Tag Archivi: IL RAGNO NELL’ARTE

La violenza in Antonio Ligabue, simboli di traumi sessuali e desiderio di sopraffazione

Ligabue narra il conflitto. La presa eterna della morte, attraverso l’atto violento. Consideriamo i galli combattivi, la vedova nera che, ribaltando le sorti della battaglia, in una foresta onirica dotata dello stesso spessore smeraldino dei paesaggi tropicali del Doganiere Rousseau - foglie lanceolate, orizzonti fitti di boscaglie -  infligge un colpo mortale al leopardo. E, ancora, il boa smeraldino che avvolge il leone nelle sue spire, ribaltando il concetto di sovranità. O il leopardo che s’avventa su uno scimpanzé devastato dal terrore, percorso dal tremito, sulla soglia della morte, dalla quale è possibile risalire, per un istante, alla vita.

Leggi Articolo »

Come disegnare uno spaventoso ragno. Ecco il video della tarantola dipinta. Tutorial

Gli effetti del disegno, quand'esso è dotato da un accorto apparato chiaroscurale, sono notevoli e impressionanti. Evidente è la capacità tecnica di questo disegnatore che realizza una tarantola, un grosso ragno peloso molto territoriale e aggressivo, ma non particolarmente velenoso. La tarantola rappresenta comunque l'agguato e l'insidia del male, che avanza silenziosamente e rapidamente nel buio. La tarantola è legata al mondo demoniaco. Nell'Italia meridionale si riteneva che il morso della "taranta" portasse il demonio nel corpo della vittima, costretta a muoversi e a ballare freneticamente per disfarsi di quel maleficio velenoso

Leggi Articolo »