Home / News / Assassinio al pascolo
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

duomoape

Assassinio al pascolo

 ICONOGRAFIA – La vicenda di Panacea, fanciulla massacrata a colpi di fuso dall’orribile matrigna. Una sorta di anticipazione in chiave religiosa delle fiabe di Biancaneve e della Bella dormiente

di Claudia Ghiraldello



Panacea. Il nome – che significa, come si sa, “rimedio per tutti i mali” – va riferito qui ad una beata piemontese, nata a Quarona, in Valsesia, nel 1368. All’età di tre anni, Panacea rimase orfana della madre, e il padre Lorenzo si risposò. La matrigna, Margherita, era una donna cattiva, che non perdeva occasione per tormentare la fanciulla. Una volta, con la complicità della figlia Caterina, infierì sulla poveretta, lasciandola ferita sulla paglia della stalla.
Una sera Panacea, ormai quindicenne, tardava a riportare all’ovile il gregge che accudiva, essendosi fermata a pregare e a raccogliere legna sul monte dei Tucri.

La matrigna andò su tutte le furie e, raggiuntala, la colpì con spietatezza con una rocca, un bastone e dei sassi, dopodiché le conficcò il fuso nel collo e nel petto, ripetutamente, fino ad ucciderla.
Alla sua morte, dice la leggenda, si verificarono numerosi prodigi. Il cadavere si fece più pesante del piombo, le pecore vi si disposero attorno a cerchio ed un fascio di rami arse, ma senza consumarsi. Solo all’arrivo del vescovo di Novara, Oldrado, si riuscì a sollevare la salma e a distenderla su di un carro che, tirato da due giovenche, fu condotto al monte di Quarona.

Martirio della beata Panacea, affresco nel duomo di Biella

Martirio della beata Panacea, affresco nel duomo di Biella

Lorenzo non acconsentì a che la figlia venisse sepolta in un terreno di sua proprietà, pertanto il veicolo proseguì fino a Ghemme. Qui giunto, le campane si misero improvvisamente a suonare da sole. Proprio a Ghemme c’era la tomba della madre della fanciulla, e così le due creature poterono riunirsi in pace. In preda al rimorso, Margherita si gettò invece da una rupe.

Panacea, patrona delle filatrici, era invocata anche contro l’epilessia, le malattie degli animali domestici e gli incendi. Dalla Valsesia la sua fama si diffuse a largo raggio, nel resto del Piemonte e quindi a Milano, Roma e financo Vienna. Un’immagine di lei – un affresco staccato e collocato su pannello – si trova nel duomo di Biella, e per la precisione nella cappella di Santo Stefano. La beata è in ginocchio, in attesa rassegnata del colpo letale della matrigna, a lei sovrastante ed impugnante con la destra una conocchia. Un’altra conocchia è posta accanto alla giovinetta, mentre alcuni fusi, icasticamente raffigurati sospesi in aria a ricordare il martirio subito, arricchiscono la scena.

L’opera in questione, tardo-quattrocentesca, rivela una mano semplice, eppure accattivante. Non conta l’abilità tecnica, conta piuttosto l’entusiasmo comunicativo; il pittore è tramite del messaggio di fede al popolo, a cui deve trasmettere il disgusto per l’azione malvagia della perfida Margherita e la venerazione per il sacrificio di un’innocente quale fu quello della dolce Panacea.

x

Ti potrebbe interessare

a merda

Perchè non ci facciamo un regalo dadaista? A 6 euro la Merda di Natale (che non offende nessuno)

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più