Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Trovati 13 menhir neolitici. A cosa servivano e come producevano ricchezza

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Eccezionale scoperta, in questi giorni d’estate 2021. Durante i lavori di scavo nell’ambito di un cantiere in località “Les Fougains” nel Comune di St-Léonard, in Svizzera, è stato rinvenuto,- e poi scavato, in collaborazione con l’Ufficio cantonale di Archeologia del Canton Vallese – un allineamento di 13 menhir medioliti, cioè di media grandezza.

Il termine menhir deriva dal basso bretone men “pietra”, e hir “lunga”. I menhir sono sempre strutture monolitiche – cioè formate da una pietra unica, anche quando allineati – e non erano sormontati, come i dolmen, da pietre orizzontali, che delineavano una struttura simile a un portale. Probabilmente con le loro forme gigantesche, nel Neolitico, dovevano suscitare l’idea dell’immagine di un dio e, certamente, collegare la terra al cielo.

Queste pietre sorprendenti costituivano un elemento sacrale e conferivano riconoscibilità ad un dato territorio, come le nostre chiese o cattedrali delle quali i megaliti e i dolmen costituiscono le radici culturali e architettoniche più antiche. La combinazione di strutture erette – come campanili – e strutture coperte – come le chiese – ci consente di comprendere meglio cosa significasse – visivamente, spiritualmente ed economicamente – un sistema di menhir per i nostri antenati.
Essi dovevano avere anche la funzione di designare l’evoluzione tecnica raggiunta da una data comunità. Il trasporto e l’innalzamento delle pietre non doveva essere semplice. Richiedeva cognizioni tecniche e lavoro di gruppo, con mansioni specialistiche diverse.
Sistemi complessi ed arditi erano specchio, pertanto, del livello di civiltà raggiunto dalla comunità che li aveva innalzati, oltre che ad essere motivo di richiamo spirituale ed economico. Non possiamo dimenticare che i menhir sono soprattutto elementi che caratterizzano il Neolitico, l’età della pietra nuova. Quindi saper lavorare e dominare la pietra era fondamentale per quell’economia.

blank

E’ plausibile pensare che, in alcuni centri, la lavorazione di utensili in pietra fosse più avanzata rispetto ad altri. E che quegli artigiani cedessero gli utensili stessi, in cambio di prodotti della terra e farine. Mostrare il dominio sui menhir aveva pertanto anche una funzione di arcaica pubblicità. Uno dei menhir più grandi d’Europa era alto venti metri ed era stato eretto a Locmariaquer (nel Morbihan in Bretagna).

blank
Il menhir bretone di Champ-Dolent, in Francia

Le indagini al Carbonio 14 sono in corso, in Svizzera, sui materiali sottostanti ai menhir stessi. I monoliti svizzeri dovrebbero risalire – secondo una prima valutazione degli studiosi – al neolitico. Molte altre scoperte archeologiche compiute nel territorio di Saint-Léonard sono riconducibili a quell’epoca.
Presto le pietre saranno presto prelevate e portate in aree attrezzate per effettuare studi dettagliati nelle migliori condizioni.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!