Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “arteterapia”

I medici canadesi prescrivono la visita al museo come terapia anti-stress. Anche Milano studia gli effetti

La GAM e il Museo di Storia Naturale, a partire da fine settembre, metteranno quindi a disposizione alcune sale dove ricercatori dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dell’Università degli Studi di Milano e terapeuti abilitati applicheranno diverse modalità di indagine a gruppi di persone che parteciperanno a titolo volontario. Ogni gruppo sarà composto da dieci persone per un’esperienza della durata di circa due ore

Van Gogh, 16 autoritratti. Cambiano stile e volto, seguendo dolore e disturbi psichici del pittore

Tra le opere due autoritratti di Vincent van Gogh, che non si vedevano insieme da quando aveva lasciato il laboratorio dell'artista nel manicomio Saint-Paul-de-Mausole a Saint-Rémy-de-Provence, nel sud della Francia, sono stati riuniti per la prima volta in oltre 130 anni alla Courtauld Gallery

Stone balancing, le pietre degli scultori spirituali

Realizzano figure o composizioni, richiamandosi agli antenati primordiali che si integravano con il sole e la natura. L'equilibrio delle pietre diviene così una sorta di arte-preghiera che induce all'equilibrio interiore. Vendono le foto delle loro realizzazioni a pochi euro

Renoir – Giardini e fiori in pittura, uno splendido video sull'attimo che fugge

Giardini e fiori sono elementi portanti della pittura impressionista, che si colloca sempre nelle dimensione del presente, per scandagliare otticamente la realtà nel suo momento effimero e transitorio. I dati naturali, le essenze arboree, le piante fiorite costituiscono un polifonico banco di prova del colorismo impressionista, per questi artisti che credono nella luce e nella bellezza della natura, da godere in un istante poiché poi muterà e non sarà più quella. Qui presentiamo un viaggio tra fiori e giardini dipinti da Renoir

Perchè la pittura impressionista ci dà piacere. La differenza tra effetto e impressione

Ciò che risulta basilare, nell'impressionismo, non è il rilevamento fotografico della realtà, ma una percezione e una rappresentazione emozionali, selettive, amplificanti, che tendono a privilegiare certe aree di osservazione, a potenziare il rapporto luce ed ombra, ad incrementare la vibrazione cromatica, il senso di calore o di freddo. Una sintesi cromatica che muove intensi ricordi sensoriali nello spettatore