Home / News / Venti opere celebrano, a Torino, l’arte di Mario Calandri
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Venti opere celebrano, a Torino, l’arte di Mario Calandri

A vent’anni dalla scomparsa e a ridosso del centenario della nascita di Mario Calandri (1914-1993), la Fondazione Bottari Lattes ricorda l’artista con una rassegna di opere scelte presso lo Spazio Don Chisciotte di Torino.

Curata da Vincenzo Gatti, l’esposizione inaugura martedì 26 novembre alle ore 18 e sarà aperta al pubblico fino a sabato 25 gennaio 2014 (orario: martedì-giovedì 15,30-19,30; venerdì e sabato 10-12,30 e 15,30-19,30).



style=”display:inline-block;width:468px;height:60px”
data-ad-client=”ca-pub-5884978676063959″
data-ad-slot=”7654144626″>

Calandri - Bagni lido, 1969, acquaforte su zinco cm 49 x 32

Calandri – Bagni lido, 1969, acquaforte su zinco cm 49 x 32

La mostra presenta una ventina di opere pittoriche e grafiche, a sottolineare la rilevanza della figura di Calandri non solo nell’ambito della grafica incisa (di cui è considerato tra i massimi esponenti del Novecento), ma anche nel panorama della pittura del secolo scorso.

 

Artista capace, come pochi altri, di modellare la dimensione privata per farne teatro e metafora dell’intero mondo, Calandri – spiega Vincenzo Gatti – trova nella pittura, così come nell’incisione, il terreno fertile dove far vivere le sue fantasie: senza ombra di sentimentalismi né languori costruisce un universo dove il mistero dell’esistenza viene osservato (fino alle conseguenze più intime) con tenero stupore. Anche il gioco della memoria diventa pretesto per ritrovarsi, come in un’immagine riflessa, nelle presenze di oggetti, animali, figure, fantasmi illusori e allusivi.

Calandri, Automa, 1963, tecnica mista su carta  cm. 28 x 20

Calandri, Automa, 1963, tecnica mista su carta cm. 28 x 20

 

Tutto poi è padroneggiato con una tecnica pittorica fulminante e sapientissima, che trascorre dall’acquerello all’olio, sapendone distillare, con magistrale libertà, gli umori più evocativi.

 Nelle opere in mostra saranno presenti i temi più consueti dell’ispirazione Calandriana: le giostre, i baracconi-teatrini misteriosi e ambigui, le figure sospese tra realtà e finzione, i fiori che, anche nell’austero linguaggio dell’incisione, trepidano di ricordi e s’ammantano di riflessi lunari, i bagni popolati da svelte figurette di adolescenti.

 Personalità appartata e schiva, egli tuttavia è ben attento alla contemporaneità: non ha bisogno di viaggi impegnativi per cogliere le sollecitazioni che gli vengono dal mondo dell’arte, ma sa filtrare con una libertà d’invenzione che ha pochi paragoni, gli stimoli più fecondi per la sua arte.

Per questo le sue opere, nella globalità dei linguaggi, stupiscono per l’unione di sentimento e tecnica, moti e forme, modernità e tradizione.

 

 

Note biografiche

Mario Calandri (Torino, 1914-1993) compie i primi studi artistici tra Firenze e Torino, dove torna nel 1932 e frequenta l’Accademia di Belle Arti,diplomandosi in pittura nel 1939 con Cesare Maggi, che lo richiede come assistente nel 1942. Dopo la parentesi bellica tuttavia sceglie l’assistentato con l’amatissimo maestro Marcello Boglione, responsabile, dal 1934, della rinata Scuola di Tecniche dell’Incisione dell’Albertina. Alla morte di Boglione (1957) gli succede come incaricato. Nel 1963 (dopo una breve parentesi a Brera) ottiene la cattedra nell’istituzione torinese, dove rimarrà fino al 1977, segnando con il suo magistero intere generazioni di incisori.

Nel 1940 esordisce alla Biennale di Venezia, risultando vincitore a Concorso Nazionale per l’affresco. In seguito sarà presente alla Biennale nel 1950, nel 1952 e nel 1958 con una personale. Nel 1960 gli viene assegnato il Premio per l’incisione all’VIII Quadriennale di Roma, e nel 1968 il Premio Internazionale della Grafica alla Biennale di Firenze.

Numerosissime sono le partecipazioni alle più significative rassegne nazionali e internazionali della grafica incisa, mentre rare e meditate sono le personali di pittura (tra le altre, nel 1964 a “La Bussola” di Torino, nel 1967 a Milano alla Galleria Gianferrari).

Soltanto in tempi recenti varie istituzioni hanno dedicato a Calandri importanti retrospettive,dando pieno riconoscimento alla figura dell’artista, pittore e incisore. (Trieste, 1992; Bari, 1993; Milano, 1995; Aosta, 1998; Torino, 2001; Cherasco, 2010).

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Perchè e quando i pittori iniziarono a firmare le proprie opere. Claude Monet e la sua grafia

Perchè Renoir dipingeva con i colori gioiosi della porcellana di Limoges? Cosa significa paletta?

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp