Home / Arte erotica (pagina 2)

Arte erotica

Ruvido e morbida. Il fotografo e la modella. Il video di Lagrange

Marc Lagrange ha esercitato la fotografia ai massimi livelli, per grandi marchi del mondo della moda, portando anche sui propri set di ricerca un mondo sontuoso, in cui appariva lo stretto rapporto tra donne statuarie ed oro. Questo video venne realizzato ai margini della campagna fotografica per il marchio di gioielli Hoorsenbuh, a Los Angeles. Il video mostra elementi fortemente tattili, soprattutto legati alle sensazioni di ruvido e liscio, ma anche al chiaro - la pelle della modella - e al grigio - la barba del fotografo -.

Leggi Articolo »

Il preservativo nell’arte antica e nella storia

Al di là dell'arte a noi contemporanea, che ha spesso utilizzato il preservativo come ready-made, nell'ambito di composizioni, spesso ironiche, spesso grottesche e aggressive - come nel ritratto figurativo di Benedetto XVI, composto da 17mila profilattici colorati, accostati come tessere di un mosaico dall'artista Niki Johnson- esistono testimonianze artistiche e didascaliche ben più antiche che,accanto alle fonti scritte, fanno risalire l'uso di questi anticoncezionali e presidi protettivi a un periodo proto-storico, almeno dagli egizi in poi.

Leggi Articolo »

Gauguin, le donne, le ragazzine polinesiane. Eros in pittura e prima biografia sentimentale del pittore

Gauguin fu un pittore di una grandezza incommensurabile. Pari a quella del suo amico Van Gogh. Ma la sua pessima reputazione in campo sessuale limitarono- e limitano, ancora oggi, un simpatia diffusa, che attornia, normalmente il mito. Anche New York, nel 2017, ha meditato con una mostra, a Chicago, attorno al genio francese, sul quale pesa il peccato di accanimento sessuale, di infedeltà e di pedofilia, per le unioni con le ragazzine della Polinesia. Fatti gravi, questi ultimi, che richiedono non attenuanti, ma storicizzazioni. Comunque sia la vita erotica del pittore ha inciso pesantemente sul gradimento da parte del grande pubblico

Leggi Articolo »

Robert Auer, il brivido dei baci più profondi e peccaminosi nel cuore dell’Art Nouveau

Buon ritrattista e ottimo autore di nudo, Robert Auer (Zagabria, 27 novembre 1873- 8 marzo 1952) fu pittore croato di formazione austro-tedesca, molto sensuale, che passò dall'Art Nouveau e al Déco, giungendo successivamente a uno stile di impressionismo rinnovato, verso gli anni Quaranta. La gioia del suo eros, i colori azzurri e rosa e quelli delle carni, le pose ardite delle sue modelle si inseriscono sul recupero di un filone legato all'arte libertina rocaille di Fragonard e Boucher, ma con una tavolozza tonalmente potenziata

Leggi Articolo »

Disegni Primo Novecento, i piaceri dell’inverno per contesse e gentiluomini

Ben disegnata e gioiosa, questa raccolta di cartoline licenziose in stile Primo novecento. L'anonimo abile illustratore immagina, con grande efficacia, gli effetti del grande freddo che attanaglia la terra e il tepore degli angoli di un palazzo in cui vivono una gentildonna e un gentiluomo. L'inverno è rigido e la dimora accogliente. E' bello, allora, evitare la noia dei ricevimenti, la vita mondana più intensa per esplorare esclusivamente se stessi. Con qualche malandrina incursione del signore tra il personale femminile di servizio. "Ma si sa - si diceva a quei tempi - l'uomo è cacciatore..."

Leggi Articolo »

Watteau, toccarsi il seno. Farsi impugnare il seno sinistro dal maschio. Che significa?

Molti non sanno che passeggiare con il braccio di lui sulla spalla, che scende fino al seno, è un postura di legame antichissima. Un legame profondo, segno di possesso matrimoniale. Persino statuette egizie mostrano la coppia in questo modo. Ne' sfugge a questa raffigurazione tutta l'iconografia medievale, con particolare riferimento alle storie bibliche. E' per questo che esibire il seno sinistro significava offrirsi forse per qualcosa di più duraturo di una più o meno rapida consumazione dell'atto sessuale. E' un segno di unione

Leggi Articolo »

Cosa significa questo scandaloso dipinto dell’Ottocento?

Napoleone sorprende un proprio soldato che sta consumando, impudicamente, un rapporto sessuale in un bosco. L'opera non allude soltanto all'esuberanza erotica dei soldati napoleonici - che restano, in ogni istante della propria vita, devoti all'imperatore, anche durante l'atto sessuale, sempre pronti a obbedire e a tornare sul campo di battaglia - ma, all'epoca, era colta anche come...

Leggi Articolo »

Come e perché nacquero i nudi di gruppo di Vanessa Beecroft

L’inizio della performance è caratterizzato da un progetto di ordine - alle ragazze viene assegnato un numero scritto sul pavimento, quindi una posizione precisa nell’ambito della corale disposizione - secondo una collocazione del gruppo su una linea quadrata, circolare o comunque simmetrica. Alle modelle spetta poi di creare, nel “rompete le file”, un disordine naturale, privo appunto di teatralità, fino ad importare negli ambienti un’idea di nudità metafisica, fortemente suggerita anche dalla scelta dei corpi e dalla “tessitura” dell’epidermide.

Leggi Articolo »

Fabien Queloz, la donna soggetto veste anche così. Il video

Ciò che caratterizza le foto di nudo, realizzate da Fabien Queloz, soprattutto quelle degli ultimi anni, è il superamento delle consuete immagini di nudo artistico a favore di un lavori su volumi non reticenti. Ossia. La nudità delle sue modelle è spesso estrema; eppure il fotografo riesce sempre a mantenere le immagini al punto meraviglioso in cui la veduta si affaccia sul precipizio dell'hard, senza mai caderci

Leggi Articolo »