Home / Aneddoti sull'arte / Tu, ai tempi di Hitler: avresti comprato sottocosto da ebrei in fuga i quadri di Picasso? Il tesoro di Gurlitt
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Tu, ai tempi di Hitler: avresti comprato sottocosto da ebrei in fuga i quadri di Picasso? Il tesoro di Gurlitt


1500 dipinti di “pittori degerati”, divenuti i maggiori del Novecento, furono recuperati, nel 2011, dalla polizia doganale tedesca in un appartamento della periferia di Monaco di Baviera, dietro scatolette di verdure impilate e cassette di frutta. In quei giorni si stabilì, orientativamente, che le tele di Picasso, Chagalle, Matisse,  Emil Nolde, Franz Marc, Otto Dix, Max Beckmann, Paul Klee, Oskar Kokoschka, Ernst Ludwig Kirchner e Max Liebermann avrebbero avuto il valore di oltre un miliardo di euro. L’operazione fu resa nota soltanto due anni dopo, ad indagini concluse. Quegli anni di totale silenzio e tranquillità servirono agli inquirenti per tentare di ricostruire le diverse linee di proprietà originar, che, in buona parte conducono a famiglie ebraiche, che erano le principali collezioniste di autori moderni. Le 1500 opere erano state acquisite per pochi soldi o in cambio della salvezza da parte di un gallerista e storico dell’arte, Hildebrand Gurlitt, prima perseguitato dal nazismo perchè aveva una nonna ebrea e per la sua netta propensione nei confronti della proibita arte moderna, poi stretto collaboratore del regime che gli aveva promesso, in cambio del rastrellamento di dipinti dell’arte degenerata e per l’avallo della “vera pittura tedesca”, la direzione del grande museo d’arte germanica. Lo storico-gallerista aveva accumulato migliaia di tele e le aveva conservate. Conclusa la guerra, egli aveva detto agli americani – che lo avevano interrogato-  che i quadri erano andati distrutti nel corso del bombardamento di Dresda. Gli americani gli credettero, considerate le sue origini ebraiche e i problemi avuti inizialmente con il regime.

Ora al caso di Hilebrand Gurlitt è dedicato un importante libro- inchiesta, Catherine Hickley, giornalista, è esperta di opere d’arte razziate dai nazisti. Il libro è intitolato The Munich Art Hoard: Hitler’s Dealer and His Secret Legacy (Il tesoro d’arte di Monaco: il mercante di Hitler e la sua eredità segreta) ed è stato scritto anche in seguito al fatto che il misterioso, sconosciuto figlio del gallerista che mise insieme quel tesoro, dopo essere stato inquisito, ha deciso di lasciare, dopo la sua morte, i quadri che aveva ereditato al museo di Berna.
Facciamo un passo indietro alle cronache del 2013, quando tv e giornali annunciarono il ritrovamento, in un anonimo appartamento di Monaco di Baviera, di quello definito, in iperbole, il “Tesoro di Hitler”
In realtà Gurlitt visse di rendita, vendendo i pezzi minori e mantenendo il grosso della collezione, che avrebbe permesso alla famiglia ricchezza per generazioni. Nel 1956, Hildebrand Gurlitt, il padre, era morto in un incidente stradale e il museo segreto era passato al figlio Cornelius,  che l’aveva trasferito in una palazzina anni Sessanta, alla periferia di Monaco. Le tele erano così numerose che erano state accatastate dal pavimento al soffitto, in almeno tre stanze. Il lato evidente era stato poi coperto con cassette di frutta, casse di bottiglie d’acqua e di vino, verdure in scatola, come se l’appartamento fosse una cantina.

La scoperta del tesoro perduto era avvenuta per puro caso, nel corso di un controllo della polizia doganale tedesca su un treno che giungeva dalla Svizzera. Il figlio del critico d’arte Gurlitt, che sedeva in uno scompartimento di quel convoglio, fu notato per segni di evidente imbarazzo e nervosismo. Il controllo da parte della polizia permise di trovare in una borsa 9mila euro. Ulteriori accertamenti hanno consentito alla polizia di stabilire che Cornelius Gurlitt praticamente non esisteva per lo Stato tedesco. Non percepiva una pensione e non era mai stato, per questo motivo, segnalato ai servizi sociali. Peraltro non risultava che avesse lavorato per tutta la vita e non aveva nemmeno l’assicurazione sanitaria. Non fu pertanto difficile immaginare che il viaggio in Svizzera, i 9mila euro e la sua posizione inesistente per fisco e welfare fossero da collegare a risorse nascoste accumulate dal padre ai tempi del Reich. Gli inquirenti rimasero attoniti quando, entrati nell’appartamento di Cornelius e rimosso il ciarpame che fungeva da cortina visiva, trovarono i 1500, preziosissimi dipinti, che sono poi stati lasciati in ereditò al museo di Berna.

Nel suo libro, The Munich Art Hoard: Hitler’s Dealer and His Secret Legacy (Il tesoro d’arte di Monaco: il mercante di Hitler e la sua eredità segreta), la giornalista Catherine Hickley ricostruisce la storia della collezione ed esamina gli aspetti legali ed etici della gestione di opere d’arte razziate. L’autrice ripercorre anche la storia della famiglia, partendo appunto da Cornelius, l’uomo che si era trovato nei guai con la polizia doganale. Cornelius era nato ad Amburgo il 28 dicembre del 1932 da Hildebrand Gurlitt (1895-1956), uno dei quattro mercanti d’arte ufficiali dei nazisti, e Helene Gurlitt, una ballerina. La sorella del padre di Cornelius, Cornelia (1890-1919) era un’artista; il nonno, del quale portava il nome,era un architetto e storico dell’arte. Il bisnonno, Louis Gurlitt (1812-1897), era un pittore di paesaggi danese-tedesco. E il fratello del pittore, Cornelius (1820-1901), era un compositore.

Ho posto particolare attenzione alla figura di Hildebrand Gurlitt – dice la studiosa Catherine Hickley – Per me è stato subito chiaro che era lui la figura più interessante di tutta questa vicenda. Quella del figlio Cornelius era la figura più tragica. Visse in modo estremamente solitario, sempre chiuso in casa ed ereditò dal padre un’enorme responsabilità, a cui non seppe far fronte, soprattutto negli ultimi anni della sua vita. Hildebrand, il padre, era molto contradditorio: era contrario al nazismo, forse aveva idee comuniste, per un quarto era ebreo e amava l’arte odiata dai nazisti. Nonostante questo riuscì a a lavorare per Hitler e acquistare opere d’arte per il museo del Führer a Linz”. L’autrice mette in luce l’ambizione sfrenata del critico; il suo desiderio di accumulo e la volontà di non essere travolto dagli eventi, ma di mantenere la propria linea di galleggiamento. Acquistò quadri dagli ebrei; comprò anche opere che erano state oggetto di sequestro.Si mantenne probabilmente a un livello non di abiezione, ma approfittò del momento politico, culturale, sociale come un uomo d’affari al quale interessava fare commercio. I prezzi dei “degenerati” in Germania erano crollati e lui comprava i dipinti dagli ebrei che, in buona parte, li collezionavano. Ebrei costretti a vendere per fuggire. Ora anche la valutazione del comportamento morale del critico d’arte risulta estremamente complessa. E ci interroga.. Cavalcò semplicemente le condizioni di mercato – pur con cinismo – acquistando peraltro regolarmente i dipinti? Non ebbe una ribellione morale? Fu schiacciato dal clima di una dittatura perversa. Certo non è facile giudicare totalmente l’uomo.
A giudizio dell’autrice del lirbo, Hildebrand Gurlitt è uno dei tanti tedeschi che fecero compromessi piuttosto che assumere il rischio di opporsi pubblicamente al regime.” Ma non credo fosse uno dei più malvagi – dice la studiosa – Rinunciò, semplicemente, alla sua bussola morale perché voleva far carriera in un regime malvagio”. Lui i quadri li aveva comprati. Per poco, ma li aveva comprati. Così quando, finita la guerra, alcuni ebrei tornarono trovarlo per sapere dove fossero finite le opere, lui si rifiutò di fornire loro informazioni. Solo due quadri della collezione Gurlitt sono stati restituiti ai primi proprietari. Un anno fa il Museo d’arte di Berna ha deciso di accettare la collezione Gurlitt assegnatagli dal testamento di Cornelius. Attualmente l’istituto è coinvolto in molte questioni legali – alcuni parenti dicono che Cornelius non era sano di mente quando ha redatto il testamento – e neppure un dipinto è stato finora esibito.

QUADRI ANTICHI E OTTOCENTO ALL’ASTA IN QUESTO ISTANTE – Qui le grandi occasioni on line

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Magia e occultismo nell’arte. Streghe, notte, spettri, spiriti-guida tra Ottocento e avanguardie storiche

Icone. Cleopatra e Marilyn. Bellissime, seducenti, morte per suicidio ma immortali. L’analisi del doppio mito