Home / News / Soluzione quiz: Matisse, Nudo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Soluzione quiz: Matisse, Nudo


Ecco la soluzione del quiz “Quale opera si nasconde dietro questa immagine?”

 

Henri Matisse, Nudo

Henri Matisse, Nudo

Le odalische di Henri


di Enrico Giustacchini

Abbiamo già raccontato di come nacque il Fauvismo, una delle grandi rivoluzioni del secolo scorso. Secolo che è appena agli albori quando, nel 1901, André e il suo erculeo e fedele amico, Maurice de Vlaminck, decidono di visitare la mostra di Van Gogh inaugurata alla parigina Galerie Bernheim-Jeune, e ne restano folgorati. In sala c’è un altro amico di Derain, un omino che fa il pittore pur non avendone certo l’aria, con quell’aspetto da contabile che lo contraddistingue. Così l’omino ricorderà l’incontro: “Vidi André accompagnato da un giovane di taglia gigantesca che, con voce autoritaria, manifestava il proprio entusiasmo. Urlava: ‘Bisogna dipingere con cobalto puro, vermiglione puro, veronese puro!’”. matissetappetoLa scintilla è scoccata, i Fauves (ossia le “belve”) stanno per cominciare ad emettere i propri ruggiti: e a ruggire con forza ci sarà anche lui, il minuscolo pittore dalla faccia rispettabile, che risponde al nome di Henri Matisse. Matisse e Derain si rendono conto di avere molte idee in comune, e scelgono di trascorrere qualche tempo lavorando insieme a Collioure, piccolo porto nel sud della Francia. Alloggiano nello stesso albergo, l’Hôtel de la Gare. Si scambiano in continuazione idee, suggerimenti, dubbi. Discutono del valore del colore disteso, della luce incorrotta, assoluta, senza ombre. Dissertano sulla larghezza e sulla direzione delle pennellate. Si ritraggono a vicenda (le due opere sono oggi alla Tate di Londra). In una lettera a Vlaminck, Derain dichiara: “Matisse è un tipo assai più straordinario di quanto immaginassi, dal punto di vista della logica e delle speculazioni psicologiche”. Rammemorando quei giorni, Henri affermerà in seguito: “Eravamo all’epoca come fanciulli di fronte alla natura e lasciavamo parlare il nostro temperamento”. Tornati a Parigi, nello stesso anno i due espongono i loro quadri al Salon d’Automne accanto alle tele di Puy, Valtat, Manguin e Rouault, in un’unica sala. L’interesse destato è enorme. E anche lo scandalo: è in tale occasione che un critico definisce i sei pittori con l’appellativo di Fauves. Ma quello che doveva essere un insulto diventerà in breve un “marchio” di successo. Tuttavia, le strade dei componenti del gruppo si divideranno presto. Nel 1907 Matisse viaggia per l’Italia, scopre Giotto e il Duecento senese. “Giotto è all’apice dei miei desideri” confesserà a Pierre Bonnard. Riflessi di questa “scoperta” si colgono già nella seconda versione del Lusso (1907-8), caratterizzata da un segno armonioso al servizio di un senso arcanamente allegorico. Nei pannelli del 1910, Danza e Musica, il tema dell’età dell’oro consente ad Henri di pervenire ad un profondo legame tra forma e colore, in un richiamo all’eternità del Mito che non può e non vuole prescindere dalle novità del tempo presente. L’ormai ex “belva” continua a guardare indietro. E non solo alla tradizione artistica e culturale europea. “La rivelazione mi è venuta dall’Oriente” arriva a dichiarare. “Da un lato – osserva con la consueta acutezza Maria Teresa Benedetti nel saggio per il catalogo Skira della recente mostra Matisse e Bonnard. Viva la pittura! – egli crea un legame fra arti maggiori e minori che sembra direttamente antitetico alla tradizione occidentale, dall’altro, nello stabilire un rapporto fra i due mondi, fa sì che diventino enigmaticamente uno, in modo da fondere l’appagamento visivo e la speculazione intellettuale. Pierre Schneider ha segnalato l’importanza dell’arte orientale, l’islamica in particolare, come fondamentale nell’ideale decorativo di Matisse, strettamente connesso all’estetica del dipinto e totalmente estraneo a mode che prenderanno forma nell’art déco”. Nel 1917, il Nostro si trasferisce a Nizza. Qui vivrà e lavorerà spesso negli anni a venire. L’avanguardia è definitivamente alle spalle, inizia per lui un periodo all’insegna di una virtuosistica rappresentazione della figura che giunge ad esiti di straordinaria felicità cromatica. Per un decennio, egli si immerge in “un mondo di modelle e odalische calme e sontuose, sullo sfondo di un Mediterraneo trasognato che si estende al Marocco e al Medioriente. La sua è una via ‘veneta’ alla classicità, incentrata sul colore: ‘La grande conquista moderna è la scoperta del colore’. (…) La tradizione, così, si è arricchita di nuovi mezzi espressivi”. (Elena Pontiggia) La svolta non è però indolore. Una parte della critica accoglie con freddezza e perplessità l’inedito Matisse. Jean Cocteau, ad esempio, commenta sferzante: “Ecco il fauve inzuppato di sole, diventato un gattino di Bonnard”. Henri il traditore, però, va avanti imperturbabile. Ciò che gli preme, fa sapere, non è la natura morta, né il paesaggio, ma la figura umana, “che mi offre il modo migliore per esprimere il sentimento per così dire religioso che ho della vita”. Anche se in realtà – citiamo sempre Maria Teresa Benedetti – “alla tensione verso la singola figura, l’artista sostituisce l’interesse per la totalità dell’area dipinta, per una struttura iconica legata all’economia dell’opera, alla consistenza della materia, del colore, alla coincidenza di linee, forme, arabeschi, alla sintassi generale. ‘L’intera organizzazione del mio dipinto è espressiva: il luogo occupato dalle figure, gli spazi vuoti intorno ad esse, le proporzioni, ogni cosa ha un suo ruolo’. Il processo dell’identificazione con la modella deve poggiare su una distanza psichica e fisica. Egli ricerca ‘una pittura architettonica (…) dove l’elemento umano sembra dover essere temperato, se non escluso’”. E’ in questo contesto che prende a muoversi il fascinoso corteo delle odalische. Fino al 1928, Matisse ne farà il soggetto preferito di molti dei suoi quadri, elemento euritmico ed euritmicamente inserito tra le decorazioni – gli arazzi, le stoffe, gli oggetti, i frutti e i fiori – dell’ambiente che lo circonda. E quando smetterà di dipingerle, le odalische, comincerà a disegnarle. Quei corpi musicali, magici e sensualissimi, saranno cantati dalle inconfondibili linee ininterrotte tracciate sul foglio bianco. “I miei disegni sono generatori di luce” sosterrà l’artista, quasi a voler ribadire la non secondarietà del medium rispetto alla pittura. Henri aveva lavorato frequentemente con la matita e in ambito litografico già nel decennio “fatidico”. Vi sono disegni e incisioni in cui il corpo nudo della modella è rappresentato con un’insolita vena realistica, che accentua lo sforzo muscolare. Evidente qui l’influsso di Michelangelo, la cui lezione proprio in quel decennio Matisse aveva, per così dire, fatta sua, quasi a voler “bilanciare” la levità della descrizione iconica che ne suggella spesso l’opera (al magistero di Michelangelo – e di Raffaello – il Nostro si riferirà anche nell’ultima stagione della vita, quando, a proposito del ruolo della figura all’interno della composizione, sottolineerà che i due maestri, “a prescindere dalla ricchezza spirituale che hanno profuso negli affreschi, non hanno appesantito i loro muri con le espressioni dell’umano, che ci separa costantemente dall’insieme, come avviene soprattutto nel Giudizio universale”). Allorché, nel 1954, se ne andrà da questo mondo, Henri, la “belva” domata dalla ricerca della serena bellezza senza tempo e senza confini, sarà ricordato da Picasso proprio così, avvinto in un ideale abbraccio ad ammalianti fanciulle levantine. “Matisse morendo mi ha lasciato le sue odalische”, saranno le parole dell’estremo omaggio del pittore catalano. Anche Picasso, del resto, aveva subito, sia pure in forme e modi diversi, uguali malie. Come bene ha osservato Pierre Daix, peraltro, “nessuno dei due ha pensato di rinnegare la propria modernità; semplicemente, l’ha messa alla prova dei sogni di armonia che la pace reclamava”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

L’arte del verde. Hai in casa una banana da buttare? Ecco come ricavarne un banano onamentale

Marietta Robusti, vita e morte prematura dell’adorata figlia pittrice di Tintoretto