Home / La guerra nell'arte / Arte e prima guerra mondiale. Sartorio, battaglie a colpi di pennello tratte dalle fotografie del fronte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Arte e prima guerra mondiale. Sartorio, battaglie a colpi di pennello tratte dalle fotografie del fronte

 di Federico Bernardelli Curuz

Un artista al passo coi tempi, che non disdegna di aprirsi al futuro e non dimentica il passato; immagine che calza a pennello alla figura poliedrica di Giulio Aristide Sartorio. Appassionato di pittura e poesia, si avvicina con interesse a nuove tecniche di rappresentazione all’avanguardia dei primi anni del Novecento, quali la fotografia (peraltro a lungo esplorata nel secolo precedente) e il cinema. Mentre i suoi colleghi non ritenevano, o perlomeno dichiaravano di non ritenere, “qualificante” ricorrere alla fotografia come mezzo utile e compatibile con la pittura, egli pensa che la nuova tecnica risulti come un elemento importante, se non indispensabile alla preparazione del dipinto, tanto che, dice, “persino Leonardo e Raffaello, se ritornassero a dipingere non rinunzierebbero ad un aiuto tanto comodo”.

box1Arruolatosi nel 1915, parte volontario per la prima guerra mondiale, destinazione Cormons, dove viene assegnato al comando del VI Corpo di Armata. Nonostante il conflitto lo impegni quasi completamente, Sartorio trova il tempo per dipingere e riesce a rendere utile al proprio Paese tale attività. Egli infatti rappresenta con minuzia importanti scene belliche come il Salto del ponte di Latisana, ma anche scene di momentanea quiete e riposo – di cui si ha un bell’esempio in Sacile -, ricoprendo, a tutti gli effetti, il ruolo assegnato oggi al reporter. L’Arma riconosce l’importanza della rappresentazione pittorica volta ad esaltare valorose azioni e a corredare la semplice visione dell’evento, che in fotografia apparirebbe fredda e distaccata, con una personale interpretazione emotiva e psicologica che la pittura consente di ottenere. Anche in seguito alla cattura e alla prigionia nel campo austriaco di Mauthausen, continua la sua attività di artista, insegna disegno ai compagni di detenzione.

Una volta liberato e tornato in patria decide di ripartire per il fronte dove, nelle vesti di civile, continua il suo lavoro di “documentarista”, e realizza dodici quadri relativi alla guerra sul Carso che, a detta di Sartorio, “riprodotti a colori, rappresentavano agli occhi degli alleati le difficoltà della nostra azione”. Dipinge altre sessanta opere che testimoniano la ritirata sul Piave e tutto ciò che è avvenuto fino al momento in cui il Delta viene riconquistato.

SACILE
Nelle sue rappresentazioni belliche Sartorio riesce a trasmettere efficacemente le sensazioni; la tensione del momento che precede lo scontro, ad esempio, resa attraverso l’utilizzo di tinte forti e accese, come il viola, che possono richiamare l’animo in subbuglio, carico di angoscia, e i verdi e i marroni, che rendono la scena ancora più cupa, rimandando ad uno scenario di morte e di dolore.

box2
Anche l’assalto ad una trincea nemica diventa, per l’artista romano, soggetto di un’opera. In Sbalzo di fanteria dalle trincee di Santa Caterina, appare l’abilità del pittore nel congelare l’attimo e con esso tutte le emozioni e le sensazioni che l’hanno accompagnato. Le figure dei soldati, rappresentate con brevi e marcati tratti neri, atti a creare una sorta di continuità nel tempo – tema caro anche al maggiore esponente del futurismo, Umberto Boccioni -, indicano la concitazione del momento e la rapidità delle azioni. Tale clima viene sottolineato ulteriormente dai contrasti che si creano tra il beige del terreno, che mette in risalto le sagome dei soldati lanciati all’attacco, e il bianco acceso, causa probabilmente della deflagrazione di una granata in zona austriaca, che irrompe nel cielo scuro.

La vita di Sartorio tra D’Annunzio,
Nietzsche e l’amore per il cinema

Giulio Aristide Sartorio nasce l’11 febbraio del 1860 a Roma. Figlio di Raffaele e nipote di Girolamo – entrambi scultori e pittori di discreto talento ma dalla carriera modesta -, si avvicina all’arte, studia e riproduce affreschi, quadri e statue delle basiliche e dei musei della Capitale. Agli esordi si impegna nella realizzazione di quadri di genere settecentesco, molto di moda verso la fine del XIX secolo; tale attività lo porta, a soli 19 anni, ad aprire uno studio in via Borgognona.

Si diletta, nel privato, a realizzare dipinti en plein air nella campagna romana. Nel capoluogo laziale conosce D’Annunzio – per il quale, nel 1886 illustrerà il romanzo Isotta Guttadauro -, Carducci ed Edoardo Scarfoglio. Tre anni dopo espone a Parigi, riscuotendo un buon successo (verrà premiato con la medaglia d’oro). In seguito ad un viaggio in Inghilterra, dove studia il preraffaellismo, nel 1895 si trasferisce in Germania; qui diventa professore dell’Accademia di Weimar. Nei sei anni di soggiorno in territorio teutonico conosce Nietzsche e i simbolisti tedeschi.


Tornato in Italia aderisce al Gruppo dei Venticinque, che riunisce i paesaggisti della Campagna romana. Partecipa alla Biennale del 1905 e del 1907 con fregi allegorici a chiaroscuro. Poco prima di partire volontario per la guerra – dove verrà ferito, fatto prigioniero e poi liberato – Sartorio diviene docente all’Accademia di Belle Arti di Roma. Terminato il conflitto mondiale, durante il quale realizza un buon numero di quadri bellici, si avvicina al mondo del cinema e, nel 1918, realizza un film, Il mistero di Galatea, per poi ripartire nel 1920 verso Egitto, Siria e Palestina, Sud America e Giappone.

Nel 1929 riceve il riconoscimento di Accademico d’Italia. Un anno dopo lavora alla decorazione del duomo di Messina, compito che non riuscirà a portare a termine (concluderà solo i bozzetti); Giuliano Aristide Sartorio, infatti, muore a Roma il 3 ottobre del 1932.

 

LE QUOTAZIONI DEI QUADRI DI GIULIO ARISTIDE SARTORIO. quanto vale un quadro di sartorio

http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?action=search&searchtype=p&searchFrom=auctionresults&entry=sartorio

 

 

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come Monet, per far vibrare le sue tele, inventò il linguaggio stenografico della luce

Le indiane d’America dell’Ottocento nelle fotografie. Protagoniste con orgoglio. Il video delle immagini