Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Trovata sotto terra una maschera di metallo di un cavaliere romano. Guidava l’attacco, atterriva il nemico

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Il lacerto di una statua o una maschera facciale di un cavaliere romano? Gli archeologi si sono posti immediatamente questa domanda quando si sono trovati al cospetto di un oggetto particolarissimo, nel corso della campagna di scavi in corso ad Adrianopolis, città intitolata all’imperatore romano Adriano, che sorgeva nel territorio che oggi appartiene alla Turchia.
blank
Verifiche immediate hanno consentito di ipotizzare che il reperto appartenesse a un uomo della cavalleria romana e che risalisse al III secolo dopo Cristo. La maschera deriva da un antico calco facciale, poi fuso nel metallo – di un materiale ferroso – e si accomoda perfettamente sul volto, come hanno potuto constatare gli studiosi impegnati negli scavi. Questi calchi appartenevano, in alcuni casi, ai materiali d’ordinanza o gli ufficiali li facevano creare in modo perfetto, su di sé, per assumere un’identità statuaria, attraverso il rispetto delle proprie linee fisionomiche? Una risposta, ora è prematura. Ma la domanda va posta.
blank

E’ assodato che i calchi dei volti degli imperatori o dei prefetti o dei personaggi illustri erano compiuti con una certa facilità con il fine di mantenere la somiglianza con il personaggio effigiato. Stessa prassi veniva usata per i calchi funebri che consentivano ai familiari di conservare ricordo perfetto del familiare defunto. Ma questa non parrebbe proprio una maschera funebre, quanto una dotazione militare.
blank
I ricercatori dell’Università turca di Karabük hanno scoperto la maschera facciale romana metallica di 1.800 anni in un edificio fortificato, forse sede di una guarnigione romana di stanza in quella regione per il controllo di supporto alle linee avanzate di presidio del confine orientale dell’impero romano.

Il Ministero della Cultura e del Turismo turco ha dato mandato agli archeologi di compiere campagne pressanti affinchè l’antica città di Adrianopoli sia “trasformata in uno spazio museale e aperta al turismo”. Un team di 43 persone, composto da studenti, accademici ed esperti, stava lavorando anche nelle scorse settimane nella zona che potrebbe essere stata la sede della guarnigione. La maschera potrebbe essere stata collocata, in origine, in un deposito di armi dello stesso presidio. Mentre le armi stesse vennero recuperate, la singolare copertura del volto fu dimenticata.

blank

Gli elmi a maschera erano utilizzati principalmente dalla cavalleria romana in epoca imperiale, probabilmente in occasione degli Hippica Gymnasia, addestramenti spettacolari a scopo dimostrativo. I cavalieri apparivano così come statue spaventose e fiere. Molto probabilmente le maschere stesse trovavano un parziale uso anche in battaglia e pare che proteggessero i Signiferi e vessilliferi, portatori di bandiere e segnali che costituivano i punti più avanzati delle linee d’attacco e che rappresentavano visivamente un punto di riferimento per i movimenti da compiere all’interno del campo dello scontro. E’ inutile aggiungere che cavalieri bardati in questo modo dovevano apparire ai nemici come inquietanti spiriti della morte.

Una maschera facciale laminata d’argento venne trovata – a dimostrazione del fatto che esse venivano utilizzate anche durante azioni militari – sul campo di battaglia della foresta di Teutoburgo, luogo dello scontro spaventoso tra Romani e Germani, nel 9 d.C. ha gettato nuova luce sull’utilizzo di questi ornamenti. In precedenza si pensava infatti che queste maschere in dotazione alla cavalleria romana avessero un uso funerario o da parata. Invece precisi test hanno dimostrato che questi oggetti (anche di bronzo e a volte formavano un tutt’uno con l’elmo) non intralciavano in battaglia il cavaliere, il quale non potendosi riparare dietro ampi scudi li utilizzava come protezione e anche per incutere timore nei nemici.

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!