Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Toulouse-Lautrec guarda Degas. 80 opere in mostra, una partita doppia tra stile e soggetti

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Per celebrare il centenario della donazione delle opere di Henri de Toulouse-Lautrec alla città di Albi, il museo della città francese ospita una bella mostra: Quand Toulouse-Lautrec regarde Degas (Quando Toulouse-Lautrec guarda Edgar Degas).

Questi due grandi artisti dell’Ottocento sono riuniti per la prima volta attraverso ottanta dipinti in prestito da importanti musei o da collezioni private.

Henri de Toulouse-Lautrec (1864-1901) aveva 30 meno di Edgar Degas (1834-1917). Il giovane Henri scoprì l’opera del celebrato collega durante il periodo del suo apprendistato a Parigi. Rimase folgorato, facendo visita a una famiglia di amici musicisti, da un quadro appeso nel loro appartamento: il ritratto di Marie Dihau al pianoforte. Il giovane Toulouse-Lautrec decise allora di confrontarsi con lo stesso soggetto.

blank

blank

Questa fonte di ispirazione non lascerà mai Lautrec. Anche se i due artisti non si frequentano, entrambi compongono i loro dipinti nella ricerca della creazione di movimento, all’interno dell’opera. I soggetti sono spesso analoghi, con l’esplorazione preponderante della figura umana, degli interni o lo studio del movimento in attività sportive come equitazione. La tavolozza di entrambi muove da un fondo di tinte pastello. Entrambi sono soprattutto pittori attratti dall’osservazione dell’ambiente urbano piuttosto che – come in Monet – dall’osservazione dell’istante luminoso in natura.

blank
Da sinistra: un’opera di Toulose-Lautrec e un dipinto di Degas

Le differenze tra Toulouse-Lautrec e Degas stanno nel segno. Toulouse Lautrec parte da una visione disegnativa, con contorni più marcati e linee più decise, mentre Degas interviene quasi esclusivamente con il colore. Un altro elemento che contraddistingue Toulouse-Lautrec dal più anziano maestro è l’introduzione di colori squillanti, su fondi pastello, in sintonia con i manifesti pubblicitari e con la pittura giapponese.

La mostra è aperta fino al 4 settembre 2022 al museo Toulouse-Lautrec di Albi, tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10 alle 12,30 e dalle 14 alle 18. Prezzo: € 6

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!