Home / 2017 / marzo

Archivi Mensili: marzo 2017

La scultura di Kafka che si compone e si disfa. Opera di David Cerny. Il video

a franz

David Cerny ha realizzato una scultura composta da 42 lastre d'acciaio, tagliate, ognuna delle quali ruota in modo autonomo. L'opera, omaggio al grande scrittore Franz Kafka, è stata collocata nell'area del Quadrio Business Centre, a Praga, nella Repubblica Ceca. Al di là della ricerca di un effetto di mobilità, che diviene ossessivo per ogni oggetto della civiltà contemporanea, la scultura rappresenta anche le sfaccettature infinite di Kafka e dell'uomo del Novecento, che riescono ad essere se stessi solo per un istante, quando le diverse componenti del quadro psicologico e il destino-caso si allineano

Leggi Articolo »

Depero, il mago che precedette Warhol. Capiscilo subito, poi approfondisci

Fortunato Depero, La casa del mago, olio su tela, cm 150 x 260. © Eredi Depero

Futuristicamente irrequieto, attraverso, come si è visto, cospicue presenze in esposizioni, in dibattiti, in uscite pubblicitarie, Depero espande in Italia e nel mondo la sua ottimistica e personalissima visione di una modernità a tinte forti e disegni semplificati, che fu proprio una delle icone più significative per la diffusione internazionale del Déco: la sua poliedrica attività, i suoi stessi soggiorni newyorkesi (visse tra il 1928 e il 1930 e poi ancora nella seconda metà degli anni quaranta nella metropoli per eccellenza, pulsante di luci, di macchine e folle cosmopolite), sono una testimonianza di questa profonda adesione a un immaginario di istantanea percezione, di enorme forza rappresentativa ed evocativa. La mostra alla Fondazione Magnani Rocca

Leggi Articolo »

Come danzano nell’aria e di cosa sono fatte le sculture di Elias Crespin

a elias

Sospese a quasi invisibili fili di nylon che hanno l'altro capo collegato a piccoli motori, dirette, nel movimento, dai computer le sculture disegnano delicatamente, nello spazio, una danza. Ruotano quasi impercettibilmente per passare da una forma all'altra e dall'ordine al caos, in una coreografia disegnata dall'artista. In questa ricerca per quanto riguarda la forma, spazio, tempo e movimento, spesso Elias Crespin combina lo studio del colore attraverso la sperimentazione di diversi materiali e texture, d'ombra e luce

Leggi Articolo »

Soluzione MegaZoom: Giulio Romano, Allegoria dell’immortalità

allegoritot

Ecco la soluzione del quiz: Il dipinto intitolato Allegoria dell’immortalità è in realtà dedicato alla ricerca alchemica a Mantova. Tutti i simboli portano a un’identificazione certa nell’ambito dell’arte dei metalli. Ecco come sciogliere i nodi di questo quadro all’apparenza complesso. Realizzato da Giulio Romano, pittore manierista, negli anni successivi al 1520 – dopo la morte di Raffaello, di cui era il ...

Leggi Articolo »

La pioggia nel Pineto e un quadro di John Brett

John Brett (1831-1902), Vista della Manica delle scogliere di Dorset, 1871, Tate Gallery

La pioggia nel pineto è una lirica composta fra luglio e agosto 1902 - anno della morte del pittore che abbiamo raccordato, con un campo lungo, alla poesia di D'Annunzio -dal Vate nella celebre Villa La Versiliana dove abitava immerso nel verde della pineta della Villa a Marina di Pietrasanta in Versilia. Quest'opera appartiene all'Alcyone, una raccolta di poesie del D'Annunzio scritte tra il 1902 e il 1912. John Brett (vicino a Reigate, 8 dicembre 1831 – Londra, 7 gennaio 1902) è stato un pittore britannico appartenente alla corrente preraffaellita, noto per la ricchezza di particolari nei suoi paesaggi.

Leggi Articolo »

Ab ovo

a stile uovo-1

In occasione delle recenti festività pasquali, ho elaborato una variazione sul tema del tradizionale uovo di cioccolato. Sono intervenuto scultoreamente sullo stesso con un’operazione “in levare” che mi ha portato ad una frammentazione della materia, ad una rimodellatura ora radicale, ora minuziosa, ispirata alla grazia della trina.

Leggi Articolo »

Il video. Con il drone su uno dei luoghi magici d’Italia: un matrimonio, una chiesa scoperchiata, la spada nella roccia. Da vedere

a galgano

Montesiepi, in provincia di Siena, è uno dei luoghi più suggestivi e magici del mondo. Ci si arriva dopo aver percorso una strada saliscendi, meravigliosa, che si dipana tra colline dolci, tra querceti ampi e piccole chiese di campagna. All'improvviso vediamo, sulla piana verde, una chiesa grandissima, senza tetto. Grande come una cattedrale. E' un edificio gotico che ospitava i monaci chiamati a gestire la devozione a san Galgano. a galgano 2 Sulla collina, non distante dalla chiesa scoperchiata, sorge l'edificio romanico in cui c'è la spada nella roccia. Secondo il racconto, Galgano, cavaliere, decise di rinunciare alla spada per darsi alla preghiera e a progetti di pace. Piantò così l'arma nel terreno roccioso. La spada venne imprigionata e l'elsa, poichè la lama è in buona parte nel terreno, è divenuta una croce. Nel bel filmato con drone vedremo la chiesa abbaziale, la chiesa romanica, a pianta circolare, sul cui frontone sono presenti immagini di Bafometto, che fanno pensare che il luogo fosse in mano ai templari. Il tutto ingentilito dalle "scene da un matrimonio"

Leggi Articolo »

Abraham Teniers – Un viaggio sorprendente nel Pianeta delle scimmie

A TENIERS

Abraham Teniers (Amberes, 1629 – 1670), è un pittore fiammingo specialista nelle scene di genere e nel grottesco. E' figlio di David Teniers e fratello di David Teniers il Giovane. Come in una raccolta di La Fontaine, egli gioca all'umanizzazione di animali, per rendere evidenti vizi e virtù del nostro genere, che meglio cogliamo distaccati in situazione figurative stranianti. Ametà, appunto, tra la fiaba e l'insieme di frammenti surreali, che sfiorano la materia densamente eterea del sogno

Leggi Articolo »