Press "Enter" to skip to content

Tutto su “claude monet tecnica”

Ninfee di Monet – Storia, tecniche, segreti e valori. I quadri dei fiori d’acqua. E il video

Nel momento in cui l'artista decide di lavorare attorno a uno spazio conchiuso, la pittura en plein air, sciolta e aperta, muta radicalmente e Giverny diviene un vero e proprio laboratorio pittorico, in cui il consueto paesaggio - inteso in maniera ottecentesca con impaginazioni a campo largo - si riduce, con il tempo, a campi medi e primi piani. Ninfee e glicini, nel laghetto di Giverny, sono pertanto una svolta concettuale nel mondo pittorico di Monet.

Come dipingeva Claude Monet – Guarda qui "Le ninfee" con la super-lente elettronica

Da evidenziare un altro aspetto fondamentale che sfata il mito che i quadri fossero realizzati in una sola seduta. Se osserviamo nella parte bassa del dipinto vediamo che il colore di base del lago è blu scuro. Monet ha lasciato asciugare la prima preparazione e ha poi sovrapposto, a film pittorico asciutto, una pennellata trascinata color bianco sporco, che ha creato i riflessi della luce.  Da sottolineare anche il fatto che, con la direzione della pennellata, l'artista tendeva a suggerire la forma, con pochi o un sol tratto di trascinamento del colore stesso

"Autopsia" su Monet distrutto svela le tecniche che diedero luce gioiosa al quadro

L'artista ha steso una preparazione grigio-rosa. E' intervenuto poi con pennellate molto materiche, di terre, per ricostruire le masse, con minori accumuli nelle zone del cielo e dell’acqua, dove ha lasciato trasparire la preparazione chiara. Ciò che egli si può affermare è il fatto che, per rendere cangiante e luminoso il quadro, lo trattava come se stesse dipingendo una perla, utilizzando gli stessi colori che ne definiscono intimamente la luminescenza.