Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Si indaga su Damiano Zambelli, un frate intarsiatore del Cinquecento fuori dai cori

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

In copertina: Fra Damiano Zambelli (1480 circa – 1549), Crocifissione, 1530 circa (dettaglio), cm 80 x 55,5,Collezione privata, Milano | Foto Roberto Serra

Nell’ambito delle celebrazioni internazionali per l’ottavo centenario della morte di San Domenico, i Musei Civici d’Arte Antica di Bologna organizzano, in collaborazione con l’Ordine dei Predicatori, una mostra sul “principe degli intarsiatori” fra Damiano Zambelli (Bergamo, 1480 circa – Bologna, 1549), visibile al Museo Davia Bargellini dal 2 ottobre al 5 dicembre 2021 con ingresso gratuito.

Del frate bergamasco, trasferitosi nel 1528 a Bologna, dove fu attivo nel convento di San Domenico per un ventennio, sono esposte due tarsie oggi in collezione privata, rappresentanti una Flagellazione e una Crocifissione, affiancate per la prima volta al commesso ligneo conservato al Museo Davia Bargellini, raffigurante a sua volta quest’ultimo soggetto.

L’esposizione, curata da Mark Gregory D’Apuzzo, Lorenzo Mascheretti e Massimo Medica, si giova della disponibilità della proprietà e del sostegno della Galleria Longari Arte Milano e prevede un focus, attraverso pannelli esplicativi, anche all’interno del coro della basilica di San Domenico a Bologna, dove il visitatore troverà approfonditi alcuni postergali che sono in dialogo con le tarsie presentate al museo. I tre mosaici di legname raffigurano infatti composizioni analoghe a quelle visibili nel coro della basilica bolognese, capolavoro di fra Damiano, eseguito con aiuti a partire dal 1541 e terminato un decennio più tardi, poco dopo la morte dell’artista.

blank

La scelta di ambientare la mostra presso la sede del Museo Davia Bargellini è motivata – oltre che dalla citata presenza nella collezione permanente di una tarsia di fra Damiano, proveniente dalla collezione del marchese Virgilio Davia – dalla natura dei pezzi esposti, simbolo di una tecnica artistica posta all’«incrocio di tutte le arti» (André Chastel) e particolarmente diffusa nel corso del Quattrocento e del Cinquecento.

blank
Bologna – 29/09/2021 – la mostra “Fuori dal Coro” dedicata alle tarsie al Museo Civico Collezione Davia Bargellini di Bologna (Roberto Serra / Iguana)

La carriera di fra Damiano coincise con la stagione più esuberante, seppur terminale, di quest’epoca. La sua produzione artistica non si limitò alla realizzazione tradizionale di arredi liturgici e mobili presbiteriali, ma “uscì dai cori” attraverso l’esecuzione di veri e propri “quadri di tarsia” destinati a un precoce collezionismo privato. Tra i primi estimatori dell’arte di fra Damiano, accanto ai grandi nomi di Carlo V, Alfonso d’Este e Paolo III, si registrano Francesco Guicciardini, Leandro Alberti e Sabba da Castiglione. Le opere esposte sono un esempio di questa fortuna collezionistica e dimostrano la larga richiesta di simili oggetti da parte della committenza aristocratica.

blank
Museo Collezione Davia Bargellini di Bologna (Photo by Roberto Serra / Iguana)

Oltre a creare l’occasione per riflettere sui fenomeni di collezionismo di tale tipologia di prodotti artistici a partire dal XVI secolo, riunire le tre tarsie offre il pretesto per un ragionamento sulle loro tecniche di produzione: l’eccezionale accostamento dei due pezzi gemelli raffiguranti la Crocifissione consente di meditare sulla pratica del riuso dei cartoni preparatori, assai diffusa all’interno delle botteghe coeve.
La mostra è accompagnata da un catalogo a cura di Lorenzo Mascheretti (Éditions Ligéa, Parigi) con testi introduttivi di Massimo Medica e p. Gianni Festa OP, che ha presieduto il Comitato Internazionale per il Giubileo di San Domenico.
Sono inoltre previste visite guidate alla mostra e al coro di San Domenico di Bologna e due conferenze di Lorenzo Mascheretti dedicate all’approfondimento dei temi trattati in mostra.

Visite guidate alla mostra e al coro di San Domenico
sabato 2 ottobre 2021 h 10.00 (a cura di Lorenzo Mascheretti)
sabato 16 ottobre 2021 h 10.00 (a cura di Francesco Zagnoni)
sabato 30 ottobre 2021 h 10.00 (a cura di Francesco Zagnoni)
sabato 6 novembre 2021 h 10.00 (a cura di Lorenzo Mascheretti)
sabato 20 novembre 2021 h 10.00 (a cura di Francesco Zagnoni)
sabato 4 dicembre 2021 h 10.00 (a cura di Lorenzo Mascheretti)
Ingresso: gratuito.
Prenotazione obbligatoria: tel. +39 051 236708 (martedì, mercoledì, giovedì h 10.00 – 15.00; venerdì h 14.00 – 18.00).
Prenotazione per gruppi organizzati: [email protected]
Lo svolgimento delle attività è subordinato all’evolversi delle disposizioni governative in merito all’emergenza sanitaria in corso.

Conferenze
mercoledì 6 ottobre 2021 h 17.00
Lorenzo Mascheretti
Fra Damiano Zambelli intarsiatore a Bologna (1528-1549)
Convento Patriarcale di San Domenico, Sala della Traslazione | Piazza San Domenico 13
Ingresso: gratuito

mercoledì 1 dicembre 2021 h 17.00
Lorenzo Mascheretti
Collezionare la tarsia di fra Damiano, dal Cinquecento al Novecento
Museo Civico Medievale, Lapidario | via Porta di Castello 3
Ingresso: gratuito

Opere in mostra
Fra Damiano Zambelli da Bergamo (1480 circa – 1549)
Crocifissione, 1530 circa
Collezione privata, Milano

Fra Damiano Zambelli da Bergamo (1480 circa – 1549)
Crocifissione, 1540 circa
cm 87 x 63
Museo Davia Bargellini, Bologna (inv. 462)

Fra Damiano Zambelli da Bergamo (1480 circa – 1549)
Flagellazione, 1540 circa
cm 76,5 x 51,5
Collezione privata, Milano

Fuori dai cori
Tre “quadri di tarsia” di fra Damiano Zambelli da Bergamo (1480 circa – 1549)
A cura di
Mark Gregory D’Apuzzo, Lorenzo Mascheretti, Massimo Medica
Mostra promossa da
Istituzione Bologna Musei | Musei Civici d’Arte Antica
Sede
Museo Civico d’Arte Industriale e Galleria Davia Bargellini
Strada Maggiore 44 | 40125 Bologna
Periodo di apertura
2 ottobre – 5 dicembre 2021

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!