Home / Aneddoti sull'arte / Una bomba contro Raffaello preparata da Michelangelo e da Sebastiano del Piombo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Una bomba contro Raffaello preparata da Michelangelo e da Sebastiano del Piombo

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Sebastiano del Piombo, Pietà, 1516-17 ca., olio su tela, 187 x 247 cm, Viterbo, Museo Civico

Sebastiano del Piombo, Pietà, 1516-17 ca., olio su tela, 187 x 247 cm, Viterbo, Museo Civico

 

La Pietà  di Viterbo, di grandi dimensioni, misura infatti 187 x 247 centimetri è caratterizzata da un’iconografia assolutamente inedita ed originale, per alcuni si tratta addirittura del primo notturno drammatico della storia dell’arte, senza precedenti per dimensioni e per resa atmosferica. L’opera secondo la tradizione – che non è poi distante dalla realtà – nasce come una sfida di Michelangelo a Raffaello e alla sua scuola, allora all’apice del successo. La potenza di Michelangelo, prima celebrata nell’ambito della corte papale per il lavoro possente alla cappella Sistina, perde interesse a favore del bello-buono portato vanti da Raffaello, il divin fanciullo, l’uomo dalla pittura lieve e gioiosa. Michelangelo ha un pessimo carattere; è un uomo profondo, un ottimo intellettuale, un artista multiforme ma al tempo stesso vive di invidia e di rancore, come se la propria omosessualità fosse una punizione rispetto al percorso lineare degli altri. Sicchè Michelangelo, che sappiamo cercherà di soffiare il lavoro alla scuola di Raffaello, subito dopo la morte del maestro urbinate, sentendosi inferiore a lui, non nel disegno, ma nel colore, decide l’alleanza con uno specialista veneto del colore stesso, Sebastiano del Piombo. Egli deve infatti ritenere che unendo la sensibilità veneziana per i toni – tra colorismo e pittura tonale  –  alla forza espresiva del proprio disegno, sia possibile raggiungere esiti eccezionali. Scrive a questo proposito Vasari:”Molti artefici che più aderivano alla grazia di Raffaello che alla profondità di Michelagnolo, erano divenuti, per diversi interessi, più favorevoli nel giudizio a Raffaello che a Michelagnolo. Ma non già era de’ seguaci di costoro Sebastiano perché, essendo di squisito giudizio, conosceva a punto il valore di ciascuno. Destatosi dunque l’animo di Michelagnolo verso Sebastiano, perché molto gli piaceva il colorito e la grazia di lui, lo prese in protezione, pensando che se egli usasse l’aiuto del disegno in Sebastiano, si potrebbe con questo mezzo, senza che egli operasse, battere coloro che avevano sì fatta openione, et egli sotto ombra di terzo giudicare quale di loro fusse meglio”. L’opera di Sebastiano del Piombo, che qui esaminiano, è molto probabilmente tratta da un cartone michelangiolesco e rappresenta un reticolo molto accurato nel disegno sottostante, che non appartiene certamente alla tradizione veneta.Alla distanza appaiono quelle terme viterbesi che erano state oggetto di studio disegnativo da parte di Michelangelo. Nell’ambito di una forte competizione, avvertita, peraltro soltanto da Michelangelo, l’opera si rivelerebbe un ordigno costruito a tavolino e lanciato contro Raffaello.


Esistono fortissime affinità con la Pietà michelangiolesca di San Pietro, sia per quanto riguarda l’impianto piramidale della figura isolata e monumentale di Maria che nella figura snella e armoniosa di Cristo – affinità che fanno pensare che il dipinto fosse stato concepito come l’equivalente pittorico della scultura -. Tuttavia fra le due opere vi sono alcune sostanziali differenze: l’età della Vergine, per cominciare, che nell’esecuzione di Sebastiano acquista fattezze da matura matrona; lo sguardo di Maria rivolto al cielo e sottolineato dalla torsione del busto nel gesto di preghiera, che si oppone all’espressione contemplativa della Vergine michelangiolesca; e infine la posizione di Cristo, che Sebastiano pone ineditamente non in grembo alla madre, ma separato da lei, in quella che è un’invenzione iconografica frutto di una complessa e innovativa elaborazione di forma e contenuti. Ricordiamo che il committente dell’opera, monsignor Giovanni Botonti, era un umanista di grande spessore, esponente di quell’ambiente culturale viterbese sensibile agli ideali di riforma della Chiesa Cattolica che gravitava intorno al teologo agostiniano Egidio da Viterbo, fra i fautori di quel culto del Corpo di Cristo, del Santissimo Sacramento, che si andava ampiamente diffondendo in quegli anni. L’iconografia della Pietà di Sebastiano del Piombo si piega alla luce delle indicazioni offerte da questa predicazione: quando si trovava nella sua collocazione originaria nella cappella Botonti, infatti, la grande pala presentava il corpo di Cristo come se fosse deposto sopra la mensa del sottostante altare, suggerendo così l’equivalenza con il Santissimo Sacramento, mentre Maria alludeva all’umanità in attesa della redenzione. L’innovazione iconografica, come si accennava, risulta fondamentale anche quanto riguarda il paesaggio sullo sfondo del dipinto: un “notturno sublime”, un eccezionale brano pittorico e una apprezzata novità nella Roma del tempo, che dimostrava le straordinarie doti colorista del veneziano e la sua perizia nella rappresentazione della campagna avvolta nelle tenebre.   Ma attorno al quasro

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Serial killer & artisti, l’analisi del criminologo

Il trucco di Leonardo per disegnare paesaggi perfetti. Ecco come faceva

206 Condivisioni
Condividi206
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp