Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Trovati dopo 800 anni dagli archeologi gli scheletri di 25 giovani Crociati uccisi dai nemici. Lo scavo nella fossa

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Gli archeologi hanno scoperto due fosse comuni che contengono i resti di 25 crociati, che furono uccisi nel XIII secolo. I resti dei soldati che combattevano per la conquista del Santo Sepolcro sono stati trovati a Sidone, in Libano, sulla costa mediterranea.
Tutte le ossa sono segnate dal taglio di armi o da inequivocabili colpi di una violenza armata. Probabilmente il gruppo di soldati è stato sorpreso alle spalle perchè la maggior parte delle lesioni sta nelle parte dorsale degli scheletri. Si valuta anche la possibilità che i soldati europei, a piedi, siano stati inseguiti da militari musulmani a cavallo e colpiti ripetutamente, fino alla morte. Gli archeologi hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista PLOS One .

“Quando abbiamo notato un numero così elevato di ferite da arma sulle ossa abbiamo capito che stavamo facendo una scoperta eccezionale”, afferma Richard Mikulski, archeologo della britannica Bournemouth University.
La datazione dei resti è stata compiuta con gli isotopi del carbonio. Molto interessante anche lo studio del Dna. Alcuni giovani, che erano morti in quell’imboscata, erano di origine europea, mentre altri erano figli di europei e di donne arabe. Questi ultimi, cresciuti, erano entrati nel rango dei Crociati. I ricercatori hanno capito di essere al cospetto di una fossa nella quale erano stati sepolti europei, poichè hanno trovato immediatamente fibbie per cinture realizzate cn il nostro stile e una moneta crociata. Nella terra anche frammenti di ceramica persiana e chiodi di ferro.

Le forze europee conquistarono il fondamentale centro portuale di Sidone nel 1110 d.C., dopo la prima crociata. La comunità europea mantenne il controllo della città per oltre un secolo. Nel 1253, le forze mamelucche attaccarono e distrussero la fortezza, ma l’anno successivo, Luigi IX di Francia – che era giunto sul posto e aveva aiutato a seppellire i cadaveri dei suoi uomini – fece ricostruire la struttura difensiva, che cadde però nel 1260 sotto l’urto violentissimo delle truppe mongole. alleate dei musulmani. Le fosse comuni individuate si trovano vicino al castello.

blank

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!