Home / Mostre in Italia / A Milano le sublimi soluzioni ottiche di Josef Albers
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Josef Albers, Park (ca. 1924), ©2013 The Josef and Anni Albers Foundation/Artists Rights Society New York

A Milano le sublimi soluzioni ottiche di Josef Albers


Milano celebra il genio di Josef Albers (Bottrop, Germania, 1888 – New Haven, USA, 1976), attraverso una mostra in due sedi promossa dalla Josef & Anni Albers Foundation e dalla Fondazione Stelline, che ripercorre alcuni degli aspetti fondanti della carriera del grande artista modernista ed esponente del Bauhaus.

Alla Fondazione Stelline (c.so Magenta 61), fino al 6 gennaio 2014, si tiene la prima monografica a Milano delle opere di Josef Albers.
Josef Albers. Sublime Optics esplora la componente spirituale dell’arte dell’autore tedesco. Di formazione cattolica, religione che non ha mai abbandonato, ha incorporato il linguaggio figurativo della tradizione cristiana in molti dei suoi lavori, interpretando la trasformazione del colore e del tratto come eventi spirituali se non addirittura di natura mistica.

Curata e allestita da Nick Murphy (Projects Director della Josef and Anni Albers Foundation), sulla base di un progetto ideato e curato da Nicholas Fox Weber (Executive Director della Josef and Anni Albers Foundation), Josef Albers. Sublime Optics offre una prospettiva unica su questo maestro del Bauhaus, raccogliendo rari disegni giovanili, vetri colorati, vetri sabbiati e una selezione di dipinti astratti.

Il percorso espositivo presenta 78 lavori realizzati all’inizio della sua carriera artistica, quando insegnava in Vestfalia fino agli ultimi giorni della sua vita: dal primissimo disegno conosciuto fino all’ultimo Omaggio al Quadrato. Tutte le opere sono pervase dalla purezza e dall’onestà del suo pensiero, ma soprattutto dal suo credere fermamente che, applicando il talento artistico con dedizione e verità, sia possibile trasformare la realtà quotidiana in modo miracoloso.

“La mostra – afferma Nick Murphy – s’indirizza a questo secondo e meno religioso senso di spiritualità di Albers. Josef Albers. Sublime Optics analizza gli esperimenti del maestro con la luce (attraverso raffinate manipolazioni di colore, forme e linee) in modo da creare ulteriori misteri nel mondo, misteri che possano funzionare come esercizi spirituali per nostri occhi. È come un ottico mistico che ci fa indossare lenti per veder meglio il sublime intorno a noi”.

Josef Albers, Variant / Adobe, Pink Orange Surrounded by 4 Grays, 1947 – 1952, Oil on masonite 38.1 x 68.6 cm, ©2013 The Josef and Anni Albers Foundation/Artists Rights Society New York

L’iniziativa alla Fondazione Stelline è il primo “ritorno a Milano” delle opere dell’artista dopo quasi 80 anni di assenza da quando – nel 1934 – Wassily Kandinsky organizzò una mostra di stampe di Albers nel capoluogo lombardo a un anno dalla chiusura del Bauhaus (di cui Albers fu studente e docente dal 1920 al 1933). E torna a Milano a pochi passi da quel “Cenacolo” di Leonardo da sempre ammirato dall’artista tedesco.

“Siamo orgogliosi di poter offrire a Milano una personale di Josef Albers dopo 80 anni che l’artista non era presente con proprie esposizioni nella nostra città” – ha dichiarato la Presidente della Fondazione Stelline PierCarla Delpiano – “Ospitare una monografica come quella di Albers è un tassello prezioso che si inserisce perfettamente nel mosaico di internazionalizzazione e di apertura culturale al mondo, che le Stelline vogliono comporre anche in vista dell’Esposizione universale del 2015”.
In occasione della mostra, valorizzando l’attenzione di Josef Albers nel rendere l’arte accessibile al maggior numero di persone, compresi coloro che non possono liberamente godere di questo privilegio, la Fondazione Stelline e la Josef and Anni Albers Foundation hanno sviluppato una preziosa collaborazione con il carcere di Bollate e E.S.T.I.A. Cooperativa Sociale Onlus, grazie alla quale la compagnia del teatro In-Stabile del Carcere realizzerà uno spettacolo ispirato a testi di Josef Albers, e le persone detenute potranno partecipare a workshop organizzati insieme all’Accademia di Belle Arti di Brera, dove fare esperienza degli stessi metodi rivoluzionari di insegnamento del grande maestro della Bauhaus.

La seconda esposizione Imparare a vedere: Josef Albers professore, dal Bauhaus a Yale in programma fino al 1° dicembre 2013 nella Sala Napoleonica dell’Accademia di Brera (via Brera 28), è curata da Samuele Boncompagni e da Giovanni Iovane e approfondisce l’impatto dell’innovativo metodo d’insegnamento di Albers, dapprima al Bauhaus, quindi al Black Mountain College di Asheville (North Carolina, USA) e infine alla Yale University di New Haven (Connecticut, USA).

La passione e la creatività impiegate da Albers durante le sue lezioni saranno rilette attraverso quattro Omaggi al quadrato di Albers e 100 tra documenti, foto, libri, materiale didattico dello stesso Albers e dei suoi studenti, che documentano in maniera approfondita la qualità del suo insegnamento.

Per rimarcare l’elemento essenziale dei suoi corsi accademici, che traeva le sue origini dal periodo del Bauhaus, Albers era solito dire: “Io non ho insegnato pittura perché non può essere insegnata. Io ho insegnato a vedere”. Secondo lui, il compito del grande artista è la rivelazione e l’evocazione di una visione. Non si può insegnare l’arte ma sicuramente si può fare esperienza di come vedere bene. A tal proposito, tutti gli esercizi e “i pannelli didattici” avevano lo scopo non di illustrare una teoria precostituita ma di “far aprire gli occhi” ai suoi allievi.

Accompagnano le mostre, due cataloghi editi per l’occasione dalla Josef and Anni Albers Foundation con testi che approfondiscono l’opera di Albers da diverse prospettive; oltre a quelli dei curatori, infatti, i due volumi propongono contributi di storici dell’arte (Marco Pierini, Brenda Danilowitz), di un sacerdote (don Paolo Papone), di un commediografo (Colm Tóibín) e di una poetessa (Julie Agoos).

Note biografiche

Josef Albers

Josef Albers

Josef Albers nacque il 19 marzo 1888 a Bottrop, in Vestfalia. Dopo aver compiuto studi artistici a Berlino e Monaco, nel 1920 entrò nella Bauhaus a Weimar. Nel 1923 Albers fu nominato docente del Corso Preparatorio, un corso obbligatorio per tutti i nuovi studenti che continuò quando la scuola si trasferì a Dessau nel 1925.
Nel 1933 l’artista emigrò con la moglie Anni negli Stati Uniti, dove fu incaricato di istituire una Facoltà di Arte presso il Black Mountain College, nella Carolina del Nord. Lì rimase insieme alla moglie fino al 1949.
Nel 1950 Albers iniziò la serie di opere Omaggio al Quadrato, dipinti a olio su masonite, e nello stesso anno accettò la nomina a Direttore della Facoltà di Design dell’Università di Yale.
Nel 1963 la Yale University Press pubblicò il volume Interazione del colore scritto dall’artista, in cui vengono sintetizzati i principi della sua incessante esplorazione della mutabilità e relatività del colore. L’opera è basata sulle sue rinomate lezioni sulle proprietà del colore note come “The Color Course.”
Nel 1971 Josef Albers fu il primo artista vivente a cui il Metropolitan Museum of Art di New York dedicò una retrospettiva.

Albersfoundation.org

JOSEF ALBERS. SUBLIME OPTICS
Milano, Fondazione Stelline (Corso Magenta 61)
26 settembre 2013 – 6 gennaio 2014

Orario di apertura: dalle 10 alle 20 da martedì a domenica (chiuso il lunedì)
Biglietti: intero € 8; ridotto € 6; scuole € 3.
Sito web: www.stelline.it
Infoline: +39.02 45462.411
Visite guidate gratuite per adulti e per famiglie con bambini dai 6 ai 12 anni
Il giovedì alle 18.30 e la domenica alle 16.30 (75 min.)
AD ARTEM 02 6597728 / info@adartem.it / www.adartem.it

 

IMPARARE A VEDERE: Josef Albers Professore, dal Bauhaus a Yale
Milano, Accademia di Brera, Sala Napoleonica (via Brera 28)
2 ottobre – 1 dicembre 2013

Orario di apertura: dalle 9 alle 18,30 dal lunedì al venerdì; dalle 9 alle 14 il sabato
Sito web: www.accademiadibrera.milano.it

CATALOGHI: Edizioni Josef & Anni Albers Foundation
(Sublime Optics, pagg. 288 € 30; Imparare a vedere, pagg. 96 € 24; entrambi, € 48)

Ufficio Stampa Fondazione Stelline Ufficio Stampa Fondazione Albers

Andromaca Eventi e Comunicazione CLP Relazioni Pubbliche
ufficiostampa@andromaca.it marta.paini@clponline.it
Valentina Morelli T. +39 338 5600375 T. +39 02 36755700 – www.clponline.it



 

x

Ti potrebbe interessare

crocifisso di cividale

Il Crocifisso di Cividale. Da dove viene l’immagine di quel gigante buono?

Moses Levy: Spiaggia e figure a Viareggio, 1921

Moses Levy, le spiagge magiche e fatate degli anni Venti