Home / I santi nell'arte / Santuario della Madonna di Valverde – San Michele dagli occhi di ghiaccio
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Santuario della Madonna di Valverde – San Michele dagli occhi di ghiaccio



Il complesso del Santuario di Valverde. La facciata del 1642 a copertura dell'edificio barocco, realizzato a partire dai primi anni del Seicento. (1601-16159. Osservando la chiesa, alla nostra sinistra, è possibile enucleare, dalla forma del tetto che staglia sopra il colonnato, la precedente Rotonda romanica, una chiesa del X-XI secolo, che appare già citata nel 1024 nei documenti relativi alla Dieta dell'imperatore Enrico II. L'antico edificio venne realizzato sul modello della Rotonda o Duomo vecchio di Brescia. Il terreno, che apparteneva alla Cattedrale, era caratterizzato dalla presenza di fonti, che forse stabilirono, nella zona, una cultualità ancora più antica.

Il complesso del Santuario di Valverde. La facciata del 1642 a copertura dell’edificio, realizzato a partire dai primi anni del Seicento (1601-1615). Osservando la chiesa, alla nostra sinistra, è possibile enucleare, dalla forma del tetto si che staglia sopra il colonnato, la precedente Rotonda romanica, una chiesa del X-XI secolo, che appare già citata nel 1024 nei documenti relativi alla Dieta dell’imperatore Enrico II. L’antico edificio venne realizzato sul modello della Rotonda o Duomo vecchio di Brescia. Il terreno, che apparteneva alla Cattedrale, era caratterizzato dalla presenza di fonti



Viale dell'Apparizione , Santuario di Valverde, Rezzato (Bs). Cinta e colonne e fontana barocche, realizzate nel 1637. Il santuario sorge a circa 500 metri dal luogo della prima Apparizione. Il lungo viale conduce all'area del laghetto sul quale si stagliò, agli occhi di un bifolco, nel 1399, la figura di Maria. Secondo la tradizione il contadino, che stava arando i campi, vide prima Cristo, che gli ordinò di gettare tre pani nel laghetto. L'uomo accettò di eseguire l'ordine, ma giunto nei pressi dello specchio d'acqua, fu affrontato dalla figura di Maria, che gli chiese di non buttare i pani perché essi avrebbero fatto scatenare i tre flagelli: la peste, la fame, la guerra. La Madonna invitò il bifolco a tornare da Cristo affinché mitigasse la punizione nei confronti di un'umanità che si era orribilmente macchiata di peccati. Il contadino gettò quindi un solo pane, che fu causa, secondo la leggenda, dello scoppio di un'epidemia pestilenziale. La figura della Madonna venne vista sul laghetto una seconda volta, nel 1711, da due bambini. La visione segnò la fine di un'altra epidemia.

Viale dell’Apparizione, Santuario di Valverde, Rezzato (Bs). Cinta e colonne e fontana barocche (1637). Il santuario sorge a circa 500 metri dal luogo della prima Apparizione. Il lungo viale conduce all’area del laghetto sul quale si stagliò, agli occhi di un bifolco, nel 1399, la figura di Maria. Secondo la tradizione il contadino, che stava arando i campi, vide prima Cristo, che gli ordinò di gettare tre pani nel laghetto.


L’uomo accettò di eseguire l’ordine, ma giunto nei pressi dello specchio d’acqua, fu affrontato dalla figura di Maria, che gli chiese di non buttare i pani perché essi avrebbero fatto scatenare tre flagelli: la peste, la fame, la guerra. La Madonna invitò pertanto il bifolco a tornare da Cristo affinché mitigasse la punizione nei confronti di un’umanità che si era orribilmente macchiata di peccati. Il contadino gettò un solo pane, che fu causa, secondo la leggenda, dello scoppio di un’epidemia pestilenziale. La manifestazione della Madonna avvenne una seconda volta, nel 1711, ed ebbe, come protagonisti, due bambini che raccoglievano castagne. La visione segnò la fine di un’altra epidemia.

L'antica Rotonda del Santuario di Valverde. Dopo l'apparizione del 1399, la chiesetta fu al centro di un intenso culto penitenziale legato alla figura salvifica di Maria. Per questo l'edificio, incapace di contenere le folle, venne dotato di porticati e di un'ampia apertura che consentiva di assistere alle funzioni. Dopo la visita di San Carlo Borromeo, avvenuta, nel 1580, i rezzatesi presero a considerare la necessità dell'ampliamento del luogo di culto. La rotonda fu affiancata da un'ampia chiesa seicentesca. I due edifici sono collegati da una porta.

L’antica Rotonda del Santuario di Valverde. Dopo l’apparizione del 1399, la chiesetta fu al centro di un intenso culto penitenziale legato alla figura salvifica di Maria. Per questo l’edificio, incapace di contenere le folle, venne dotato di porticati, di un’ampia apertura – che consentiva di assistere alle funzioni, dal portico- e altari esterni. Dopo la visita di San Carlo Borromeo, avvenuta, nel 1580, i rezzatesi presero a considerare la necessità dell’ampliamento del luogo di culto. La rotonda fu affiancata da un’ampia chiesa seicentesca. I due edifici sono collegati da una porta.

L'affresco del Quattrocento, all'esterno della Rotonda del Santuario di Valverde. L'opera, legata a moduli gotici, mette in evidenza la forte valenza penitenziale del santuario. Sant'Ambrogio impugna il flagello, mentre San Michele, in un abito immacolato, bianco come quello dei Flagellanti che qui confluirono dopo l'apparizione, pesa gli uomini e i loro peccati, al momento della morte

L’affresco del Quattrocento, all’esterno della Rotonda del Santuario di Valverde. L’opera, legata a moduli gotici, mette in evidenza la forte valenza penitenziale del santuario. Sant’Ambrogio impugna il flagello, mentre San Michele, in un abito immacolato, bianco come quello dei Flagellanti che qui confluirono dopo l’apparizione, pesa gli uomini e i loro peccati, al momento della morte

San Michele Arcangelo, XV secolo, affresco, Rezzato (Bs), Santuario della Madonna di Valverde. L'opera rivela l'osservazione dell'eleganza delle opere del gotico internazionale, che a Brescia fu portato, ai massimi livelli, da Gentile da Fabriano e, nella vicina Mantova, dal Pisanello. San Michele, con la mano sinistra regge la bilancia sulla quale pesa le anime di due defunti. La mano destra è appoggiata al manico della spada

San Michele Arcangelo, XV secolo, affresco, Rezzato (Bs), Santuario della Madonna di Valverde. L’opera evidenzia l’osservazione dell’eleganza delle opere del gotico internazionale, che a Brescia fu portato, ai massimi livelli, da Gentile da Fabriano e, nella vicina Mantova, dal Pisanello. San Michele, con la mano sinistra regge la bilancia sulla quale pesa le anime di due defunti. La mano destra è appoggiata al manico della spada

DSC02608

Interno della Rotonda romanica, con cupola affrescata all'inizio del XVII secolo

Interno della Rotonda romanica, con cupola affrescata all’inizio del XVII secolo

Croce lignea con gli strumenti della Passione. Rotonda del Santuario della Madonna di Valverde

Croce lignea con gli strumenti della Passione. Rotonda del Santuario della Madonna di Valverde

Annunciazione, lacerti d' affresco. Rotonda del Santuario di Valverde

Annunciazione, lacerti d’ affresco. Rotonda del Santuario di Valverde

Pietro Marone, (1548-1625), La vita della Madonna,. Cupola della Rotonda del santuario di Valverde.

Pietro Marone, (1548-1625), Episodi della vita della Madonna, affreschi, Cupola della Rotonda del Santuario di Valverde.

Controfacciata della chiesa del Santuario seicentesco di Valverde, cantoria e organo a trasmissione meccanica costruito da Giuseppe Bonatti nel 1713. Posto in cantoria, addossato alla controfacciata, sopra la porta di ingresso del santuario.

Controfacciata della chiesa del Santuario seicentesco di Valverde, cantoria e organo a trasmissione meccanica costruito da Giuseppe Bonatti nel 1713

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Neuroestetica – Ritratti e muscoli facciali. Come percepiamo le espressioni

Cecco del Caravaggio: la Resurrezione iperrealista e metafisica rifiutata per scandalo