Home / Arte contemporanea / Arte e moda / Stile senza tempo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Stile senza tempo

La Triennale di Milano ospita per la prima volta un grande evento espositivo dedicato ad uno stilista. Si tratta della mostra Giorgio Armani, destinata a celebrare la carriera di uno dei massimi protagonisti della moda mondiale, considerato l’icona dello Stile italiano.
L’esposizione, organizzata con il patrocinio del Comune, e curata da Germano Celant, giunge a Milano completamente rivista e ampliata, dopo le molte tappe internazionali di un viaggio cominciato a New York oltre sei anni fa, dove fu inizialmente concepita per il Solomon R. Guggenheim Museum; le mete successive erano state Bilbao, Berlino, Londra, Roma, Tokyo e in ultimo Shanghai, la metropoli che ha acquisito il titolo di “capitale della moda” cinese, mentre in futuro essa è destinata ad essere accolta in un archivio permanente. Anche in quest’occasione, il progetto dell’allestimento, studiato appositamente per i moderni spazi della Triennale, è stato affidato a Robert Wilson, regista teatrale e visual artist, già designer delle precedenti edizioni.
Seguendo il suggestivo percorso ideato da Wilson, la mostra si sviluppa su due interi piani della prestigiosa sede milanese, offrendo una prospettiva tematica della carriera di Giorgio Armani, a cui è stato riconosciuto il merito di aver radicalmente modificato le regole della moda contemporanea e di aver creato una visione senza tempo del vestire moderno. Nell’affascinante allestimento, fatto di luce, musica e suggestioni formali di grande intensità, trova spazio una ricchissima selezione di documenti, a cominciare dagli oltre seicento abiti, ma anche schizzi originali e registrazioni audio e video.
L’obiettivo è quello di offrire al pubblico un’inedita possibilità di avvicinamento e di confronto con il lavoro dello stilista piacentino, e della sua evoluzione nel corso degli ultimi tre decenni, illustrando in particolare l’impatto culturale della sua attività e sottolineando pure il suo ruolo anticipatore nel mondo del cinema. La rassegna propone infatti anche una galleria dedicata ai rapporti di Armani con l’industria dello spettacolo – con particolare riferimento agli Academy Awards e ai film per i quali egli ha creato i guardaroba – e presenta molti dei modelli eseguiti nel corso degli anni proprio per le cerimonie di consegna degli Oscar.
Come ha sottolineato Davide Rampello, presidente della Triennale: “Realizzare qui la mostra sull’opera di Giorgio Armani significa celebrare uno dei più grandi esponenti della cultura del progetto. Dietro a ogni abito o accessorio firmato da Armani c’è un ‘sistema’ di design fatto di creatività, progettazione e produzione industriale: un universo articolato in cui si intrecciano pulsioni artistiche e necessità funzionali. Sarà un vero piacere, per tutti i visitatori della mostra, scoprire quanta complessità di pensiero e quanta ricchezza di lavoro ci sia nella pulizia delle sue linee, nell’essenzialità elegante delle sue forme”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Teste vere o di fantasia. Ma tutte inturbantate

Francois Boucher, il bidet delle signore che i signori non dovrebbero mai vedere (1740-1760)

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp