Tag Archivi: Il pittore e la modella

Francesco Hayez – Disegni erotici e torride confessioni dell’amante Carolina

Le opere erano conservate a Torino dalla famiglia Zucchi. Realizzati da Francesco Hayez (Venezia, 1791 - Milano,1882) nel decennio compreso tra i suoi trenta e i quarant'anni e donati alla sua giovane modella e amante, Carolina Zucchi, i disegni erotici dell'artista ottocentesco sono di qualità tecnica elevatissima e di un'estrema verità. Realizzati tra il 1822 e il 1830, le opere si contraddistinguono per pochi tratti, sicurissimi di matita nera su carta velina

Leggi Articolo »

“La liceale” (1975) e il pretesto della pittura, ecco quando posa per Pierino. Video

Seguendo lo storicizzato rapporto erotico tra il pittore e la modella Alvaro Vitali, compagno di classe di una splendida Gloria Guida, crea una trappola mettendo in luce le proprie capacità disegnative e giocando con la natura molto civettuola della propria coetanea. La porta così nel proprio studio. Lei si toglie il reggiseno. Lui non resiste e le sfila gli slip. Scena molto anni Settanta, ricca dell'immaginario collettivo degli adolescenti e dei giovani di quel decennio. La liceale (1975) diretto da Michele Massimo Tarantini ebbe un clamoroso successo di pubblico. Il successo fu tale che vennero realizzati altri tre capitoli della serie (anche se il personaggio interpretato dalla Guida avrà un altro nome). E' una storia di iniziazione alla vita di una splendida liceale di ottima famiglia

Leggi Articolo »

Brrrr, quanti brividi nell’aria tra il pittore e la modella

Il rapporto erotico tra il pittore e la modella non fu soltanto una deduzione maliziosa del pubblico, ma, in molti casi, legò il pittore alla sua temporanea musa. Può essere complesso cercare di spiegare la liaison straordinaria che si crea tra questi due protagonisti della scena, nella quale la donna appaga il proprio narcisismo e avverte d'essere deificata, mentre il pittore sente il desiderio di saldarsi a lei, di scoprirla in una dimensione carnale che risulta impossibile raggiungere in altro modo. Con questo non vogliamo insinuare che, in ogni caso, si finisse con il sesso. Ma l'attrazione reciproca che si creava era realmente unica

Leggi Articolo »

Il fuoco sotto il ghiaccio: la vita di Gala, moglie e Dea imperatrice di Dalì

Diviene l'unica modella del pittore, il suo principale soggetto di ispirazione che si trasforma,presto, in una leggenda vivente e un'icona moderna. Da parte sua, la donna gestisce il marito, ne migliora le condizioni economiche e il rapporto con il mercato. Nei reciproci disequilibri emotivi, trovano una perfetta compensazione. Sono il re e la regina, la luna e il sole. Nel 1968 comprano, per coronare un percorso d'onnipotenza, il castello di Pubol in Catalogna, luogo in cui Gala fu sepolta nei giorni successivi alla morte, avvenuta il 10 giugno 1982.

Leggi Articolo »

Brescia. Amanzia Guerillot, rapida ascesa nella pittura e nel cuore di Angelo Inganni

Allieva, poi amante e moglie di Angelo Inganni, Amanzia Guerillot è una discreta artista che utilizza i modelli Biedermeier, sviluppandoli in chiave tutta femminile. Il Biedermeier è uno stile nato nei paesi di lingua tedesca. dopo il periodo della Restaurazione, caratterizzato da una valorizzazione degli spazi della casa, dall’amore per la piccola decorazione e per la semplicità agreste e dal rifiuto dei grandi temi che avevano acceso politicamente e filosoficamente i decenni precedenti

Leggi Articolo »

Filmato autentico. Matisse ritrae dal vero. Ma perchè aveva bisogno di modelle?

E' reale - e osservando la sua pittura estremamente sintetica sembrerebbe un aspetto leggendario della sua attività - la necessità che Matisse aveva di lavorare con modelle e modelli per la propria attività pittorica. Anzi. Possiamo dire che egli era più assillante e noioso, nei tempi di posa e nello scrupolo che egli poneva a "guardare dal vero", di un autentico ritrattista. Eppure se osserviamo le immagini che egli ricava dai soggetti notiamo una semplificazione estrema all'interno della quale il principio di individualità del modello stesso si perde nell'universalità. Eppure Matisse non poteva rinunciare a questo contatto

Leggi Articolo »