Home / News / Antonio Basoli – Le vedute del viaggiatore che non si mosse dalla propria stanza
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Antonio Basoli – Le vedute del viaggiatore che non si mosse dalla propria stanza


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Antonio Basoli (1774 - 1848), Pantheon, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Pantheon, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Raccolta di prospettive serie, rustiche, e di paesaggio, 1810. Album di incisioni

di Roberto Martorelli

La raccolta di incisioni “Raccolta di prospettive serie, rustiche, e di paesaggio” realizzate dal bolognese Antonio Basoli (1174-1848), appartenne alla biblioteca privata dell’architetto Angelo Venturoli e dopo la sua morte entrò a far parte del materiale del Collegio da lui fondato. Divenuto utile strumento di consultazione reca diverse tracce di segni a matita nelle tavole. Il volume comprende 102 grandi tavole, numerate in caratteri romani, piu una piu piccola nell’antiporta. Come riportato nella prima pagina, ci troviamo di fronte a una Raccolta di prospettive serie, rustiche e di paesaggio, inventate da Antonio Basoli guelfese, disegnate da Francesco Cocchi budriese, incise da diversi scolari del Professore Francesco Rosaspina, dall’autore e dal disegnatore.

Ritratto del pittore Antonio Basoli (1774-1848) nel suo studio. Incisione di Antonio Marchi del 1827 tratta dal dipinto di Ludovico Lipparini

Ritratto del pittore Antonio Basoli (1774-1848) nel suo studio. Incisione di Antonio Marchi del 1827 tratta dal dipinto di Ludovico Lipparini

Ecco quindi che sfogliando il volume troviamo interni neogotici, sale egizie, tuguri americani, il Tempio di Salomone, una Moschea, l’interno di una nave, una Piazza Cinese, le catacombe indiane. Ovviamente non mancano i piu consueti paesaggi agresti e montani, vedute di templi romani e greci, ma anche decorazioni realmente dipinte, come diversi scenari per teatri bolognesi e non. Al Sig. Angelo Venturoli viene dedicata la veduta n. XIII, rappresentante un classico Panteon disegno al’acquerello presso l’Autore.

Dall’indicazione che compare nel bordo inferiore di tutte le vedute si viene informati che sono realizzate su invenzione di Basoli, ma riportate sulla lastra da altri artisti quali Francesco Cocchi o dal fratello Luigi, anche se alcune sono state comunque incise da Antonio stesso. Come avveniva di consueto per queste grandi raccolte, in basso appare una dedica a personalita celebri o intellettuali, ma anche ad amici e colleghi quali Luigi Basiletti, Giuseppe Borsato, Rodolfo Fantuzzi, Giuseppe Guizzardi. Tra i nobiluomini se ne riconoscono diversi, appartenenti a famiglie molto in vista quali gli Hercolani, i Pallavicini e gli Zambeccari.

Antonio Basoli (1774 - 1848), Piazza Cinese, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Piazza Cinese, 1810

E presente anche un foglio sciolto di piccole dimensioni, stampato l’anno precedente all’uscita, il quale informa i signori amatori di belle arti che chiunque ne volesse far acquisto potrà rivolgersi all’Autore, o al Disegnatore, obbligandosi però di prender tutta l’Opera intera, che si venderà al prezzo di mezza lira d’Italia per Tavola. Ogni due mesi ne usciranno sei. A quelli, che abitano in Bologna verranno portate fino alle rispettive Case, previa però la corrisposta del denaro. (…) Chiunque, si compiacerà trovare dodici Associati, avrà tutta l’Opera intera gratis. Ecco che cosi si spiega la dedica di ogni tavola ad una persona diversa: sia per amicizia sia per interesse commerciale. La scarsa propensione di Basoli ad allontanarsi dalla madrepatria venne abilmente superata con una intelligente diffusione delle sue opere attraverso le incisioni, la cui esecuzione fu spesso affidata agli allievi o ai fratelli Luigi e Francesco. Le sue stampe ebbero fortuna internazionale ed a tutt’oggi sono tra le opere grafiche piu ricercate dell’800 italiano.


Antonio Basoli (1774 - 1848), Alfabeto pittorico, lettera “L”, 1839

Antonio Basoli (1774 – 1848), Alfabeto pittorico, lettera “L”, 1839

Antonio Basoli e stato correttamente definito “il viaggiatore che resta a casa”, individuandone cosi la disposizione a non spostarsi dalla propria terra, ma viceversa ossessionato dalla curiosita verso le culture di tutto il mondo, scoperte attraverso una maniacale ricerca di testi, disegni e repertori a stampa che copiera in una quantita incredibile di fogli, tutt’ora conservati presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Emblematica di questa sua produzione – che travalica la pur abbondante serie di vedute dipinte e incise della sua amata Bologna – e l’elenco delle opere esposte nel 1842 in Accademia. Sono questi “sedici quadri d’invenzione disegnati ed abbozzati ad olio rappresentanti: quattro Colossi di Memnone in Egitto, di Rodi i sul porto, di Nabucodonosor in Babilonia, di Domiziano equestre in Roma. Le quattro parti del Globo: Europa, Asia, Affrica e America. Cinque famosi templii dell’antico mondo: quello di Osiride e d’Iside in Egitto, quello di Foo nella China, quello di Giove in Olimpia, quello di Diana in Efeso. Una citta del Pegu, un recinto di tombe arabe, la grande sala di Carlomagno, la reggia della Maga Alcina. Ventisei vignette inoltre di composizione, rappresentanti un alfabeto archeologico pittorico a forma di schizzo all’acquerello”. E quest’ultima la celebre serie dell’Alfabeto pittorico. L’insieme eterogeneo e bizzarro e indicativo della singolarita intellettuale di Basoli nel panorama artistico bolognese e, vien naturalmente da scrivere, europeo.

Antonio Basoli (1774 - 1848), Alfabeto pittorico, lettera “O”, 1839

Antonio Basoli (1774 – 1848), Alfabeto pittorico, lettera “O”, 1839

Basoli e Venturoli, ambedue protagonisti assoluti per i loro ambiti di attivita artistica, inevitabilmente lavorarono insieme, si incontrarono in Accademia, chiacchierarono e si confrontarono nei salotti e nei cenacoli della citta. Se ancora e da sondare l’archivio dell’architetto per trovare tracce scritte tra i due, diversamente ne abbiamo sicure indicazioni in senso inverso, grazie al manoscritto Vita artistica di Basoli Antonio / Cattalogo delle opere eseguite e suoi prezzi, conservato presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Sappiamo cosi, per esempio, che il pittore nel 1801 chiese in prestito diversi campioni di marmi dalla collezione di Venturoli, per riprodurli in un libro tutt’ora custodito in Accademia. Si tratta di alcune tra le centinaia di lastrine appartenute all’architetto, ancora conservate presso il Collegio Venturoli di Bologna.

 

Bibliografia di riferimento: F. Farneti, V. Riccardi Scaccellati Sforzolini (a cura di), La vita artistica di Antonio Basoli, Bologna, Minerva, 2006; F. Farneti, E. Frattarolo (a cura di), Antonio Basoli (1774 – 1848). Ornatista, scenografo, pittore di paesaggio. Il viaggiatore che resta a casa, Bologna, Minerva, 2008.

Il testo è nel catalogo della mostra Angelo Venturoli. Una eredità lunga 190 anni


 

I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI Antonio Basoli CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=Antonio+Basoli
www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=%22Antonio%20Basoli%22

x

Ti potrebbe interessare

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico

a manzoni copertina

Marco Manzoni primo premio assoluto al Nocivelli 2016. L’intervista