Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Scoperto in una collezione privata un quadro dipinto da Egon Schiele 16enne, a lungo cercato. Lo zio ritratto

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Il dipinto Leopold Czihaczek al pianoforte di Egon Schiele (1890-1918), uno dei primi importanti lavori dell’artista, sarà presto esposto al Museo Leopold, a Vienna, in prestito permanente.
Il direttore del Leopold Museum Hans-Peter Wipplinger e Verena Gamper, responsabile del Leopold Museum Research Center, sono riusciti a recuperare un vero tesoro d’arte con questo dipinto.

blank
Egon Schiele, Leopold Czihaczek am Klavier, 1907 © Leopold Museum, Vienna

“Il dipinto di Schiele del 1907 Leopold Czihaczek al Piano, che si credeva perduto, è stato infatti conservato in buone condizioni in una collezione privata. I proprietari dell’opera hanno convenuto di mettere il dipinto a disposizione del Museo Leopold come un prestito permanente. Dopo la pulitura e il restauro del dipinto, vogliamo renderlo accessibile al pubblico come parte della nostra esposizione permanente dedicata a Vienna 1900. L’opera sarà inoltre coniata come NFT (Non Fungible Token) e sarà un bonus highlight oltre alle opere selezionate per l’imminente lancio NFT delle opere di Schiele della Collezione Leopold. Ci auguriamo che il ricavato non solo finanzierà il restauro del dipinto, ma ci consentirà idealmente anche di acquistare il ritratto di Czihaczek.” Hans-Peter Wipplinger, Direttore del Museo Leopold
blank
Postkarte von Gustav Huber e Marie Czihaczek, 1930. © Leopold Museum, Wien

blank
LEOPOLD CZIHACZEK, ZIO E TUTORE DI SCHIELE
Il dipinto mostra lo zio e tutore legale di Egon Schiele, Leopold Czihaczek (1842-1929), che suona il pianoforte. Czihaczek aveva ricevuto l’opera direttamente dal nipote.
Schiele ha ritratto più volte suo zio tra il 1907 e il 1908. Dopo la prematura scomparsa del padre di Egon, Czihaczek – che era sposato con Marie, una delle sorelle di quest’uomo – assunse la tutela di Egon nel 1906. Il pubblico ufficiale Leopold Czihaczek era un sottosegretario e ispettore capo della Kaiser Ferdinands-Nordbahn appartenente alle Ferrovie dello Stato austriache reali imperiali. Il suo appartamento in Zirkusgasse nel quartiere Leopoldstadt di Vienna comprendeva un grande salone di musica con due pianoforti,

I PRIMI ANNI DI EGON SCHIELE ALL’ACCADEMIA
Egon Schiele originariamente intendeva studiare alla Scuola di Arti e Mestieri di Vienna. I disegni che presentò mostravano talento e gli fu consigliato di iscriversi all’Accademia di Belle Arti di Vienna. Il 3 ottobre 1906 Leopold Czihaczek telegrafò alla moglie Marie: “Egon passò splendidamente”. Il rapporto tra Schiele e il suo professore dell’Accademia Christian Griepenkerl (1839-1916), che all’epoca aveva già 68 anni e insegnò anche a Carl Moll, Richard Gerstl e Anton Faistauer, fu teso fin dall’inizio, portando Schiele e molti dei suoi colleghi a lasciare l’Accademia nella primavera del 1909.

“In termini di stile, la pennellata del dipinto rivela tendenze impressioniste e mostra la tavolozza tenue caratteristica della sua prima opera. In termini di composizione, Schiele ha proposto una differenziazione delle sezioni illuminate e in ombra, che gli ha permesso di negoziare il formato orizzontale insolitamente grande nonostante il prospettiva scelta. La vista ravvicinata del pianista, l’inquadratura della testa, mostrata di profilo, i vetri luminosi delle finestre e la conseguente messa a fuoco degli spartiti danno l’effetto di essere completamente immersi nella musica. Questo effetto riecheggia nelle mani che l’artista ha reso in modo deliberatamente sfocato e come se fosse staccato dal resto del corpo.” dice Verena Gamper del Centro Ricerche Museo Leopold

blank

DISEGNO PRELIMINARE, BOZZETTO A COLORI, PITTURA
Il dipinto era precedentemente noto solo da studi preliminari e da una fotografia in bianco e nero che mostrava una stanza in cui era appeso. Finora non erano state individuate né la tecnica né le misure dell’opera. Un primo disegno preliminare per il dipinto è datato “Schiele 17.IV.07”, mentre un successivo schizzo a colori (Rudolf Leopold 1972, n. 31; Jane Kallir 1998, P35) non è datato. Quest’ultima opera, una tempera su cartone di 23,9 × 36,7 cm, è oggi conservata al Wien Museum. Il dipinto, che misura 60,2 x 100,7 cm (Rudolf Leopold 1972, n. 31 a), ha una scritta sul verso del telaio: “begonnen 21.IV.07” [iniziato il 21 aprile 1907] ed è firmato e datato nella parte anteriore in basso a destra “Schiele 12.V.07”. Schiele dipinse così l’opera all’età di 16 anni, poco prima del suo 17esimo compleanno.

Il dipinto è racchiuso dalla cornice originale e la tela è tesa sul telaio originale con vecchi chiodi. La cornice è la stessa che appare nella fotografia di una cartolina illustrata inviata da Gustav Huber (1878–1945) a Marie Czihaczek all’inizio di dicembre 1930. Gustav Huber – che come Schiele aveva ricevuto un sostegno finanziario da Leopold Czihaczek in seguito alla prematura scomparsa dei suoi genitori, possedette il dipinto fino alla sua morte nel 1945. Successivamente rimase parte di una collezione privata.
blank

PROVENIENZA ININTERROTTA
La provenienza dell’opera è del tutto chiara: da Leopold Czihaczek è passata in possesso di Gustav Huber, Vienna (prima del 1930–1945), e successivamente è rimasta parte di una collezione privata austriaca. Melanie Schuster, la sorella maggiore di Egon Schiele, disse che Gustav Huber e Leopold Czihaczek si conoscevano tramite il padre di Huber. Czihaczek aveva pagato gli studi di legge di Gustav Huber. Quando quest’ultimo fu nominato direttore delle Ferrovie dello Stato austriache – la data esatta di questa nomina non è chiara – Huber avrebbe chiesto in regalo il dipinto “Leopold Czihaczek al Piano”. Un modo per avere davanti a sè il volto del proprio benefattore.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!