Home / Mostre in Italia / TOSCANA ‘900 | Piccoli Grandi Musei 2015
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Victor Vasarely, 007 Lapidaire-s, 1971. Olio su tavola, Donazione Pieraccini Segno, gesto, materia. Esperienze europee nell’arte del secondo dopoguerra. Opere dalla donazione Pieraccini Viareggio, GAMC 12 luglio 2015 – 12 luglio 2017

TOSCANA ‘900 | Piccoli Grandi Musei 2015

La storia del secolo scorso ha lasciato nella regione tracce vivissime, testimoniate da oltre cento musei sparsi su tutto il suo territorio, censiti per la prima volta proprio grazie a questo progetto, che ha dato vita a un percorso, una guida, un’applicazione, mostre e tanti eventi che si terranno da giugno al 31 dicembre 2015.


Il progetto sarà presentato domenica 14 giugno alle ore 11.30, presso l’Auditorium del Padiglione Italia a EXPO 2015, l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e la Regione Toscana, in collaborazione con la Consulta delle Fondazioni di origine bancaria della Toscana, presentano Toscana ‘900 – Piccolo Grandi Musei 2015; un’idea nata per valorizzare una Toscana diversa da quella che si è abituati a pensare, famosa in tutto il mondo per le sue meraviglie del passato.

Gino Severini, L'equilibriste, 1928 Collezione MPS Toscana ‘900 		Da Rosai a Burri 		Percorsi inediti tra le collezioni fiorentine Firenze, Villa Bardini 3 ottobre – 10 gennaio 2016

Gino Severini, L’equilibriste, 1928 Collezione MPS
Toscana ‘900
Da Rosai a Burri
Percorsi inediti tra le collezioni fiorentine
Firenze, Villa Bardini
3 ottobre – 10 gennaio 2016

Il progetto
Sono oltre cento i musei della Toscana che raccontano la storia del secolo scorso. Cento musei nati nelle circostanze più diverse, alcuni dedicati a singoli artisti, altri creati con ambizioni antologiche, alcuni espressione di una volontà locale, altri frutto di una donazione, voluti per raccontare un’attività artistica, oppure una storia industriale. E la ricognizione geografica che è stata fatta propone percorsi diversi, per tipologie museali o per generi di opere esposte, per periodi storici privilegiati o per tematiche affrontate, con lo scopo, naturalmente, di creare una rete in grado di valorizzare le realtà museali legate al Novecento Toscano e per andare alla scoperta dei quasi 450 artisti legati alla regione, da Plinio Nomellini,  Lorenzo Viani, Ottone Rosai e Massimo Campigli, a Marino Marini, Alberto Magnelli e Gino Severini, sino a Carla Accardi, Jannis Kounellis, Pino Pascali, Daniel Spoerri, Alighiero Boetti e Igor Mitoraj, per citarne solo alcuni. Per la prima volta ai soggetti promotori e finanziatori si è aggiunta quest’anno la Consulta delle Fondazioni di origine bancaria della Toscana, che è interessata a sostenere questo modello di partenariato pubblico-privato per lo sviluppo di progetti innovativi nel settore cultura.

Alberto Burri, Grande ferro Celle, 1986, Pistoia, Collezione Gori – Fattoria di Celle Burri e Pistoia. La Collezione Gori e le fotografie di Amendola Pistoia, Palazzo Sozzifanti Sino al 26 luglio 2015

Alberto Burri, Grande ferro Celle, 1986, Pistoia, Collezione Gori – Fattoria di Celle
Burri e Pistoia. La Collezione Gori e le fotografie di Amendola
Pistoia, Palazzo Sozzifanti
Sino al 26 luglio 2015

Sono stati individuati 22 musei capofila che, grazie al progetto, dal 13 giugno al 31 dicembre 2015 verranno aperti anche il sabato e la domenica con molte attività  didattiche,  laboratori  per  famiglie  e   visite  guidate gratuite che aiuteranno il visitatore a conoscere queste realtà. In questo stesso periodo in molti dei musei coinvolti, si terranno 11 mostre e 18 eventi collaterali che approfondiranno ulteriormente la storia e i protagonisti del Novecento in Toscana.

Emilio Tadini, Paesaggio di Malevic, 1971, acrilico su tela, cm 100x81 Eredità del Novecento. Arte nelle collezioni civiche di Livorno Livorno Museo Civico Giovanni Fattori, Granai di Villa Mimbelli 5 settembre – 31 ottobre 2015

Emilio Tadini, Paesaggio di Malevic, 1971, acrilico su tela, cm 100×81
Eredità del Novecento. Arte nelle collezioni civiche di Livorno
Livorno Museo Civico Giovanni Fattori, Granai di Villa Mimbelli
5 settembre – 31 ottobre 2015

 

 

Per info: www.toscana900.com

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp