Home / News / Charles Baudelaire, disegni e poesie dominati dalla figura selvaggia di Jeanne Duval
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Charles Baudelaire, disegni e poesie dominati dalla figura selvaggia di Jeanne Duval

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995>

baudelaire copertina

La moda dell’epoca e il dipinto di Manet, intitolato “L’amante di Baudelaire”, dipinto nel 1862

 

Una grande gonna bianca e morbida come una nuvola, un busto imponente e scuri boccoli mori. Così Manet dipinge Jeanne Duval, ballerina e attrice francese di origine haitiana, amante del suo grande amico Charles Baudelaire. Il poeta la incontra nel 1842. Una storia d’amore tempestosa che, tra alti e bassi, segna i successivi vent’anni della vita e le poesie del poema maledetto. Lei c’è in ogni luogo, in ogni pensiero, in ogni figura femminile. Lei  appare anche in alcuni ritratti, disegnati a penna, come quello che appare qui sotto.

Baudelaire Jeanne Duval

Charles Baudelaire, Jeanne Duval , 1865, disegno a penna in inchiostro di china Louvre

Le scrive il poeta: “Lasciami respirare a lungo, a lungo, l’odore dei tuoi capelli. Affondarvi tutta la faccia, come un assetato nell’acqua di una sorgente, e agitarli con la mano come un fazzoletto odoroso, per scuotere dei ricordi nell’aria. Se tu sapessi tutto quello che vedo! tutto quello che sento! tutto quello che intendo nei tuoi capelli!
La mia anima viaggia sul profumo come l’anima degli altri viaggia sulla musica. I tuoi capelli contengono tutto un sogno, pieno di vele e di alberature: contengono grandi mari, i cui monsoni mi portano verso climi incantevoli, dove lo spazio è più bello e più profondo, dove l’atmosfera è profumata dai frutti. dalle foglie e dalla pelle umana.
Nell’oceano della tua capigliatura, intravedo un porto brulicante di canti malinconici, di uomini vigorosi di ogni nazione e di navi di ogni forma, che intagliano le loro architetture fini e complicate su un cielo immenso dove si abbandona il calore eterno. Nelle carezze della tua capigliatura, io ritrovo i languori delle lunghe ore passate su un divano, nella camera di una bella nave, cullate dal rollio impercettibile del porto, tra i vasi da fiori e gli orcioli che rinfrescano.
Nell’ardente focolare della tua capigliatura, respiro l’odore del tabacco, confuso a quello dell’oppio e dello zucchero: nella notte della tua capigliatura, vedo risplendere l’infinito dell’azzurro tropicale; sulle rive lanuginose della tua capigliatura, mi inebrio degli odori combinati del catrame, del muschio e dell’olio di cocco. Lasciami mordere a lungo le tue trecce pesanti e nere.
Quando mordicchio i tuoi capelli elastici e ribelli, mi sembra di mangiare dei ricordi”.

baudelaire nadar

Un presunto ritratto fotografico di Jeanne, scattato da Nadar, che fu l’amante della giovane donna, prtima di Baudelaire. Ma la donna dell’immagine presenta caratteri caucasici che non lasciano intravedere un’ascendenza nera

 

baudelaire Courbet_LAtelier_du_peintre

Jeanne Duval appare in quest’opera, L’atelier dell’artista, dipinto olio su tela, 359×598 cm, realizzato da Gustave Courbet nel 1854 – 1855 e conservato oggi a Parigi, al Musée d’Orsay. Alla nostra destra, con un libro in mano, il poeta Charles Baudelaire. Accanto alla porta, con abito azzurro, è dipinta la sua amante. Baudelaire, duante una delle numerose separazioni dalla donna, chiese a Courbet di cancellarne il ritratto dal dipinto. Il pittore accontentò l’amico, ma cinquanta anni dopo il colore iniziò a distaccarsi, portando alla luce la figura che era stata nascosta

Non si sa la data del suo arrivo a Parigi, nè, esattamente il luogo da cui proveniva. Si dice che fosse di Haiti. Aveva un volto occidentale, ma molto olivastro. Era particolsarmente alta. Non si conosceva nemmeno il suo cognome, che mutava di volta in volta. Durante un ricovero ospedaliero, disse di essere nata a Santo Domingo, ma non si sa sequesta testimonianza sia attendibile perchè certamente imbrogliò dichiarando, ad esempio, nella stessa circostnza, un’età inferiore a quella che aveva realmente. Baudelaire era attratto dalla fusione genetica tra l’occidente francese, che sembrava riemergere da Jeanne, e i geni lontani di un antenato di colore. Era attratto dal mistero. Dall’unione tra caratteri primordiali, misteriosi e selvatici, e qualcosa di familiare e di domestico.

Nel 1838-1839, ricoprì ruoli minori nel teatro della Porte Saint-Antoine, sotto il nome d’arte di Berthe. Incontrò il fotografo Nadar,  ne diventò l’amante.  Il suo incontro con Baudelaire avvenne tra aprile e maggio 1842,  nel Faubourg Montmartre, durante una festa. Baudelaire vide che alcuni  ubriachi importunavano pesantemente la giovane donna. Così intervenne, offrendo il braccio alla ragazza, che poi accompagnò a casa.

Fu l’inizio di un lungo rapporto, contrassegnato da molti anni di convivenza, da separazioni, da rotture – che parevano irreversibili – e da riconciliazioni.
Nel 1845, Baudelaire scrisse al suo notaio una lettera: “Quando Jeanne vi darà questa missiva, io sarò morto. Lei, nel momento in cui scrivo, non conosce i miei propositi. Tranne la parte riservata a mia madre, la signorina dovrebbe ereditare tutto ciò che ho lasciato . ” . Questo tentativo di suicidio si tradusse in un graffio. Ma più tardi, nel 1852: “Jeanne è diventata un ostacolo non solo per la mia felicità (…)  ma per il miglioramento della mia mente . […] Ho lacrime di vergogna e di rabbia negli occhi mentre scrivo questo; ed in verità sono lieto che non ci siano armi in casa mia”.
Si lasciano, ma la separazione è lungi dall’essere definitiva. Nel mese di dicembre del 1855, Baudelaire vive con lei nel quartiere del Boulevard du Temple, 18 rue d’Angouleme 23 .
Nuova pausa nel settembre 1856: “Il mio legame con Jeanne è rotto. Questo distacco, questa lotta è durata una quindicina di giorni. […] So che sempre rimpiangerò quella donna”. Eppure il legame tormentato e irrinunciabile proseguirà almeno fino al 1861. Poi silenzio. Si dice che lei sia morta di sifilide nel 1842, poco più che quarantenne. Ma la notizia sarà smentita dal suo vecchio amante, Nadar, che dirà di averla vista claudicante, sulle stampelle, nel 1870.

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico