Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Scoperto in una cava un santuario dei legionari romani: resti di edifici, idoli, dei, rilievi e intonaci dipinti

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Resti integri ed eloquenti di un santuario romano composto da diversi templi sono stati trovati in queste settimane nei pressi di un giacimento d’argilla, in Olanda. Qui sono stati recuperati anche resti di idoli, rilievi e intonaci dipinti. Una particolarità è il ritrovamento di diverse pietre votive complete o altari dedicati a vari dei e dee.Gli archeologi di RAAP hanno fatto la scoperta sorprendente a Herwen-Hemeling (comune di Zevenaar), vicino a Limes romano, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questo è davvero eccezionale per i Paesi Bassi, ma anche a livello internazionale.

blank

blank

blank

blank

Tutto è iniziato alla fine del 2021 quando i membri dell’Associazione dei Volontari in Archeologia (AWN) si sono imbattuti nei primi segni di superficie, all’interno di una cava di argilla. Il materiale individuato è stato immediatamente segnalato all’Agenzia per i Beni Culturali (RCE). Dopo la scoperta, l’estrazione dell’argilla intorno al sito è stata interrotta e proseguita altrove nel sito. La RCE ha effettuato un primo sopralluogo, dopo di che l’ufficio archeologico RAAP ha svolto un’ulteriore indagine all’inizio del 2022 per conto della Provincia di Gelderland. Il sito si è rivelato davvero speciale. Ecco perché si è deciso di scavarlo. La Provincia e il Governo Centrale hanno messo a disposizione risorse per questo.
L’argilla è ancora estratta dalla cava in cui sono venuti alla luce i reperti. Il sito non è quindi accessibile al pubblico ed è strettamente protetto.

A Herwen-Hemeling, i soldati romani dal I al IV secolo si incontravano in questo punto per pregare e per fare sacrifici ai proprio Dei, sottolineando la propria origine culturale e spirituale romana. Un luogo di forte idententità, pertanto, che offriva la possibilità di incontrare i simulacri dell’Olimpo romano.

Il luogo era geograficamente speciale: all’incrocio tra il Reno e la Waal, l’area che sarebbe divenuta sacra venne artificialmente leggermente rialzata. In cima a questo poggio c’erano due, e forse più, templi. Uno di questi era un tempio comune gallo-romano con pareti dipinte di colori vivaci e un tetto di tegole. A pochi metri c’era un altro tempietto, anch’esso con pareti splendidamente dipinte.

Particolari sono i resti di diverse decine di pietre votive (piccoli altari) che furono collocate da soldati di alto rango per adempiere un certo voto. Le pietre sono dedicate a Ercole Magusano, Giove-Serapide e Mercurio. Anche un grande pozzo in pietra (nella foto, qui sotto) poteva avere una funzione speciale: una scala in pietra scendeva nell’acqua. Grandi fuochi sacrificali bruciavano intorno ai templi. blank

Nei Paesi Bassi sono noti diversi santuari romani, ma questo è il primo tempio trovato nei Paesi Bassi proprio al confine dell’Impero Romano (Limes). I templi di Elst, Nijmegen, Empel e Aardenburg sono oggi esempi ben noti. Il santuario di Herwen-Hemeling è speciale per una serie di motivi. Mai prima d’ora in Olanda era stato trovato un complesso così completo con un tempio, pietre votive e fosse con i resti di sacrifici. Inoltre, la quantità di frammenti di sculture in pietra calcarea è senza precedenti. Il sito è in uso da secoli e tale longevità è eccezionale. Herwen-Hemeling è molto completo. Diversi edifici romani furono infatti regolarmente lavorati in epoche successive come pratico stock di pietre già pronte che furono assorbite nei progetti edilizi dell’epoca. Questo è successo molto meno qui.

Il santuario è stato utilizzato principalmente dai soldati. Questo può essere provato dai numerosi timbri di origine militare sulle tegole. Inoltre, sono state trovate molte parti di finimenti per cavalli, parti di armature e, ad esempio, punte di lancia e lance. Decine di pietre votive furono erette da alti ufficiali dell’esercito romano. Hanno ringraziato un dio o una dea per aver soddisfatto il loro desiderio. Forse questo desiderio non era nemmeno quello di vincere una battaglia, ma di sopravvivere a un soggiorno in queste regioni settentrionali, lontano da casa. Motivo sufficiente per ringraziare.

blank

blank

blank

blank
Ciò che mostra bene il santuario di Herwen-Hemeling è quanta migrazione abbia avuto luogo durante quel periodo. Gli uomini venuti qui per fare un sacrificio erano stati in Ungheria, Spagna e Africa.
Vari capolavori del sito saranno in mostra al Museum Het Valkhof di Nijmegen da venerdì 24 giugno.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!