Home / Pittura contemporanea / Nicola Verlato – Le magnifiche illusioni della pittura italiana, lontano dall’Italia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Nicola Verlato – Le magnifiche illusioni della pittura italiana, lontano dall’Italia


intervista di Jacqueline Ceresoli

Nicola Verlato, nato nel 1965 a Verona, vive e lavora a New York. Stile lo ha incontrato nel suo studio di Brooklyn.

preparingthemealVerlato, quando ha iniziato a dipingere?
Ho iniziato quando avevo sette anni e ho venduto i primi quadri a nove. Dopo questi primi passi, per me entusiasmanti, non ho potuto fare altro che proseguire nella pratica del disegno e della pittura. Ed eccomi qui, ancora sulle tracce di un modo di esprimere al meglio la mia tensione figurativa, la mia creatività, con l’obiettivo di trovare un ambiente adatto alle mie aspirazioni. Questa inesauribile ricerca, il mio spirito avventuroso e la curiosità di misurarmi sempre con il nuovo mi hanno portato a New York, e non mi pento della scelta fatta.

 

 

Lei si definisce un autodidatta fedele al disegno, alla figura, stregato dal valore plastico della pittura.
La bellezza delle forme e il senso dell’armonia compositiva sono elementi dell’eccellenza italica, di derivazione rinascimentale. Questi valori, oggi, sembrano non essere apprezzati in Italia, dove invece le porte sono aperte a molti giovani artisti stranieri. Gli italiani devono così espatriare per trovare conferme professionali. Ed è un vero dramma: perché la cultura del nostro Paese, disconoscendo l’importanza della figurazione e il suo ruolo progettuale e cognitivo, in fondo disconosce se stessa.

E’ anche per questo che ha scelto di andarsene…
Sì, l’Italia mi ha deluso, non investe nell’arte contemporanea. In Italia mancano contesti e canali stimolanti entro cui misurarsi, perché la nostra figurazione non ha sbocchi sul mercato internazionale. Nella Grande Mela, con me generosa, ho trovato al contrario disponibilità, occasioni di dialogo, collezionisti, insomma un profondo interesse per la mia pittura, in un ambiente vivace e scevro da preclusioni mentali.
Ho lasciato via via Verona, Milano e Roma per necessità di un confronto più ampio. L’Italia non fa testo nei circuiti esteri, gli artisti noti sono al massimo tre, e sono sulla scena da oltre dieci anni. Non c’è ricambio, è tutto statico. New York, d’altra parte, è ancora il centro mondiale dell’arte contemporanea, come all’epoca di Leo Castelli.

Quali sono le sue fonti d’ispirazione (oltre al manierismo e al colorismo veneto che ha osservato, respirato fin da ragazzo, essendo nato a Verona)?
Mi hanno sempre affascinato le immagini dei corpi statuari, dalla bellezza scolpita; i colori vivaci; il disegno dall’effetto volumetrico, mantegnesco; poi i fumetti, le illustrazioni. Ed oggi mi suggestiona la potenza espressiva dei videogiochi.

La sua pittura si contraddistingue per la dinamicità delle scene. Stupiscono gli avviluppamenti serpentiformi delle sue figure titaniche, simili ai giganti di Giulio Romano a Palazzo Te di Mantova. Piacciono i suoi eroi contemporanei e antichissimi insieme, immortalati in opere dall’effetto tridimensionale, ispirate alla realtà. Quanto ha influito la tecnologia digitale nella sua produzione?
Moltissimo, anche per il fatto che la uso direttamente nel processo di elaborazione dei miei dipinti. Affianco al disegno e alla pittura una sofisticata tecnologia: non dimentichiamo però che dietro al digitale c’è sempre la manualità.

E quanto conta l’elemento “spettacolare”?
Dipende dall’opera, dal soggetto che intendo realizzare. Ogni opera ha una sua storia. Qualche volta mi interessa costruire una scena di forte impatto – spettacolare, appunto -; altre volte sono attratto dall’idea di rappresentare figure in contesti più raccolti. Non ho una regola fissa, insomma: tutto dipende in realtà dal mio stato d’animo.


Ci descrive la sua tecnica?
Un illusionista non rivela mai i trucchi del mestiere… Rispondo evidenziando che il mio è un processo lento e sofisticato, basato sul disegno dei dettagli, sulla resa plastica dei corpi, sulla ricerca dei colori ad effetto volumetrico e sul dosaggio della luce, e che gradatamente si cristallizza nell’immagine finale grazie al digitale. Digitale che mi permette di aggiungere tridimensionalità alle scene e di continuare nella contemporaneità l’esperienza della figurazione.

 Che cos’è, per Nicola Verlato, la pittura nella cultura di oggi?

E’ il naturale sviluppo della nostra tradizione figurativa. I programmi di photoshop non sono altro che strumenti a disposizione dell’artista, al servizio di un ideale di bellezza. La tecnica digitale è un medium per comunicare attraverso le immagini, come è avvenuto nel passato con i dipinti. Il digitale visualizza un mondo virtuale, sfonda barriere, crea spazi dell’illusione ottica, esattamente come ha sempre fatto la pittura.

Da ospite degli States: quali sono i pittori americani che preferisce?
I classici come Hopper, i protagonisti della Pop art… Tra i giovani non so scegliere. Mi trovo peraltro un po’ a disagio di fronte a distinzioni geografiche. Credo che gli artisti debbano avere una visione cosmopolita, la vera pittura è sempre stata internazionale e non ha mai avuto confini territoriali: per questo è oltre il tempo e non segue le mode.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

La tecnica di Francis Bacon e la profanazione delle fotografie. L’urlo del Papa

Mimmo Rotella, intervista: la parabola delle carte lacerate. Nascita del décollage. Immagini

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp