Home / News / Antonio Basoli – Le vedute del viaggiatore che non si mosse dalla propria stanza
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Antonio Basoli – Le vedute del viaggiatore che non si mosse dalla propria stanza


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Antonio Basoli (1774 - 1848), Pantheon, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Pantheon, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Raccolta di prospettive serie, rustiche, e di paesaggio, 1810. Album di incisioni

di Roberto Martorelli

La raccolta di incisioni “Raccolta di prospettive serie, rustiche, e di paesaggio” realizzate dal bolognese Antonio Basoli (1174-1848), appartenne alla biblioteca privata dell’architetto Angelo Venturoli e dopo la sua morte entrò a far parte del materiale del Collegio da lui fondato. Divenuto utile strumento di consultazione reca diverse tracce di segni a matita nelle tavole. Il volume comprende 102 grandi tavole, numerate in caratteri romani, piu una piu piccola nell’antiporta. Come riportato nella prima pagina, ci troviamo di fronte a una Raccolta di prospettive serie, rustiche e di paesaggio, inventate da Antonio Basoli guelfese, disegnate da Francesco Cocchi budriese, incise da diversi scolari del Professore Francesco Rosaspina, dall’autore e dal disegnatore.

Ritratto del pittore Antonio Basoli (1774-1848) nel suo studio. Incisione di Antonio Marchi del 1827 tratta dal dipinto di Ludovico Lipparini

Ritratto del pittore Antonio Basoli (1774-1848) nel suo studio. Incisione di Antonio Marchi del 1827 tratta dal dipinto di Ludovico Lipparini

Ecco quindi che sfogliando il volume troviamo interni neogotici, sale egizie, tuguri americani, il Tempio di Salomone, una Moschea, l’interno di una nave, una Piazza Cinese, le catacombe indiane. Ovviamente non mancano i piu consueti paesaggi agresti e montani, vedute di templi romani e greci, ma anche decorazioni realmente dipinte, come diversi scenari per teatri bolognesi e non. Al Sig. Angelo Venturoli viene dedicata la veduta n. XIII, rappresentante un classico Panteon disegno al’acquerello presso l’Autore.

Dall’indicazione che compare nel bordo inferiore di tutte le vedute si viene informati che sono realizzate su invenzione di Basoli, ma riportate sulla lastra da altri artisti quali Francesco Cocchi o dal fratello Luigi, anche se alcune sono state comunque incise da Antonio stesso. Come avveniva di consueto per queste grandi raccolte, in basso appare una dedica a personalita celebri o intellettuali, ma anche ad amici e colleghi quali Luigi Basiletti, Giuseppe Borsato, Rodolfo Fantuzzi, Giuseppe Guizzardi. Tra i nobiluomini se ne riconoscono diversi, appartenenti a famiglie molto in vista quali gli Hercolani, i Pallavicini e gli Zambeccari.

Antonio Basoli (1774 - 1848), Piazza Cinese, 1810

Antonio Basoli (1774 – 1848), Piazza Cinese, 1810

E presente anche un foglio sciolto di piccole dimensioni, stampato l’anno precedente all’uscita, il quale informa i signori amatori di belle arti che chiunque ne volesse far acquisto potrà rivolgersi all’Autore, o al Disegnatore, obbligandosi però di prender tutta l’Opera intera, che si venderà al prezzo di mezza lira d’Italia per Tavola. Ogni due mesi ne usciranno sei. A quelli, che abitano in Bologna verranno portate fino alle rispettive Case, previa però la corrisposta del denaro. (…) Chiunque, si compiacerà trovare dodici Associati, avrà tutta l’Opera intera gratis. Ecco che cosi si spiega la dedica di ogni tavola ad una persona diversa: sia per amicizia sia per interesse commerciale. La scarsa propensione di Basoli ad allontanarsi dalla madrepatria venne abilmente superata con una intelligente diffusione delle sue opere attraverso le incisioni, la cui esecuzione fu spesso affidata agli allievi o ai fratelli Luigi e Francesco. Le sue stampe ebbero fortuna internazionale ed a tutt’oggi sono tra le opere grafiche piu ricercate dell’800 italiano.


Antonio Basoli (1774 - 1848), Alfabeto pittorico, lettera “L”, 1839

Antonio Basoli (1774 – 1848), Alfabeto pittorico, lettera “L”, 1839

Antonio Basoli e stato correttamente definito “il viaggiatore che resta a casa”, individuandone cosi la disposizione a non spostarsi dalla propria terra, ma viceversa ossessionato dalla curiosita verso le culture di tutto il mondo, scoperte attraverso una maniacale ricerca di testi, disegni e repertori a stampa che copiera in una quantita incredibile di fogli, tutt’ora conservati presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Emblematica di questa sua produzione – che travalica la pur abbondante serie di vedute dipinte e incise della sua amata Bologna – e l’elenco delle opere esposte nel 1842 in Accademia. Sono questi “sedici quadri d’invenzione disegnati ed abbozzati ad olio rappresentanti: quattro Colossi di Memnone in Egitto, di Rodi i sul porto, di Nabucodonosor in Babilonia, di Domiziano equestre in Roma. Le quattro parti del Globo: Europa, Asia, Affrica e America. Cinque famosi templii dell’antico mondo: quello di Osiride e d’Iside in Egitto, quello di Foo nella China, quello di Giove in Olimpia, quello di Diana in Efeso. Una citta del Pegu, un recinto di tombe arabe, la grande sala di Carlomagno, la reggia della Maga Alcina. Ventisei vignette inoltre di composizione, rappresentanti un alfabeto archeologico pittorico a forma di schizzo all’acquerello”. E quest’ultima la celebre serie dell’Alfabeto pittorico. L’insieme eterogeneo e bizzarro e indicativo della singolarita intellettuale di Basoli nel panorama artistico bolognese e, vien naturalmente da scrivere, europeo.

Antonio Basoli (1774 - 1848), Alfabeto pittorico, lettera “O”, 1839

Antonio Basoli (1774 – 1848), Alfabeto pittorico, lettera “O”, 1839

Basoli e Venturoli, ambedue protagonisti assoluti per i loro ambiti di attivita artistica, inevitabilmente lavorarono insieme, si incontrarono in Accademia, chiacchierarono e si confrontarono nei salotti e nei cenacoli della citta. Se ancora e da sondare l’archivio dell’architetto per trovare tracce scritte tra i due, diversamente ne abbiamo sicure indicazioni in senso inverso, grazie al manoscritto Vita artistica di Basoli Antonio / Cattalogo delle opere eseguite e suoi prezzi, conservato presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Sappiamo cosi, per esempio, che il pittore nel 1801 chiese in prestito diversi campioni di marmi dalla collezione di Venturoli, per riprodurli in un libro tutt’ora custodito in Accademia. Si tratta di alcune tra le centinaia di lastrine appartenute all’architetto, ancora conservate presso il Collegio Venturoli di Bologna.

 

Bibliografia di riferimento: F. Farneti, V. Riccardi Scaccellati Sforzolini (a cura di), La vita artistica di Antonio Basoli, Bologna, Minerva, 2006; F. Farneti, E. Frattarolo (a cura di), Antonio Basoli (1774 – 1848). Ornatista, scenografo, pittore di paesaggio. Il viaggiatore che resta a casa, Bologna, Minerva, 2008.

Il testo è nel catalogo della mostra Angelo Venturoli. Una eredità lunga 190 anni


 

I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI Antonio Basoli CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.

www.sothebys.com/it/search-results.html?keyword=Antonio+Basoli
www.christies.com/LotFinder/SearchResults.aspx?action=search&searchFrom=header&lid=1&entry=%22Antonio%20Basoli%22

Valutazione gratuita quadri e oggetti / Come vendere  e guadagnare da casa / Fare gli artisti e guadagnare si può

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Gentile da Fabriano, quando dipingi la vita come una cosa meravigliosa

Lavoro | Programma di Sviluppo Rurale, la Lombardia a sostegno degli imprenditori agricoli