Home / Pittura del Novecento / Tadini, l’immagine è magia nella tragicommedia della vita
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Tadini, l’immagine è magia nella tragicommedia della vita

di Alessandra Zanchi

tadi31

L’Il ricordo di Emilio Tadini (Milano 1927-2002) non si spegne. Lo intervistammo nel 2001, quando una grande antologica  a Palazzo Reale di Milano ne consentì di vedere il percorso dalla fine degli anni Cinquanta fino a quei giorni. “Stile Arte” ha colse  l’occasione per chiedere all’artista di parlare della sua poetica e dei momenti più significativi della sua carriera.




Emilio Tadini, oltre che pittore, è critico, saggista e scrittore. Dopo l’esordio sulla rivista “Il Politecnico” di Vittorini nel 1947, approda nel ’63 al primo romanzo “L’armi l’amore”. Seguono molti successi e soprattutto il capolavoro “La Tempesta” del ’93, che ha altresì ispirato un lavoro teatrale. Maestro, ci racconti di come è nato il desiderio di intraprendere la pittura dopo la formazione in ambito letterario. Ho cominciato fondamentalmente come scrittore anche se già mi dilettavo con il disegno e con qualche dipinto. L’inizio di un lavoro più sistematico in pittura è stato in realtà una evoluzione successiva ma molto naturale, che temporalmente ha coinciso con la fine degli anni Cinquanta. Ero amico di tanti artisti, tra cui Tancredi e Romagnoni – e già questo mi avvicinò alla pittura -, ma certo fu determinante l’incontro con Marconi, che ai tempi iniziava con la sua galleria. Alla prima mostra organizzata da lui c’eravamo io, Adami, Schifano e Del Pezzo.

Il suo linguaggio pittorico si esprime tramite una figurazione alquanto originale che si sviluppa attraverso grandi cicli tematici. Uno stile molto personale, ormai inconfondibile. Quali sono stati, tuttavia, i punti di riferimento fondamentali, tra i maestri del Novecento? E quali i rapporti con gli artisti della sua generazione?
I punti di riferimento erano moltissimi. Sicuramente Picasso, con il suo modo di articolare la forma e muoverla da dentro, e poi soprattutto il De Chirico metafisico degli anni Venti. Senz’altro anche Chagall, con la sua mancanza di gravità e leggerezza surrealista. L’elenco potrebbe continuare a lungo perché è segno di una certa propensione all’arte – non dico talento – l’apprezzamento profondo di qualsiasi “testo” che piaccia. Leopardi diceva che un vero poeta si distingue dal fatto che quando legge una bella poesia di un altro vorrebbe subito farne una esattamente uguale, non solo ispirarsi ad essa. Credo che il confronto sia un’alimentazione continua da cui non si può prescindere. L’ultima fonte d’ispirazione è stato Beckmann. Una decina di anni fa la vista dei suoi trittici mi ha davvero scosso, ed ho iniziato ad utilizzare questa soluzione formale di antica memoria proprio in omaggio all’artista tedesco.
Flavio Caroli ha scritto che il fulcro di ogni investigazione teorica sull’attualità riguarda per forza di cose la modificazione dell’inconscio collettivo nella realtà “informatico-massificata-spettacolare” che ci travolge, ma che un artista come Tadini riesce a raggiungere un equilibrio perfetto tra l’esigenza contingente di immagini semplificate e il bisogno atavico di intelligenza e sensualità, secondo antica tradizione pittorica. Una combinazione dunque di emblemi Pop e della complessità metafisica di De Chirico, come lei ha per esempio citato. Cosa ne pensa?
Io penso che l’Avanguardia del secolo scorso, da Picasso in avanti, sia stata determinante per la sperimentazione della lingua della pittura; lingua che vale assolutamente la pena di preservare e custodire, nonostante l’irrompere di altre lingue. Come il teatro non è finito con l’avvento del cinema, così la pittura è un campo che ha ancora molto da dire e da esplorare. Ogni bambino di qualsiasi etnia o parte del mondo prende d’istinto una matita o un rametto e traccia un segno. La tendenza alla figurazione è qualcosa di assolutamente connaturato alla specie. Ovviamente la realtà che ci circonda influisce anche sull’arte. Tra gli stilemi Pop, con cui mi sono ovviamente confrontato sin dagli esordi, preferisco comunque il fenomeno inglese, Tilson per esempio, anche se è quello americano che ha radicalizzato il fenomeno. E tra gli americani in ogni caso prediligo un artista come Rauschenberg che conserva il gusto dell’action painting, quindi del far “sentire” la materia dipinta.


Tra l’opera pittorica e quella letteraria è noto che lei ricerchi una continuità. Può farci qualche esempio per illustrarci come è possibile superare o annullare le barriere tra i due diversi ambiti espressivi – in tal senso, lei ha parlato spesso di intreccio tragicomico – pur rispettando le particolarità di ogni linguaggio?
Ad di là delle definizioni di poetica “integrale” o “intertestualità”, che sono giudizi a posteriori e di cui non c’è una vera coscienza, si tratta di un legame difficile, perché nella pratica del lavoro le due cose si separano. Dipingere è per me proprio uno staccarsi dal mondo della letteratura e viceversa. Succede poi che un tema come quello del “Profugo”, titolo e personaggio di un poemetto, transiti verso la pittura diventando parte di uno dei miei ultimi dipinti. Gli scambi sono continui e costante è il legame tra tragico e comico, che nei quadri si evidenzia sovente con il tipico naso da clown. Tuttavia mi pare che la lingua delle parole sia più “reale” rispetto al libero linguaggio delle immagini. Come dice un anagramma francese, l’immagine è magia (image-magie). La parola è connaturata al fatto che un fonema è legato ad una cosa e non è facile staccarlo da essa. Si pensi alla parola “uomo” e a che fatica bisogna fare per piegarla ad un significato diverso dalla visione che ne abbiamo, mentre un uomo disegnato si può infinitamente variare.
Quali sono i suoi progetti per il futuro, tra arte e letteratura?
Questa mostra mi ha impegnato molto, anche perché si ha sempre voglia di inserire l’ultimo quadro… Sto comunque preparando un monologo teatrale per la “Maratona di teatro” di questa estate e un libro di racconti.
Con la mostra antologica a Palazzo Reale il Comune di Milano rende omaggio ad uno dei suoi artisti più importanti. Le chiediamo di segnalarci le opere che considera cruciali in questo percorso.
La mostra è giocata sulla presenza di opere di grandi dimensioni con l’intermezzo di piccoli quadri, dipinti recentemente sul tema delle fiaba e corredati da un mio testo in catalogo sul concetto stesso di fiaba. Un concetto che fu definito bene da Dumézil quando diceva di avere passato la vita a cercare di scoprire la differenza oggettiva tra fiaba e mito e di non esserci mai riuscito.

GRATIS STIME, QUOTAZIONI E RISULTATI D’ASTA DI EMILIO TADINI. QUANTO VALE UN QUADRO DI EMILIO TADINI. CLICCA QUI SOTTO

http://www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?entry=emilio%20tadini&searchtype=p&searchFrom=auctionresults

 

http://www.youtube.com/watch?v=-F2HAVqM_98

 

SE HAI GRADITO QUESTO SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Finestre, vetri, labirinti di luce lattiginosa. Il pittore esistenzialista che precedette Hopper. Il video

Richter cerca il Sublime e l’anti-nichilismo. Sì, è lui, con l’astratto, che tiene in vita la pittura di paesaggio. Il video