Home / Mostre in Italia / A Perugia la poesia del paesaggio di Canaletto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Canaletto-View-of-the-Grand-Canal-Rialto-Bridge

A Perugia la poesia del paesaggio di Canaletto


La poesia del paesaggio di Canaletto nella Galleria Nazionale dell’Umbria
Perugia, Galleria Nazionale dell’Umbria
fino al 19 gennaio 2015Costo del biglietto: € 6,50; Riduzioni: € 3,25;
Per informazioni 075 5721009
Orario: dal martedì alla domenica, dalle 8.30 alle 19.30; lunedì dalle 9.30 alle 19.30 e venerdì apertura prolungata fino alle 22.00
La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura del museo
Telefono: 075 58668415
Fax: 075 58668400
E-mail: fabio.dechirico@beniculturali.it
f413e6d827412d8845f9b601beeb5498ea33a9cIl fascino di Venezia raccontato da Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto (1697-1768)  sarà in mostra alla Galleria Nazionale dell’Umbria fino al 19 gennaio 2015 con le due vedute veneziane del Canal Grande e il ponte di Rialto e di piazza San Marco, provenienti dal Museo Jacquemart André di Parigi.
Ad illustrare i due capolavori  il 25 settembre alle ore 11.00, sarà Nicolas Sainte Fare Garnot, conservatore del Museo Jacquemart-André di Parigi. Saranno presenti Francesco Scoppola, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria, Maria Teresa Severini, Assessore alla Cultura del Comune di Perugia e Fabio De Chirico, Soprintendente per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell’Umbria che ha sottolineato come l’occasione di poter ammirare per la prima volta a Perugia due preziose tele del Canaletto, rappresenti  una notevole opportunità per la valorizzazione del patrimonio artistico custodito dalla Galleria Nazionale dell’Umbria.
La presenza delle due tele nella sala 39 è dovuta alla convenzione firmata con il Museo Jacquemart-André di Parigi in occasione della mostra Le Pérugin Maître de Raphaël, organizzata dal museo francese dal 12 settembre 2014 al 19 gennaio 2015, che vede il museo perugino prestatore d’eccezione.
Fonte: Mibact
x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista