Home / News / Alessandro Fabio Basile
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Alessandro Fabio Basile

l'abbraccio del figlio BASSA

Alessandro Fabio Basile, L’abbraccio del figlio, 2015, bronzo patinato Misura: 40 x 35 x 35

l'abbraccio del figlio2BASSA

Autore: Alessandro Fabio Basile

Titolo opera: L’abbraccio del figlio

Anno: 2015

Tecnica e materiali: bronzo patinato

Misura: 40cm, larghezza 35cm, altezza della base in legno 10 cm

Nota esplicativa: /

 

Biografia

Sono nato a Bari nell’ottobre 1971, ho frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti e un corso triennale di restauro di opere d’arte. Ho presentato numerose personali di grafica, pittura e scultura, ho restaurato importanti opere, come la cupola del teatro Margherita di Bari. Nel mio laboratorio situato nell antico centro storico di Turi, Bari, realizzo sculture in vari materiali, tra i quali il bronzo e affreschi, decorazioni, installazioni per privati e numerose opere pubbliche, tra le quali una stele policroma in pietra dedicata alla figura del bersagliere, realizzato nel 2011 e un monumento per le vittime della strada, inaugurato nel 2014.

 

Sito web & Links:

fabiobasile.it/

www.facebook.com/afbasile

www.facebook.com/Basile-percorsi-darte-225909157497467

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica