Tag Archivi: Sesso: immagini divertenti

Arte e antica devozione alla festa del pene-eretto in Giappone. Il culto fallico. La storia. Video

Il nome giapponese del colorato e gioioso incontro stagionale è Kanamara Matsuri cioè "festa del pene di ferro". Il calendario scintoista la celebra a a Kawasaki la prima domenica d'aprile con una processione - che reca il simulacro del pene eretto - con esposizioni d'arte e bancarelle che offrono prodotti in linea con il tema della giornata. L'adorazione del membro maschile è certo antichissima, ma a Kawaski, fu al centro di una particolare attenzione rituale a partire dal 1603. Al santuario si recavano donne che invocavano la fertilità o la serenità familiare o prostitute che chiedevano una protezione contro le malattie veneree o spose in attesa del parto.

Leggi Articolo »

E Alessandro Allori ribaltò le carte trasformando l’episodio della Casta Susanna in un ménage a trois

La storia biblica della Casta Susanna si prestò ad ardenti interpretazioni iconografiche, finalizzate a creare, in alcune sale della corte e nei palazzi l'atmosfera torrida della sessualità. La pittura fiorentina cinquecentesca fu probabilmente la più ardita nella volontà di equivocare eroticamente brani biblici o dell'antichità classica, trasformandoli in immagini altamente erotiche. Intensamente sensuali i veneti, espliciti i toscani.  Questa Susanna e i vecchioni di Alessandro Allori (1535–1607) allievo prediletto di Bronzino, fino a diventarne erede con diritti filiali, è tra le massime infrazioni al codice iconografico, escluse naturalmente le incisioni erotiche - in bianco e nero, naturalmente - che circolavano sottobanco

Leggi Articolo »

Spartak Dermedjiev. L’arte erotica è un’arma contro il totalitarismo. A partire dai Soviet. Sculture e disegni

Nato nel 1954 a Sofia, in Bulgaria, si è diplomato all'accademia di Belle arti nel 1982. E' cresciuto pressato dall'estetica di stampa comunista. E si è ribellato. Fino a lasciare il proprio paese e liberarsi dall'ossessione dell'opprimente comunismo, scegliendo Parigi come luogo della libertà espressiva". "Sono nato all'ombra dell'arte totalitaria. - racconta con dolore - Mi è stato insegnato a sacrificare il mio talento per le necessità dell'arte totalitaria. Come gli antichi gladiatori, fui sacrificato. La società voleva sangue e l'ha ricevuto. La mia vita è stata deliberatamente sprecata e la mia creatività è stata irrevocabilmente contaminata. Il mio lavoro è diventato il mio unico combattimento. Ma se sei già stato contrassegnato come una vittima, rimani vittima fino alla fine, anche se i sistemi politici sono cambiati. E oggi sento ancora la "agghiacciante brezza dell'Ombra".E oggi la mia arte è la mia unica resistenza"

Leggi Articolo »

Thomas Rowlandson (1756 –1827). I vizi dell’uomo e della donna. Bacco, tabacco…

Con un'ironia tutta inglese Thomas Rowlandson (Londra, 1756–1827) fu uno straordinario disegnatore, anche di intense e divertenti tavole erotiche, nonchè un abile caricaturista. Senza eccessi di moralismo, ma dimostrando una netta accondiscendenza ai peccati veniali del sesso, l'artista offrì pure impianti allegorici di ottima fattura e ben orchestrati, sotto il profilo semantico, che non poco dovettero divertire i gentiluomini a lui contemporanei. Splendida operetta, questa Allegoria dei vizi, mostra un vecchio con giubba da reduce che, fumando la pipa e tenendo un bicchiere in mano penetra dolcemente, more ferarum, una gioconda signorina il cui volto non è attraversato dal peccato

Leggi Articolo »

Le sbarre e il desiderio erotico proibito, nella pittura tra Settecento e Ottocento

Le sbarre hanno rappresentato, nei regimi di forte separazione tra sessi, una barriera e uno straordinario gioco per unirsi carnalmente senza varcare quella linea di ferro che demarcava la distinzione dei territori della virtù e del peccato. Sicchè attorno al mito del cancello, delle inferriate, delle finestre protette o dei cancelli si giocò, tra Settecento e Ottocento tutta una lettueratura e una pittura di piccanti congiunzioni, solo parzialmenbte impedite da un ostacolo o forse proprio rese più acute e coinvolgente, a causa dell'impedimento da annullare

Leggi Articolo »

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

Se nella Villa dei Misteri la sessualità finalizzata al matrimonio era una citazione rituale, nel lupanare di Pompei i dipinti parietali si configurano come una sorta di enciclopedia delle posture amorose. Certo non è possibile pensare a immagini raffinate come a quelle del Kamasutra, che dischiude anche le più poetiche – e improbabili – danze d’amore

Leggi Articolo »

Rowlandson (1815), mentre lui guarda l’uccello in gabbia, lei se la spassa sulla porta

Thomas Rowlandson (Londra, 1756–1827) fu un ottimo illustratore inglese, autore di comiche e piccantissime tavole di grafica o di disegno. Coglieva l'aspetto gioioso del sesso, ma, al tempo stesso, la natura furtiva dei sensi che, all'improvviso, travolgono l'uomo e la donna, nonostante i migliori propositi e la necessità di rispettare precisi codici comportamentali, all'interno della coppia strutturata, o sociali. Questi divertiti e divertenti "infortuni della virtù", non vengono descritti con la cupezza dei libertini francesi, la cui produzione è mirata a una sorta di sadico sovvertimento della morale. In Rowlandson il peccato mortale diventa veniale ed è accompagnato dal sorriso. In fondo, lo spirito è forte e la carne è debole

Leggi Articolo »

Cosa c’è nell’angolino più distante dei quadri impressionisti? Blow-up. Sorpresa. Anzi, sorpresi

Torno alle marine impressioniste. Se facessimo ingrandimento d'ingrandimento, cosa potremmo scoprire poco al di là di una duna lontana? Un omicidio? Ma no, cerchiamo di essere meno noir, meno esistenzialisti e più rosa-rosae. Ecco cosa vedeva Paulette Bardy tra le dune di sabbia di Monet e degli impressionisti. Uno sguardo imprevisto, il suo, che abbassa un po' il registro altissimo - come il cielo - dei pittori di marine

Leggi Articolo »

Belle signore senza veli e con animali da compagnia. Foto divertenti di nudo. Firmate Amit Bar. Video

Sexy-ironico è lo sguardo del fotografo Amit Bar. Ci ha deliziato con cocktail di ragazze nude tra le rocce, su alberi, dipinte contro paesaggi con mulini, tra le onde del mare, in vecchie fortezze ebraiche. La magniloquenza dei luoghi viene sempre riportata alla bellezza della vita da una modella. Ed ecco un altro lavoro divertente. Ogni modella posa con un piccolo animale da compagnia - più o meno probabile -. Molto ironico. Belle le modelle. Simpatici gli animaletti

Leggi Articolo »