Home / Mostre in Europa / A volte tornano. La personale di Wainer Vaccari ad Amburgo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Wainer Vaccari 2014 - Olio su tela cm 150x100 - L'osservatriceape

A volte tornano. La personale di Wainer Vaccari ad Amburgo

WAINER VACCARI. A volte tornano
Amburgo (Germania), LEVY Galerie
20 gennaio – 24 marzo 2015

Orari:
dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 18 o su appuntamento
Ingresso libero
Catalogo trilingue (italiano, tedesco, inglese):
Kerber Verlag

Per informazioni:
LEVY Galerie | Osterfeldstrasse 6 | D-22529 Hamburg
Tel.: +49-40-45 91 88 | info@levy-galerie.de www.levy-galerie.de


Dal 20 gennaio al 24 marzo 2015, alla Galleria LEVY di Amburgo (Germania) si tiene la personale di Wainer Vaccari, A volte tornano…, a 10 anni dalla rassegna tenuta dall’artista modenese nello spazio espositivo tedesco.
La mostra presenta trenta dipinti e venti disegni recenti in grado di rivelare un linguaggio figurativo affrancatosi dal realismo che, come scrive Belinda Grace Gardner nel testo in catalogo, oscilla fra “giochi post-impressionisti di luce-colore e matrici digitali”, fra condensazione e dissoluzione della materia.

 Wainer Vaccari 2014 - Olio su tela cm 120x80 - Il gatto di Schrodinger


Wainer Vaccari 2014 – Olio su tela cm 120×80 – Il gatto di Schrodinger

Le opere conducono l’osservatore verso i misteriosi mondi interiori e onirici tipici dell’artista, popolati di uomini e donne, opulenti protagonisti. Questi si trovano, con pathos manieristico, in una sospensione quantistica con gli elementi primordiali circostanti. Accompagnati da un repertorio iconografico di recipienti, oggetti abbandonati e segnaletiche spaziali di carattere simbolico, essi coinvolgono l’osservatore, inducendolo a sondare le dimensioni e le strutture immanenti dell’esistenza umana.

In confronto pluriennale con le teorie della fisica quantistica, Vaccari ha sviluppato un particolare interesse per le invisibili interrelazioni atomiche del nostro esistere. Sul piano formale, ciò si manifesta nelle astratte e impalpabili orbite di particelle morfocromatiche – tratti minutissimi, slanci in filigrana, triangoli e quadrilateri – che danno forma a personaggi pronti a tuffarsi nelle vertiginose profondità primigenie della nostra realtà.

Wainer Vaccari 2014 - Olio su tela cm 100x80 - Sottoriva

Wainer Vaccari 2014 – Olio su tela cm 100×80 – Sottoriva

Attivo inizialmente come grafico e illustratore, dagli anni Settanta Wainer Vaccari (Modena, 1949) si è dedicato esclusivamente alla carriera artistica e oggi vive e lavora a Modena. Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero.

Accompagna la mostra un catalogo (tedesco – inglese – italiano) per i tipi di Kerber Verlag, con testi del Prof. Dr. Herwig Guratzsch e di Belinda Grace Gardner, nonché un’edizione per collezionisti di un’incisione a tiratura limitata di 30 esemplari e 5 prove d’artista numerate e autografate: Il gatto di Schrödinger, 2014, 22,5 x 14,5 cm

Wainer Vaccari 2014 - Olio su tela cm 150x100 - L'osservatrice

Wainer Vaccari 2014 – Olio su tela cm 150×100 – L’osservatrice

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista