Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Una pietra romana con insulti trovata durante gli scavi nel forte di Vindolanda: “Secondino cag…””

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Dylan Herbert, un biochimico in pensione del Galles del Sud, volontario nell’ambito degli scavi archeologici di Vindolanda – un forte romano in Gran Bretagna – ha compiuto la scoperta nelle scorse ore. Una pietra, con un fallo in rilievo, E una scritta. Genere di caserma, verrebbe da dire. Ma del resto è proprio così. Siamo in un accampamento militare romano di 1700 anni fa. Quindi in un luogo aperto alla bassa gergalità.

Il bassorilievo – realizzato su una pietra calcarea di 40 cm per 15 di altezza – rappresenta una virilità aggressiva, seguita da un’epigrafe: Secondinus cacor, secondo una prima trascrizione compiuta da epigrafisti inglesi.

Cacor potrebbe essere una contrazione di “cacator” e significare “cagone”. Gli studiosi inglesi – in queste ore – hanno tradotto l’epigrafe con “Secondinus stronzo”. E se fosse – collegata all’immagine virile – qualcosa di simile al nostro “cagacazzi”?

blank

blank

L’epigrafe è comunque al centro di studi e di riscontri linguistici, che proseguiranno. Andranno verificate, a nostro giudizio, forme analoghe che possano essere ricorrenti in iscrizioni gergali latine. La pietra andrà rivista, nella parte superiore. E’ scritto con certezza “secundinus” – come dicono gli inglesi – o è “secundus”?  Secundus potrebbe essere un elemento di identificazione di un’unità militare? In questo caso potrebbe essere rivista l’ipotesi inglese e sarebbe possibile pensare che il fallo indicasse il Secondo – inteso come gruppo di soldati – e la sua latrina.

“Ho rimosso molte macerie per tutta la settimana e, ad essere sincero, questa pietra si era intromessa sulla mia strada – dice lo scopritore – sono stato contento quando mi è stato detto che potevo sbarazzarmene portandola fuori dalla trincea dello scavo. Da dietro sembrava come tutte le altre, una pietra molto ordinaria, ma quando l’ho girata, sono stato sorpreso di vedere alcune lettere chiare. Solo dopo aver rimosso il fango mi sono reso conto di quanto avevo scoperto e ne sono stato assolutamente felice”.

Andrew Birley, Direttore degli scavi e CEO del Vindolanda Trust ha commentato: “Il recupero di un’iscrizione, un messaggio diretto del passato, è sempre un grande evento in uno scavo romano, ma questo ci ha davvero lasciati sbigottiti, quando l’abbiamo decifrato. L’autore doveva aver avuto, chiaramente, un grosso problema con Secondinus ed era abbastanza sicuro da annunciare pubblicamente i propri pensieri su una pietra. Non ho dubbi che Secundinus non si sarebbe divertito a vedere questa dedica mentre vagava per il sito oltre 1.700 anni fa”.

Il lavoro per la realizzazione di questa “insegna” deve aver richiesto un po’ di tempo allo “scultore”. Una vendetta avrebbe richiesto tale impegno o, più semplicemente, l’epigrafe fu realizzata come indicazione topografica, all’interno del forte?

Considerando gli estesi scavi e ricerche a Vindolanda, che durano quasi 100 anni, non sorprende notare che il sito ha più incisioni di falli di qualsiasi altro lungo la linea del Vallo di Adriano. Questa nuova aggiunta porta quel conteggio fino a 13.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!