Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Venezia arrivò in America prima di Colombo? Che ci facevano in Alaska perle di vetro di Murano nel primo Quattrocento?

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Gli scavi in ​​tre siti eschimesi in Alaska hanno rivelato la presenza di perle di vetro veneziano in contesti datati al radiocarbonio che precedono la scoperta dell’emisfero occidentale da parte di Colombo. In sostanza: le perline veneziane si trovavano in strati di sottosuolo che risalgono alla prima metà del Quattrocento, accanto a residui organici che sono stati datati. Quindi le perline di vetro di Murano – dopo aver percorso 10mila miglia – sono arrivate nel nuovo continente ben prima che l’America fosse ufficialmente scoperta.
La varietà di perline trovate in Alaska, comunemente note tra gli studiosi americani come “Early Blue” e “Ichtucknee Plain”, sono state esaminate e riportate alla produzione veneziana dall’esame di esperti e dall’analisi comparativa svolta grazie all’attivazione dei neutroni strumentali (INAA).

blank

Questi grani di vetro – spesso utilizzati, dopo la scoperta dell’America, come eleganti merci di scambio con le popolazioni locali – sono presenti anche in siti dei Caraibi, sulla costa orientale dell’America centrale e settentrionale e nella regione orientale dei Grandi Laghi, dove si trovano comunemente in siti datati tra il 1550 e il 1750 d.C. circa. Perline di questa varietà non sono state precedentemente segnalate in Alaska. Ed è stata una notevole sorpresa, quando i ritrovamenti sono avvenuti, constatare il fatto che esse fossero già presenti in questi luoghi nella prima metà del Quattrocento.

blank

Lo studio sui reperti temporalmente incongruenti sono stati compiuti da Mike Kunz dell’Università dell’Alaska Museum of the North e Robin Mills del Bureau of Land Management e pubblicati nel 2021 da American Antiquity.
blank
“In assenza di comunicazione transatlantica – hanno spiegato gli studiosi – il percorso più probabile che queste perle hanno compiuto dall’Europa all’Alaska nordoccidentale è attraverso l’Eurasia e lo stretto di Bering. Questo è il primo caso documentato della presenza di indubbi materiali europei in siti preistorici nell’emisfero occidentale come risultato del trasporto via terra attraverso il continente eurasiatico”. Quindi le perline di vetro o le collane già legate sarebbero partite da Venezia e trasportate a Est. Dopo scambi sarebbero giunte al punto estremo dell’Oriente e di qui, attraverso lo stretto di Bering, sarebbero giunte nel nuovo Continente.

Lo stretto di Bering – come ben sappiamo – è il punto in cui l’Occidente americano e l’Oriente si sfiorano. Lo stretto ha una lunghezza di circa 83 chilometri, con una profondità compresa tra 30 e 50 metri e lungo il percorso presenta la possibilità di approdo all’arcipelago delle isole Diomede. Lungo questa tratta marina viaggiarono le perle stesse. A meno che non si voglia supporre che le perline siano giunte ai Vichinghi e portate da loro, durante le esplorazioni compiute sulle coste settentrionali dell’America, prima dell’arrivo di Colombo.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!