Home / News / 13mila Bic accendono la stazione di Parigi, con un’installazione lampadario
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

13mila Bic accendono la stazione di Parigi, con un’installazione lampadario

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Quanto abbiamo sognato osservando i riflessi e le rifrazioni, tenendo una Bic in mano, nel momento, magari, in cui la lezione diveniva insopportabilmente pesante. Quella luce tra le dita era una meravigliosa risorsa di immaginazione. Ora la celeberrima azienda di produzione delle penne ha promosso la realizzazione di un’installazione modernissima e classica, al tempo stesso. Installazione-lampadario. Nella hall centrale della stazione Saint-Lazare è stato portato a termine il Bic Pavilion, realizzato con 12.843 penne Bic Cristal. La struttura sospesa nella hall si offre alla vista di oltre 450mila passeggeri che salgono o che scendono dai treni.

La struttura sospesa era stata inizialmente progettata per essere candidata ad un bando di gara ingegneristico. Gli artisti che hanno realizzato l’opera sono Yousef & Elias Anastas, architetti specializzati nel campo della ricerca e del design, Revel, società che esplora modalità inedite per utilizzare oggetti e materiali di uso comune, e Landolf Rhode-Barbarigos, laboratorio di ricerca specializzato nel settore ingegneristico e del design computazionale.

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

SPONSOR

x

Ti potrebbe interessare

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica

a gibbs copertina

Ciao, buona fortuna e buona giornata a tutti