Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Sandaletti, un “libro”, specchi e una trousse per il trucco. S’indaga la tomba di una donna romana

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Quale amatissimo libro – forse di poesie di Catullo o di Ovidio? O versi di Virgilio? – fu sacrificato per sempre, nel canto, con la propria elegante proprietaria? Perché nella tomba, dopo il rogo rituale, sono rimaste tracce di un volumen, cioè del contenitore di una pergamena?

blank

Nuove indagini si svolgono attorno a una straordinaria sepoltura, scavata nel 2020, ad Alba-La-Romaine, un comune francese di 1.464 abitanti, nel dipartimento dell’Ardèche della regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi, al sud della Francia, situato a un’altitudine compresa tra i 135 e i 554 metri delle colline retrostanti. La tomba di una donna con un corredo assolutamente femminile, fu preparata con eleganza, come se lei dovesse trasferirsi, per un periodo, in una città vicina.

blank

“Attorno a una costruzione circolare in muratura abbiamo scoperto più di venti depositi di cremazione, tre sepolture e depositi votivi risalenti all’Alto Impero. – affermano gli archeologi dell’Inrap, l’istituto nazionale francese per le ricerche archeologiche preventive – Sono presenti principalmente depositi secondari con residui di cremazione spesso accompagnati da corredi ben conservati. Un deposito in un’anfora ha prodotto una copia di un piccolo coltello, in ferro, che serviva per la potatura delle vigne. Diversi depositi hanno consegnato balsamari in vetro soffiato, alcuni dei quali contenevano ancora polvere rosa che analizzeremo a breve”.
Il piccolo complesso funerario venne fondato in epoca tiberiana – Tiberio regnò dal 14 al 37 d.C.- e venne utilizzato almeno fino alla fine del II secolo.

blank
Resti di una struttura circolare, probabilmente il mausoleo attorno al quale furono collocate le tombe appartenenti a una famiglia @ Inrap

“Tra queste tombe – dicono gli studiosi dell’Inrap – un giacimento particolarmente ricco conteneva una ventina di oggetti tra cui vasi di ceramica, diversi balsamari di vetro, due specchi in bronzo, i resti di un volumen (tubo in cui è arrotolata una pergamena), un anello d’oro e un eccezionale set di miniature in piombo che simboleggiano gli accessori per la toilette. Un paio di sandali in miniatura abilmente decorati appesi a un piolo è solo un esempio comparabile fino ad oggi nel mondo romano. Erano associati a quattro strigili in miniatura montati su un anello di cui non si conosce fino ad oggi alcun parallelo in questo materiale”. La presenza degli specchi, del volumen, la borsa da toilette e il piccolo diametro dell’anello d’oro portano, con forte evidenza, a capire che la persona era una donna.

Gli eleganti corredi e gli oggetti in miniatura lascerebbero pensare – a livello di sensazione – a una giovane donna, particolarmente attenta alla cura del proprio corpo e al proprio abbigliamento. Deliziosi i sandaletti in miniatura, che divengono ancor più seducenti se accostati all’idea di una giovane lettrice. Il volumen bruciato durante il rito di incinerazione avrebbe potuto contenere il libro preferito dalla giovane donna.

blank
Resti di una sostanza rosa in uno degli unguentari trovati ad Alba @ © Denis Gliksman, Inrap

Gli archeologi, tra qualche mese ci diranno quale sostanze fossero contenute nei balsamari della piccola necropoli – probabilmente legata a una stessa famiglia e presumibilmente sviluppatasi attorno a un mausoleo, a 300 metri da una villa romana che fu trovata in uno scavo del 2005 – facendo luce sulla misteriosa sostanza rosa che si è conservata ancora all’interno di alcuni di essi. Profumo o fondotinta?

L’antica città gallo-romana di Alba si estendeva per 30 ettari. Le parti evidenziate, attraverso gli scavi, hanno permesso di prospettare un centro monumentale di rilievo, costituito da un foro (ancora sepolto sotto le viti), una basilica, due templi, una curia , un piccolo senato locale e due edifici enigmatici poiché la loro architettura non lascia alcuna indicazione tangibile sulla loro funzione. Un’ipotesi è che potessero essere utilizzati da corporazioni note per essere ricche e potenti ad Alba. Un mercato coperto o ” macellum” completa gli ornamenti di questo centro monumentale.

Poco più avanti, tra i vigneti, il santuario di Bagnols ospita tre templi: un fanum (tempio gallo-romano), un tempio su un podio e un tempio dedicato al culto dell’imperatore romano. È stata trovata una statua di un imperatore.

Infine, il teatro . È l’edificio pubblico meglio conservato del sito. Luogo eccezionale di svago e socialità, permise anche la coesione della città nel quadro dell’impero. Certamente possiamo pensare che la ragazza con il volume e i sandaletti sia transitata per questo centro pieno di fascino.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!