Home / Mostre in Italia / Al museo tattile di Ancona: Dirà l’argilla. La mano, la terra, il sacro di Paolo Annibali
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

paolo_annibali_argillaape

Al museo tattile di Ancona: Dirà l’argilla. La mano, la terra, il sacro di Paolo Annibali


DIRA’ L’ARGILLA la mano, la terra, il sacro di Paolo Annibali
8 novembre 2014 – 15 febbraio 2015
Museo Tattile Statale Omero, Ancona

Email: info@museoomero.it
Telefono 071.2811935
Ingresso: libero.

Orario dal giovedì al sabato ore 16-19; domenica e festivi ore 10-13 e 16-19.
Apertura straordinaria per gruppi e scuole.
Chiuso: 25 e 31 dicembre.
Catalogo mostra: 104 pagine, costo 20 euro (in mostra: 16 euro).

paolo_annibali_argilla

La terracotta può esser toccata, esplorata con le mani, accarezzata ed è il materiale ideale per una mostra tattile. Ha quindi un particolare significato la mostra di Paolo Annibali “Dirà l’argilla. La mano la terra il sacro”, inaugurata l’8 novembre nelle sale vanvitelliane del Museo Tattile Statale Omero con grande successo di pubblico.
21 grandi sculture in terracotta più 21 splendidi disegni realizzati negli ultimi tre anni, secondo un progetto unitario pensato per il Museo. Tutto da vedere e da toccare, fruibile da parte di visitatori vedenti e non vedenti poiché alcuni disegni saranno realizzati in 3D. Viene realizzato anche un catalogo da De Luca Editori d’arte con le foto di tutte le opere e gli interventi del curatore Flaminio Gualdoni, di Erri de Luca e del presidente del Museo Omero Aldo Grassini.

Annibali porta in mostra il suo percorso artistico e ci permette di scoprire gli angoli più intimi del suo laboratorio, per poi arrivare in una sorta di ipotetico tempio dove però i personaggi non sono dei ed eroi, ma figure femminili impegnate in gesti della normale quotidianità, come il truccarsi o specchiarsi.

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico