Home / Aneddoti sull'arte / Arsenico e polvere di meteorite sulla tavolozza di Sigmar Polke
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Arsenico e polvere di meteorite sulla tavolozza di Sigmar Polke


Autore notissimo a livello internazionale, Sigmar Polke – scomparso l’11 giugno 2010 – amava utilizzare nelle proprie creazioni materiali atipici, sostanze quali l’olio di lavanda, la polvere di meteorite, scaglie d’oro e vermiglione e, soprattutto, l’arsenico, a lui particolarmente caro.

E’ considerato un “maestro dell’imprevisto”, in quanto i suoi lavori nascono dalla furia creativa del momento, un’ispirazione che non segue regole e schemi operativi; nelle sue tele si possono percepire le intuizioni originarie, poi evolutesi per una via o per l’altra nella fase della realizzazione, che egli definì “il punto d’incontro di idee e materiali”, in cui “si vede quello che si vuole, ma bisogna lavorare con il dipinto, e il risultato è sempre differente”.
In occasione della Biennale del 2007, Polke ha portato a Venezia The Axis of Time, ovvero “l’asse del tempo”, sette quadri astratti di grandi dimensioni. Una lacca, con la quale ha imbevuto, attraverso una colorazione su sette strati, i supporti di tre metri per cinque utilizzati per le opere, è stata la “protagonista” del ciclo, una sostanza in grado di emanare una luminescenza eterea che produce un effetto particolare a cui l’autore è molto attento, poiché è in grado di “modificare” la tela. “C’è la luce verde e c’è quella rossa – affermava Sigmar Polke -. Poi c’è quella nera, che è la più pericolosa. Io sto cercando di creare un’altra luce, una luce che viene dalla meditazione”.

Un’opera di Sigmar Polke

Un’opera di Sigmar Polke


PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Unico concerto in Italia per Rod Stewart e appuntamento unico per gli appassionati e per i fan del l’ex frontman dei Faces: il 31 gennaio al Forum di Assago (Mi) si scrive la storia del rock! L'ultima volta che abbiamo visto Rod Stewart in Italia è stato il 21 giugno 2010,  nel concerto pirotecnico  che ha incendiato il palco dell'Arena di Verona Per l'occasione Stile arte, in collaborazione con Stubhub Ebay, ti propone gli ultimi biglietti rimasti per poter partecipare all'incredibile evento. Acquista in totale sicurezza. Stubhub è la piattaforma per la compravendita di biglietti più grande al Mondo. Tramite StubHub  si ha la possibilità di accedere ad una grande varietà di biglietti per eventi sold out nei canali tradizionali. I BIGLIETTI PER IL CONCERTO DI ROD STEWART IN VENDITA SU STUBHUB         Acquista qui i ticket per il concerto di Rod Stewart in tutta sicurezza! Qui di seguito riportiamo le date, cliccando sul link avrai accesso alle info specifiche e avrai la possibilità di acquistare i biglietti in completa sicurezza I biglietti per il concerto di Rod Stewart del 31 gennaio, settore per settore. Controlla qui la disponibilità e acquista il tuo ticket

Forum Assago, clicca sull'immagine per verificare la disponibilità dei posti

  StubHub è la società di eBay, ha reinventato il mercato mondiale dei biglietti nel 2000 e mantiene la sua leadership grazie a una continua innovazione. Nel maggio 2016, Ticketbis è diventata parte di StubHub, creando una rete di oltre 40 paesi di acquirenti e venditori. Acquista biglietti con fiducia Compra biglietti per qualsiasi evento. Se dovessero esserci problemi con il tuo acquisto, StubHub farà tutto il possibile per trovare un biglietto sostitutivo. Se l’evento dovesse essere cancellato o riprogrammato, riceverai un rimborso completo   Rod Stewart in concerto. Qui i biglietti in vendita da Stubhub Ebay
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sai cos’è esattamente l’alchimia? In poche righe la spiegazione. Il rapporto con la pittura

Yves Klein. Anthropométrie de l’époque bleue (1960). Ecco il video cult