre. Ci sovviene il dubbio che l’unico a non far confusione tra i Santi possa essere stato tale Viti Timoteo che nella sua Madonna col Bambino e Santi (Fot.13), oggi nei depositi di Brera, raffigura certamente San Crescentino  e San Donnino ai lati della Vergine.

Fot.13

Il dipinto, è una delle opere più importanti di Timoteo (Urbino, 1469-1523), personalità eminente della scena pittorica del Montefeltro all’inizio del Cinquecento, la cui attività si intrecciò con quella di Girolamo Genga e del più giovane Raffaello di cui fu amico e aiuto a Roma negli affreschi in Santa Maria della Pace (evidenti i rimandi alla maniera di Raffaello anche nell’opera citata).
Tradizionalmente le due piccole tavole del San Giorgio ed anche il piccolo San Michele sono riferite a un dono di Guidobaldo da Montefeltro ad Enrico VII d’Inghilterra come ringraziamento per essere stato insignito, come suo padre Federico, dell’ “Ordine della Giarrettiera” e ci suona strano che Guidobaldo inviasse il San Giorgio al Re d’Inghilterra in luogo dell’icona del patrono di Urbino…, ma, direte voi, c’è la principessa! Eppure si fosse trattato di San Giorgio difficilmente Raffaello avrebbe omesso la “Croce Rossa” in campo bianco che gli Inglesi avevano ereditato dalla gloriosa Repubblica Marinara di Genova… croce di San Giorgio appunto  (Fot.14, Libro d’Ore Latin 1173 (1475-1500), Biblioteca Nazionale Francia; Fot.15, Codice (mariegola) della Confraternita della Beata Vergine della Misericordia di Chirignago, Archivio parrocchiale di Chirignago, VE).

Fot.14

Fot.15

L’omaggio al Regno d’Inghilterra, in ogni caso c’è e ci pare possa essere nel San Michele (anche l’araldica del Santo prevede una Croce bordonata, sempre rossa in campo bianco, come arma individuale). A Pieve de’ Saddi non mancavano le costole del drago ucciso da Crescenziano e, nel solco della migliore delle tradizioni familiari e poi vedremo perché, nel 1780, una fu portata nella sua casa di Urbino,  dal Conte Crescentino Ubaldini. Il Conte aveva certamente ben chiaro di aver avuto, antenato di famiglia, proprio il Duca Guidobaldo da Montefeltro che, più propriamente si dovrebbe dire Guidobaldo degli Ubaldini da Montefeltro. Ottaviano Ubaldini della Carda (il ‘mago’ raffigurato in bassorilievo -Fot.16-  con Federico in pari dignità) ne fu infatti il fratello e fu quindi zio del di lui figlio Guidobaldo di cui fu anche tutore. Per chi non ci capisse granché ci converrà spiegare che in assenza di figli maschi il vecchio Oddantonio -primo duca di Urbino- penso bene di far passare per suo uno dei figli del suo generale Bernardino Ubaldini… Federico II da Montefeltro.

Fot.16

Ci stavamo quasi per dimenticare che Ottaviano, antenato del Conte della costola del drago -balena fossile?- di Pieve de’ Saddi, signore del sapere (le sue insegne sono il ramoscello di ulivo unitamente al libro aperto e a quello chiuso, cfr. la foto del bassorilievo), si occupò di qualsivoglia tema iconografico all’interno del palazzo, Federico regnante e per molto tempo lo fece anche per suo figlio Guidobaldo (entrambi condottieri di ventura e dediti alle armi più che alla conoscenza). Fu quasi certamente Ottaviano a commissionare a Raffaello il ritratto del nipote (Fot. 17), che è pure datato negli stessi anni dei Sauroctoni.

Fot.17

Così anche nel caso che Raffaello avesse dipinto e disegnato i vari San Giorgio in assenza di pensieri riferiti ad Urbino, Città di Castello e Crescenziano/Crescentino… Ottaviano avrebbe certamente provveduto a ricordargli il tutto. Il ‘Mago’ aveva già ordinato e commissionato a Laurana, Francesco di Giorgio Martini e, soprattutto, a Piero della Francesca oltre che a Giovanni Santi padre dello stesso Raffaello… nessun problema con il giovane maestro che era già Raffaello, ma non ancora “Divino”. No! Se il nostro si fosse dimenticato di Crescentino troppi elementi e persone avrebbero potuto contribuire alla sua memoria, ma non era nelle corde di Raffaello alcuna possibile dimenticanza!

*AAVV; Pieve de Saddi, un luogo alle origini del cristianesimo altotiberino; in: Architettura e Territorio n. 10; Petruzzi Editore; Città di Castello, 2011.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.