Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Trovano, dopo 140 anni, in un volume un segnalibro disegnato da Van Gogh per un amico

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
blank
Il segnalibro realizzato da van Gogh e inserito nel libro Storia di un contadino, donato a un pittore amico

Avevano ereditato il libro da un antenato pittore. E il romanzo – Storia di un contadino, di Émile Erckmann e Alexandre Chatrian – non era stato più sfogliato. Se ne stava in una casa olandese, in biblioteca. Dopo circa 140 anni, gli eredi del pittore Anthon van Rappard, hanno individuato il libro – menzionato da una lettera di Van Gogh – e, dentro di esso, hanno trovato il segnalibro – 28 per 5 centimetri -che contiene, impaginate in verticale, tre figure contadine.

Anthon van Rappard, (Zeist 1858 – Santpoort-Zuid 1892), destinatario del libro e del segnalibro personalizzato, era un pittore olandese che si era formato nel prestigioso atelier di Lawrence Alma-Tadema e che godeva di un certo successo. Per circa quattro anni fu amico di Vincent Van Gogh e i due si scambiarono diverse lettere, tra il 1881 e il 1885, anno in cui l’amicizia fu bruscamente interrotta per una dura critica che Anthon van Rappard indirizzò a una litografia di Van Gogh. Quest’ultimo interruppe il rapporto e, con rabbia, strappò un ritratto dell’ex amico, realizzato l’anno precedente.
Libro e segnalibro erano stati inviati due anni prima della rottura dell’amicizia, nei primi giorni di giugno del 1883. “Penso che troverai l’Erckmann-Chatrian di tuo gradimento”, assicurava Van Gogh al collega, in una lettera del 15 giugno, dove lo avvertiva della spedizione del libro libro stesso. Histoire d’un Paysan – il volume in questione – era un resoconto della Rivoluzione francese osservata dal punto di vista di un contadino alsaziano. E’ interessante occuparci brevemente del soggetto del volume perchè indica un punto di condivisione politica e tematica tra Van Gogh e l’amico pittore. Fondamentalmente Van Gogh invia all’amico un testo che è – anche – un programma politico – socialdemocratico, con venature cristiane – nel quale l’autore – e il pittore stesso – non si colloca nè con la destra dei nobili e del clero alto, nè con la sinistra giacobina, individuando una terza via.

Michel Bastien, nella finzione romanzesca, scrive: “Molti altri, lo so, hanno raccontato la storia della Rivoluzione a modo loro. Alcuni hanno detto che le persone erano molto più felici prima dell’89! Questi erano nobili, e sono sicuro che le loro idee non si diffonderanno mai tra di noi. Altri, cosiddetti giacobini, hanno raccontato le stragi, le deportazioni, la trasformazione delle chiese in stalle, come le cose più belle della Rivoluzione. Non ha senso! I massacri sono sempre stati e sempre saranno cose terribili”.

blank
blank
Il segnalibro- ora appartenente al Van Gogh Museum – suddiviso in tre parti e collocato orizzontalmente per una maggior focalizzazione delle scene

Il libro, sul quale c’è la scritta: Vincent – rimase in possesso di van Rappard fino al 1892 – anno della morte dell’artista – poi passò alla sua famiglia, che infine, recentemente, lo ha venduto al Van Gogh museum, compreso il segnalibro.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!