Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

Venezia riparte dalla certezze di Henri-Cartier Bresson. Il nostro scatto libero. L’obiettivo centrato


di Elena Charlotte Rainelli

Venezia ospita nello splendido scenario di Palazzo Grassi “Le Grand Jeu”, fino al 10 gennaio 2021, la mostra “Henri Cartier-Bresson, co-organizzata con la Bibliothèque nationale de France e in collaborazione con la Fondation Henri Cartier-Bresson. Si tratta di un progetto inedito basato sulla Master Collection, una selezione di 385 scatti operata dallo stesso Henri Cartier-Bresson nel 1973, su invito di due amici collezionisti, Dominique e John de Menil.
Matthieu Humery, curatore generale della mostra vuole sottolineare un tema caro ai surrealisti lo svago e il divertimento, pieno di sfaccettature ma che rientrino nelle regole del gioco, a cui è necessario sottostare. “Jeu” in francese si avvicina a “Je”, che significa “Io”. Il “Grand Je” viene celebrato in primo luogo attraverso l’omaggio all’opera di un unico artista Bresson Cartier e, simultaneamente, attraverso “L’io” di cinque curatori: il collezionista François Pinault, la fotografa Annie Leibovitz, lo scrittore Javier Cercas, il regista Wim Wenders e la conservatrice Sylvie Aubenas. Ognuno dei cinque curatori è stato invitato a selezionare una cinquantina di immagini dell’artista, senza conoscere quella degli altri; ciò ha permesso di realizzare cinque esposizioni in libertà ed autonomia.
Annie Leibovitz vede le opere di Cartier Bresson in un libro appena pubblicato “The World” mentre era una giovane pittrice e studiava al San Francisco Art Institute. Fu colpita dalle immagini e dall’idea che potesse diventare una fotografa che viaggia per il mondo e testimonia la vita delle persone attraverso il ricordo, attraverso lo sguardo che come Cartier-Bresson aveva scoperto nel dipingere. Henri Cartier-Bresson nasce a Chanteloup nel 1908 e sviluppa già a sette anni il disegno. Per l’artista non esiste nessun rapporto tra il disegno, la pittura e la fotografia, a parte lo sguardo. Quello che conta è sempre lo sguardo, ma il fatto di usare uno strumento invece di un altro è indifferente. Nel 1932, dopo aver passato un anno in Costa d’Avorio scopre la macchina fotografica Leica e da quel momento riconosce nella realtà un ritmo di superfici, di linee, di valori: l’occhio sceglie il soggetto e l’apparecchio deve imprimere le decisioni della mente sulla pellicola. Per Bresson la fotografia va letta e vista nella sua totalità, nel suo insieme, come un quadro. La composizione deve seguire una linea di necessità, deve coordinare ciò che si vede, la forma non deve essere separata dal contenuto. In “Bougival” France 1956, Bresson costruisce un’immagine di grande complessità. La figura centrale, un giovane uomo, contravvenendo a tutte “Le regole dei terzi” è sistemato nel mezzo della scena. Tutti gli altri personaggi, donne, bambini, animali guardano esclusivamente Lui. Ancora oggi resta nel dubbio se l’uomo al centro sia il padre, semplicemente un conoscente o un marinaio di passaggio, ma ciò ha contribuito a creare diverse chiavi di lettura della scena. Cartier Bresson credeva che le immagini più forti provenissero da una famigliarità del luogo, e dalla conoscenza della particolarità delle strade che permettono all’occhio acuto del fotografo di catturare abilmente la città.

FRANCE. Ile de France. Along the Marne river. First paid vacations. 1936.

L’aspetto realistico è sempre stato preponderante in Cartier Bresson, come si può vedere nella fotografia “Prime ferie pagate, sulle rive della Marna, ” (Premiers congés payés bords de Marne – France 1936) dove si vede una famiglia seduta sulla sponda del fiume intenta a mangiare e rilassarsi e delle bagnanti che manifestano la loro gioia in minuscoli dettagli. La scena sottolinea la valenza sociale delle prime ferie pagate, ma sempre con estrema semplicità e onestà. La fotografia evidenzia anche un fatto storico. Prima del 1936 la maggior parte dei lavoratori, pagati ogni due settimane all’ora, erano riposati solo la domenica e quando non lavoravano, non venivano retribuiti. Solo le professioni liberali, gli affittuari, i commercianti hanno preso congedo (non retribuito) mentre i funzionari dello stato, dal 1853, avevano il diritto di prendere una quindicina di giorni di assenza (sezionata o presa all’ingrosso) senza trattenere il trattamento. Il 3 maggio 1936 il Fronte Popolare vince le elezioni e provoca con la sua vittoria un’ondata di richieste tra i lavoratori: movimenti di sciopero e occupazioni pacifiche di fabbriche … La Francia è paralizzata e si stanno svolgendo discussioni. Nella notte tra il 7 e l’8 giugno vengono firmati gli accordi “Matignon”: l’introduzione della settimana a 40 ore e la concessione di congedo di 15 giorni di congedo retribuito.
Per Bresson-Cartier il mondo è un cambiamento a cui bisognava adattarsi. Viaggia in Europa, in Messico e negli Stati Uniti e inizia a interessarsi al cinema. Collabora con il regista Jean Renoir nel 1936 e nel 1939 e, contestualmente, realizza tre documentari dedicati alla guerra in Spagna. Fatto prigioniero nel 1940, nel 1943 riesce a scappare al terzo tentativo. Nel 1954 è il primo fotografo a essere autorizzato a entrare in Unione Sovietica dall’inizio della Guerra Fredda. I suoi grandi cambiamenti risalgono al 1955, la vittoria della società dei consumi e di tutte le conseguenze del mondo in crescita dove il pianeta veniva saccheggiato senza pietà. Ritorna dall’ Oriente nel 1950, dopo aver trascorso tre anni in Cina, India, Indonesia e Birmania in cui non aveva visto una sua foto, mandava i negativi alla Magnum. L’Oriente viene descritto come una concezione diversa del mondo, dove il fotografo si sentiva a suo agio.
“Le mie foto sono lì, io non le commento, non ho niente da dire. Si parla fin troppo, si pensa troppo. Ci sono scuole per qualsiasi cosa, dove si impara di tutto e alla fine non si sa niente, non è impensabile. Ci vuole un certo bagaglio intellettuale… La cosa meravigliosa della fotografia intuiva, la fotografia dal vero, è la reazione personale, questa reazione vitale, per cui sei fino in fondo te stesso e allo stesso tempo ti dimentichi di te stesso per interrogare la realtà o per cercare di comprenderla” (H.CARTIER-BRESSON)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.