Press "Enter" to skip to content

Tutto su “il riflesso nell’arte”

La Ragazza di Vermeer chi sta guardando? La risposta nell’immagine riflessa dall’orecchino

Una perla di vetro ha il potere di riflettere, deformata, l'immagine dell'ambiente in cui è inserita. Un oggetto riflettente consegna sempre l'immagine dell'ambiente in cui è inserito o delle figure che intercetta. L'immagine in deformazione sferica, che parte dai fiamminghi e diventa assoluta letteratura in Correggio e Caravaggio, torna in Vermeer. L'orecchino contiene quell'immagine. Una donna o lo stesso autoritratto del pittore, nell'istante dello sguardo incrociato?

La scoperta – Amore. Lei e un uomo, riflesso nella perla di Vermeer. Un messaggio: “Ripartire dalla gioia”

Le figure sono state isolate nelle scorse ore da Maurizio Bernardelli Curuz, studioso del Caravaggio, che lavora da anni alle immagini cangianti presenti a livello di preparazione dei dipinti di Michelangelo Merisi. L'individuazione della figura maschile riflessa sottolinea, con evidenza,  il substrato amoroso del dipinto. E sembra una conferma alla fondatezza dell'ipotesi romanzesca del libro La ragazza con l'orecchino di perla di Tracy Chevalier.

Quali sono le differenze – anche concettuali – tra Van Gogh e Munch? Un filmato illuminante

Un breve video del Van Gogh museum, realizzato attraverso frame comparativi, mette in luce, con rapidità ed evidenza assoluta le differenze che corrono tra le opere di Van Gogh e quelle di Munch, che proseguì sulla strada indicata dal primo. Van Gogh fu uno dei principali elementi di snodo del post-impressionismo verso l'Espressionismo, ma la sua pittura, per quanto incline ad assorbire l'energia visiva e le distorsioni del pittore, è ancora intrisa di luce, di speranza, di una visione che può mutare, ma che è caratterizzata un ideale romantico, in cui dramma e gioia sono facce della stessa medaglia. In Munch l'Espressionismo è a servizio di un pensiero nichilista e disperato.

Riflessi iperrealistici dell’acqua mossa da piccole onde. Come ottenerli. Il video tutorial

L'iperrealismo o la pittura fotografica richiedono, oltre allo sviluppo di un tecnica attenta e minuziosa, il rispetto dei tempi attesa della asciugature dei materiali poiché gli effetti migliori, più realistici, si ottengono con la sovrapposizione a velo di colore a olio fresco su colore ad olio consolidato. E' superfluo aggiungere che, per ottenere il massimo realismo, è bene preferire la massima trasparenza e lucentezza offerta dai colori legati ad olio. Generalmente il fondo della tela o della tavoletta viene preparato con il colore dominante più scuro, che abbiamo davanti, osservando l'area naturale da rappresentare. Per cui, in questo caso, il verde scuro dell'acqua più fonda, con aree marroni e verde più chiaro. Una volta preparato il fondale si interviene con pennelli piccoli. Nel video osserveremo che i colori chiari dei riflessi delle onde vengono prodotti attraverso una "tavolozza" perfettamente pulita, per evitare intromissioni cromatiche, che possono danneggiare questa pittura. L'artista del video è Michael James Smith