Le ultime

Foto per copertina

Pittura e Psicologia. Cosa significano le finestre di Hopper

Secondo l’opinione di Hillman, sia in pittura che nel cinema, questo elemento architettonico ha svolto e svolge tuttora un ruolo decisivo per il nostro immaginario. E proprio Hopper è stato un “genio della finestra”, colta sia dall’interno che dall’esterno. Prima di lui, nell’affrontare il tema, “geni” erano stati Rembrandt, Vermeer e molti altri. Tornando ad Hopper, è d’obbligo riconoscere che egli sia stato, con i suoi ambienti silenziosi e le scene distaccate, un interprete profondo delle relazioni umane. Al tempo stesso, le architetture rivestono un ruolo primario all’interno delle sue composizioni, e per questo motivo il pittore ha giocato con elementi lontani dalla mera realtà: finestre sproporzionate rispetto alla mute figure umane e una luce il più delle volte “tremenda”

Leggi Articolo »
gregory copertina

Le fotografie di Gregory Crewdson: le pulsioni oscure, come in un film, meglio di un film

Le opere di Crewdson - uno dei fotografi contemporanei più geniali e visionari che assumono un ruolo più vicino a quello di un regista sul set di un film - appaiono come dei «fermo immagine» ad alta risoluzione tratti da film hollywoodiani, oppure ambientate nell'America suburbana, rivelando come citazioni, riferimenti e motivi ispiratori più immediati i film e i miti di Hollywood (per alcune delle sue serie l’artista ha ingaggiato, nel ruolo di interpreti, star del cinema come Gwyneth Paltrow, Julianne Moore e William H. Macy, immerse nel grande anonimato delle vaste periferie del microcosmo indifferenziatro delle «any town»)

Leggi Articolo »
a chimera 1

Conosci la storia e l’uso propagandistico della statua della chimera? Scoprili in un minuto

Com’è noto, il mostro (datato alla fine del V secolo a.C.) appare ferito, la testa caprina sollevata verso un lato (dove doveva trovarsi, forse, in origine, la figura di Bellerofonte, che, secondo il mito, uccise la Chimera in un terribile scontro), mentre si ritrae sulle zampe posteriori, con il corpo in grande tensione che lascia intravedere la muscolatura e le ossa, la bocca spalancata, sofferente. La coda, serpentiforme, fu rinvenuta spezzata e ricreata ex novo nel XVIII secolo. L’iscrizione Tinscvil su di un arto ne indicò, da subito, l’appartenenza etrusca.

Leggi Articolo »
tracy copertina

Tracy Nakayama, come facevamo l’amore ai tempi dei Figli dei fiori

Tracy Nakayama (1974) è un'artista americana che vive e lavora a Los Angeles, in California. E' nata a Honolulu, alle Hawaii. Nelle sue opere esplora il clima di intimità di coppie e gruppi, appartenenti alla generazione che ha vissuto il 1968. La sua sembrerebbe un'esplorazione psicanalitica, quasi ossessiva, di un tempo mai vissuto, dal quale lei stessa è però sbocciata. Eloquente, a questo proposito, è la presenza, in una delle sue opere, di una coppia che fa l'amore, accanto a un neonato. Nakayama ha studiato alla School of Visual Arts di New York, New York e alCollege of Arts and Crafts di Oakland, in California. I suoi pezzi "Eats" (2002) e "bevande" (2003) fanno parte del Museum of Modern Art, collezione permanente

Leggi Articolo »

Renoir – Giardini e fiori in pittura, uno splendido video sull’attimo che fugge

Giardini e fiori sono elementi portanti della pittura impressionista, che si colloca sempre nelle dimensione del presente, per scandagliare otticamente la realtà nel suo momento effimero e transitorio. I dati naturali, le essenze arboree, le piante fiorite costituiscono un polifonico banco di prova del colorismo impressionista, per questi artisti che credono nella luce e nella bellezza della natura, da godere in un istante poiché poi muterà e non sarà più quella. Qui presentiamo un viaggio tra fiori e giardini dipinti da Renoir

Leggi Articolo »
biancaneve

Porno-cartoni animati. Così il ’68 distrusse nel trash il mito dolce di Biancaneve.

Per gli amanti di antiche e perdute pellicole, questa è un'occasione unica, anche se il prodotto è trash sia sotto il profilo delle immagini che nell'ambito tecnico. Eppure, al di là di possibili e probabili intenti commerciali, questi filmati si inserirono nel clima di iconoclastia politica e artistica dei miti buoni della società borghese.Una sorta di profanazione di un culto laico. I filmini Super 8 presero a girare e a frantumare tutto ciò che di candido potesse restare. Del resto si parlò poi di Vizi privati e pubbliche virtù, che avevano contrassegnato tutti i grandi puritani della storia. Il sesso, alla Bataille, frantumava ogni possibile verità di facciata

Leggi Articolo »
a almirante

La storia degli Almirante: prima duchi, poi attori-artisti, fino al cinema e alla politica

È uscito per Marsilio Editore il libro di Pasquale Almirante: “Da Pasquale a Giorgio Almirante. Storia di una famiglia d’arte”, uno studio ponderoso e documentato che indaga su una delle più importanti famiglie d’arte che dai primi dell’800 fino al 900 hanno girato l’Italia per portare, anche nei paesini più sperduti, le suggestioni del teatro, ma pure cultura insieme al dibattito politico del tempo

Leggi Articolo »