Home / Arte erotica (pagina 3)

Arte erotica

Il fico nell’arte – Allegorie sessuali dell’organo femminile. A partire da Eva

Il fico, per forma e per precedenti visivi risulta pertanto collegato - e ciò avviene piuttosto spesso nell'iconografia occidentale - alla sfera sessuale femminile, alla nascita e alla vita, come elemento vegetale primario seguito dalla zucca, dal melone e dalle more, intese come frutti di bosco

Leggi Articolo »

George Grosz (1893), il sesso maschile e i deliri onirici delle signore

George Grosz (1893-1959) è un pittore tedesco molto noto per l'impegno politico e per il senso acutissimo del grottesco, suscitato da una Germania in terribile disfacimento morale e preda delle allucinazioni di massa che porteranno al nazismo. Grosz ha lavorato molto anche ai disegni e ai dipinti erotici, presentando sempre il pene, con carica espressionista, come fosse un'arma, un cannone, una pistola o un fucile. Molto spesso è inteso pertanto come uno strumento di "dolce offensiva" destinato alla sottomissione della donna, specie quando organi sessuali maschili, simili a tacchini si apprestano a congiungersi con donne borghesi discinte,desiderose d'essere sopraffatte.

Leggi Articolo »

Yolanda Dorda, quando la pittura arde pensieri di dolce fuoco. Le opere

Yolanda Dorda è un'ottima artista spagnola, che lavora con pennellate larghe e rapide, ottenendo notevoli effetti di composizione dell'immagine, sulla retina dello spettatore, a distanza. L'ampliamento del segno impressionista crea un notevole movimento di corpi e di luce nelle sue opere, anche grazie al coinvolgimento percettivo del fruitore che completa gli spazi mancanti, attraverso l'azione attiva della propria mente. Ciò produce un senso di pienezza e di piacere. Dorda non lavora soltanto alla pittura sensuale, anche se mostra una notevole specializzazione nella figura e nel nudo.

Leggi Articolo »

Marion Soyer, i meccanismi della nuda passione vibrano nel filo. Video

Passion simple (2013) esplora i meccanismi della passione, il punto più intenso di attrito del rapporto con l'altro e con se stessi. Attraverso la messa in scena del testo di Annie Ernaux gli acrobati attraversano tormenti e estasi in un dialogo tra parole e gesti, tra intimo e universale. I corpi sono alternativamente sublimati e strappati da un'assenza invasiva. L'interpretazione è di Marion Soyer, coreografa, danzatrice d'arte classica e acrobata francese

Leggi Articolo »

Ma che gelida manina, inferno e delizie erotiche nelle soffitte della bohème

Ma l'artista Octave Tassaert- che era anche poeta - era travagliato da una profonda malinconia, da un grande dolore di vivere che lo portò, come rifiuto del mondo dell'arte, pieno di intrighi ed incapace, a suo giudizio, di riconoscere i veri talenti, a vendere in blocco tutte le sue opere e a smettere di dipingere. Questo significò un progressivo sprofondamento nei gironi della miseria e della dimenticanza. Tassaert iniziò a bere. E' morì, probabilmente suicida, nel 1874, ucciso dall'ossido di carbonio di una stufa.

Leggi Articolo »

I disegni d’André Collot, ma che pensieri torbidi quelle ragazzine degli anni Quaranta

Egli lavora molto su figure adolescenziali o post-adolescenziali candidamente pure, che parrebbero prive di un piano pulsionale, per creare contrasto e opposizione. Gli stessi colori attenuati, mai aggressivi, sono funzionalmente utilizzati per creare le atmosfere delle stanzette delle ragazze o di lindi uffici con giovani segretarie che accettano di essere esplorate da eccitatissimi fattorini da Grand Hotel

Leggi Articolo »

Pietro Annigoni, i nudi sensuali del “pittore delle regine”

Fu un artista amatissimo e, al tempo stesso, per il suo classicismo e realismo - nonché per la sua attività di ritrattista dei potenti del mondo - uno dei pittori fortemente osteggiati dalle neo-avanguardie. Accanto ai modelli dei volti e dei corpi, resi sempre con un linguaggio alto e un'analisi acuta, i suoi dipinti si rivelano immediatamente, sotto il profilo cromatico per il recupero del blu e del rosso antico - o pompeiano -. Pietro Annigoni (nato il 7 giugno 1910 a Milano e morto il 28 ottobre 1988 a Firenze ) si richiamò, alle tecniche rinascimentali. La sua fama mondiale è particolarmente legata ai ritratti della regina Elisabetta II (1955) (National Portrait Gallery, Londra ), di Papa Giovanni XXIII e dello Scià di Persia. In questa galleria di nudi vedremo citazioni a Giorgione-Tiziano a Rembrandt-Boldini e a Novecento. a annigoni la-bella-italiana

Leggi Articolo »

Anni Venti, per sedurre una signora falla sentire una Dama del Settecento. I disegni erotici déco di Barbier

George Barbier (Nantes, 1889 – Parigi, 1932) fu un grande interprete della moda francese, soprattutto negli anni del primo dopoguerra, in cui si affermava l'arte déco. Oltre a disegnare abiti fu un un valente pittore, illustratore, designer di gioielli, umorista e scrittore di testi. Fece anche l'attore del cinema muto, in ruoli secondari, e disegnò gli abiti di Rodolfo Valentino nel film Monsieur Beaucaire del 1924. Tra le illustrazioni librarie si segnalano, in campo erotico quelle de Le relazioni pericolose (Les liaisons dangereuses), notissimo epistolare di Pierre-Ambroise-François Choderlos de Laclos del 1782. Ad esso appartengono buona parte delle tavole molto decorative contenute in questa pagina. Da notare il fatto che, negli anni Venti, si assistette a una grande ripresa di moduli settecenteschi, assunti per il valore altamente decorativo. Sotto il profilo tecnico, per ottenere colorazioni piatte, utilizzò soprattutto il pouchoir o stencil, cartoncini ritagliati che gli servivano come silhouettes a barbier 8

Leggi Articolo »

Che ne pensate del ruolo delle donne nelle opere di Allen Jones? Il video

Se tutti, eroticamente, possiamo avere immaginazione più accesa, rispetto a particolari del corpo o all'abbigliamento dell'altra/o, il feticista focalizza esclusivamente l'erotismo su un particolare ossessivo. Pertanto l'arte di Allen Jones (Southampton, 1º settembre 1937), noto scultore e artista pop britannico, che vive e lavora a Londra, non può essere definita feticista, in senso stretto. Le sue sculture evocano donne molto provocanti, in abiti succinti, con intensi richiami sessuali uniti a una grande compostezza. Ma sono prive di sottolineature ossessive. Lo furono, invece, le opere che Jones presentò alla mostra di sculture erotiche, come Sedia, Tavolo e Appendiabiti (1969), incentrata sulla furniphilia: i suoi soggetti femminili si trasformano in elementi di arredo umani

Leggi Articolo »

Le sposine spudorate, con abiti da nozze, nel disegno d’autore e nelle incisioni antiche

Dagli antichi canti epitalamici, che celebravano, nel giorno delle nozze, le virtù erotiche o le furibonde sorprese per i neo-sposini a un'ampia letteratura popolare che si diverte a raccontare gesta boccaccesche, in parte vere, in parte molto romanzate, che nascono dalla contraddizione tra gli istinti e il giuramento di eterna fedeltà, davanti a un altare. Ma ciò che sta di sacrale e di puro negli abiti candidi o comunque ipertrofici e principeschi del giorno delle nozze - quanto la trasparenza dei veli, ispira a molti ipensieri spudorati. Così è accaduto, a partire dall'Ottocento e per tutto il Novecento che gli istanti proibiti dei giorni delle nozze siano stati disegnati o dipinti da ottimi artisti. Nella pagina vediamo tavole di Deveria, di Poulton di Suzanne Ballivet, che, in un'immagine hard, ma molto femminile,evoca a colori, il momento in cui finalmente, anche su una poltrona, il primo rapporto ufficialmente coniugale viene consumato con il massimo desiderio

Leggi Articolo »