Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Scultura romana in legno del I secolo d. C: trovata e recuperata in un fossato. Si è conservata grazie acqua ed argilla

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Durante i lavori del progetto HS2 -la Ferrovia dell’Alta velocità – è stata scoperta una rara figura scolpita in legno dei primi romani in Britannia. Gli archeologi di Infra Archaeology, che lavorano per l’appaltatore Fusion JV di HS2, hanno rimosso la figura ben conservata da un fossato romano allagato, in un campo a Twyford, nel Buckinghamshire.

Mentre stavano facendo un sopraluogo all’area, durante gli studi di archeologia preventiva che possono dare il via libera ai lavori per la nuova ferrovia, il team si è imbattuto in quello che inizialmente si pensava fosse un pezzo di legno degradato. Mentre continuavano a scavare, è emersa questa figura antropomorfa, ricavata da un unico blocco ligneo. La scultura è alta 67 cm e larga 18 cm.
blank
Una prima valutazione fa risalire la figura lignea al primo periodo romano, dato lo stile dell’intaglio e l’abbigliamento a tunica. Nello stesso fossato sono stati scoperti anche frammenti di ceramica risalenti al 43-70 d.C. E’ probabile che la scultura sia stata gettata deliberatamente nel fosso, in seguito alla cristianizzazione dell’area. L’opera d’arte si è conservata grazie alla mancanza di ossigeno e alla presenza di argilla e d’acqua.

Parlando dell’incredibile scoperta, Iain Williamson, archeologo di Fusion JV, ha dichiarato: “La straordinaria scoperta di questa figura in legno è stata del tutto inaspettata e il team ha fatto un ottimo lavoro nel recuperarla intatta. La conservazione dei dettagli scolpiti nel legno come i capelli e la tunica inizia davvero a ridare vita all’individuo raffigurato. Non solo la sopravvivenza di una figura in legno come questa è estremamente rara per il periodo romano in Gran Bretagna, ma solleva anche nuove domande su questo sito. Chi rappresenta la figura in legno, a cosa serviva e perché era importante per le persone vivere in questa parte del Buckinghamshire durante il I secolo d.C.?”
blank
Mentre la figura è in buone condizioni, le braccia, sotto i gomiti, e i piedi sono degradati. Una sorprendente quantità di dettagli rimane visibile nell’intaglio, come l’acconciatura della figura. La testa è leggermente ruotata a sinistra. La tunica, davanti, sembra essere raccolta in vita fino al livello del ginocchio e le gambe e la forma dei muscoli del polpaccio sono ben definite.

blank

Un piccolo frammento della statua, trovato spezzato nel fossato, è stato inviato in laboratorio per la datazione al radiocarbonio. Si cercherà anche di stabilire l’origine del legno stesso. La statua fu scolpita qui o veniva direttamente dall’Italia?

Helen Wass, Head of Heritage di HS2 Ltd, ha dichiarato: “Il nostro programma di archeologia senza precedenti, che si sviluppa tra Londra e Birmingham ci ha fornito una grande ricchezza di nuove informazioni sul nostro passato. Nel Buckinghamshire, il nostro attento lavoro ci ha permesso di costruire una comprensione molto più ampia del modo in cui il paesaggio fosse utilizzato dai nostri antenati, specialmente durante il periodo romano”.
blank
La presenza di figure intagliate, in legno, nella preistoria britannica e nel periodo romano-britannico è estremamente rara. Nel 2019 un ramo di legno, ritenuto un’offerta votiva romana, è stato trovato in fondo a un pozzo a Northampton. Esempi di figure scolpite romane complete sono stati recuperati a Digione e Chamalières in Francia. Una scultura in legno, l ‘”Idolo di Dagenham”, è stata recuperata dalla riva nord del Tamigi nel 1922 ed è stata datata al periodo neolitico e una figura scolpita della prima età del ferro è stata recuperata dalle rive del fiume Teign, Kingsteignton nel 1866 .
blank
Jim Williams, Senior Science Advisor per l’Inghilterra storica, ha dichiarato: “Questa è una scoperta davvero straordinaria che ci porta faccia a faccia con il nostro passato. La qualità dell’intaglio è squisita e la figura è tanto più eccitante perché gli oggetti organici di questo periodo raramente sopravvivono. Ulteriori analisi potranno fornire più dettagli, forse anche fornendo indizi sul luogo in cui l’opera è stata realizzata”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!