Tag Archivi: I fiori nell’arte

Giovanni Battista Lombardi – Dolce, piccola Teresa morta a dieci anni, lieve come una campanula

L’artista, per rendere più sincera la composizione ed aggiungere maggiore verità, sceglie di scolpire fiori comuni, sicuramente presenti nei prati di Villa Barboglio, ed immagina che la bimba si sia intrecciata la coroncina sul capo con le campanule della comunissima ipomea rex, nota con il nome di idola, fiore che cresce spontaneamente nei campi ed ha una vita brevissima: sboccia e sfiorisce nello stesso giorno, così come, simbolicamente, la piccola Teresa.

Leggi Articolo »

Hitler pittore – Invenduto l’acquerello floreale valutato 30mila dollari, i precedenti

Un acquerello firmato Hitler e risalente, secondo la casa d'aste americana Nate D.Sanders, specializzata in autografi e cimeli storici, al 1912, quando il futuro dittatore aveva 23 anni, è andato all'asta on line,a un prezzo base di 30mila dollari, ma non è stata acquistato, forse per il soggetto floreale, distante dalle vedute urbane alle quali quali il futuro dittatore, nei tempi in cui si dedicava totalmente alla pittura, assegnava massima importanza. L'opera è stata realizzata rapidamente. Sul quadro (27,3x34,3 cm.) oltre alla firma squadrata A. Hitler, una placchetta con il timbro di Samuel Morgenstern. Morgenstern possedeva una galleria d'arte a Vienna e ha venduto diversi dipinti di Hitler nel 1911.

Leggi Articolo »

Dipingere fiori bianchi e margherite in un prato

L'effetto realistico intenso di un prato, al cui lato s'innalza un cespo di meravigliose margherite bianche, può essere ottenuto - con colori ad olio o acrilici - attraverso un sapiente esercizio di pittura tonale.Il colore dei candidi fiori può essere perfettamente ottenuto tenendo conto del colore del cielo, di cui il bianco si intride.I fiori che si trovano nella parte inferiore, nella zona d'ombra assumono una tonalità azzurrina. L'effetto è di rilievo in quanto esiste una perfetta fusione dei colori. Rimarchevole è anche la naturalezza con laquale sono stati stesi i petali dei fiori

Leggi Articolo »

Ninfee di Monet – Storia, tecniche, segreti e valori. I quadri dei fiori d’acqua. E il video

Nel momento in cui l'artista decide di lavorare attorno a uno spazio conchiuso, la pittura en plein air, sciolta e aperta, muta radicalmente e Giverny diviene un vero e proprio laboratorio pittorico, in cui il consueto paesaggio - inteso in maniera ottecentesca con impaginazioni a campo largo - si riduce, con il tempo, a campi medi e primi piani. Ninfee e glicini, nel laghetto di Giverny, sono pertanto una svolta concettuale nel mondo pittorico di Monet.

Leggi Articolo »