Home / archeologia / Trovata la porta dell’Aldilà, il Cerbero esce dal fango infernale
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il ritrovamento della statua di Cerbero, che riemerge dal "fango infernale

Trovata la porta dell’Aldilà, il Cerbero esce dal fango infernale

di Giacomo Cordova 

Recentemente, a seguito della scoperta di una testa di Venere di epoca ellenistica a Hierapolis,  risalente a solo un mese fa, il team di archeologi italiani guidato dal prof. Francesco d’Andria ha rinvenuto altre due sculture marmoree nel sito del Plutonium, presso le antiche terme della plurimillenaria città frigia.


Le due statue raffigurano due creature infernali di epoca incerta, anche se probabilmente risalenti allo stesso periodo del reperto rinvenuto il 27 ottobre scorso. Il tutto non è affatto curioso, visto che molti studiosi, tra cui il D’Andria, concordano nel credere che proprio in questa misteriosa città vi fosse la sede della porta degl’Inferi, ipotesi rafforzata dalle testimonianze delle leggende tramandata dalle tradizioni greca e romana e le descrizioni del geografo Strabone (64-63 A.C. ; 24 D.C.) le quali, a quanto pare, combaciano perfettamente con la realtà attuale.

. Testa di Afrodite, rinvenuta lo scorso 27 ottobre presso ill sito archeologico di Hierapolis. (probabilmente la statua raffigurerebbe il volto della dea Persefone, sposa di Ade e regina degli inferi)

. Testa di Afrodite, rinvenuta lo scorso 27 ottobre presso ill sito archeologico di Hierapolis. (probabilmente la statua raffigurerebbe il volto della dea Persefone, sposa di Ade e regina degli inferi)

Le due sculture del cerbero e del serpente

Le due sculture del cerbero e del serpente

Il mostro cerbero secondo le illustrazioni di William Blake

Il mostro cerbero secondo le illustrazioni di William Blake

Illustrazione di Gustave Dorè relativa al canto VI dell'Inferno di Dante, raffigurante Dante che si rivolge a Cerbero e Virgilio che osserva dei dannati nel terzo cerchio dell'inferno, nel girone dei golosi

Illustrazione di Gustave Dorè relativa al canto VI dell’Inferno di Dante, raffigurante Dante che si rivolge a Cerbero e Virgilio che osserva dei dannati nel terzo cerchio dell’inferno, nel girone dei golosi

La tesi degli archeologi sembra sempre più accreditata dai reperti: un busto di Apollo che poi è stato identificato come Ade, dio e re dell’Oltretomba; una testa di Afrodite che potrebbe essere una Persefone, sposa del dio e dunque regina degli inferi ella medesima (non dimentichiamo che l’ipotesi sulla scultura della famosissima divinità femminile è analoga anche per la splendida dea di Morgantina, di recente ritornata nella propria terra d’origine che è la Sicilia).
Ora viene alla luce anche la scultura di un serpente avvolto nelle proprie spire, a creare una forma circolare (“dràkon” in greco antico è la parola da cui deriva il vocabolo italiano “drago” e significa, appunto serpente: indiscussa creatura infernale associata all’immagine del fuoco secondo l’iconologia medioevale). Ma ciò che colpisce ancora di più gli appassionati di archeologia e mitologia è una statua di marmo del famoso cane a tre teste Cerbero: uno dei guardiani dell’oltretomba descritto da Apuleio (Asino d’Oro: Favola di Amore e Psiche: vv. 1,15 ss. e 6,19 ss.), Virgilio (Eneide, libro VI, v.417 ss .) e Dante (Divina Commedia: Inferno, canto VI, vv. 1-33).
Secondo la tradizione questi sarebbe figlio di Echidna e di Tifone. Le tre teste simboleggerebbero la distruzione del passato, del presente e del futuro.

A leggere Apuleio, se ne ha la descrizione di un “cane enorme, con una triplice testa in proporzione, gigantesco e terribile, che con fauci tonanti latra contro i morti, cui peraltro, non può fare alcun male; cercando di terrorizzarli senza motivo, e standosene sempre tra la soglia e le oscure stanze di Proserpina, custodisce la vuota dimora di Dite”; e ancora, citando Virgilio, che questa volta gli da un nome: “L’enorme Cerbero col suo latrato da tre fauci rintrona questi regni giacendo immane davanti all’antro. La veggente, vedendo ormai i suoi tre colli diventare irti di serpenti gli getta una focaccia soporosa con miele ed erbe affatturate. Quello, spalancando con fame rabbiosa le tre gole l’afferra e sdraiato per terra illanguidisce l’immane dorso e smisurato si stende in tutto l’antro. Enea sorpassa l’entrata essendo il custode sommerso nel sonno profondo…” e, dulcis in fundo, Dante ci descrive il mostro come una ”fiera crudele e diversa, /con tre gole caninamente latra /sovra la gente che quivi è sommersa./Li occhi ha vermigli, la barba unta e atra, /e ‘l ventre largo, e unghiate le mani; /graffia li spirti ed iscoia ed isquatra./Urlar li fa la pioggia come cani; /de l’un de’ lati fanno a l’altro schermo; /volgonsi spesso i miseri profani.”
Purtroppo, come si vede dalle immagini, questi reperti ci sono pervenuti molto danneggiati. E’ infatti noto che attorno al sesto secolo dopo Cristo i numerosissimi cristiani in pellegrinaggio in questi luoghi dove era situata la tomba di San Filippo (riscoperta un anno fa), usassero saccheggiare i templi e le immagini dei culti pagani, trasformando e reinterpretando le figure mitologiche in chiave cristiana o sostituendo il tutto con nuove forme d’arte inneggianti il nuovo e sempre più fanaticamente adorato ed amato Dio cristiano e le numerosissime icone di Santi e Martiri. Ciò avvalora l’importanza storica e religiosa di questa scoperta, come ci dice Alister Filippini dell’Università di Palermo e della University of Cologne: sappiamo così di come questo sito archeologico sia stato teatro di scontri tra un’antica religione ed una nuova, che soppiantò la precedente dopo asprissimi e sanguinosissimi secoli di scontri tra cittadini di uno stesso Impero, ormai sempre più diviso da sette ed ideologie provenienti dai culti orientali oltre che minacciato ai propri confini da potenze straniere. Tutto questo avvenne sino e anche qualche secolo oltre il 391, anno in cui il Culto Cristiano verrà imposto per la prima volta come religione di stato dall’imperatore Teodosio I.

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA MI PIACE

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Van Loo (1614-1670): “Fate l’amore, non fate la guerra”. La mossa infallibile di Venere su Marte. Video

A San Martino si facevano i traslochi. Perchè? Il capolavoro di Campi dedicato alla giornata