Home / News / Come nasce una scultura di Aron Demetz, tra legno e resine degli abeti. Il video
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come nasce una scultura di Aron Demetz, tra legno e resine degli abeti. Il video

Aron Demetz (nato 1972,  a Vipiteno) utilizza le tradizionali tecniche di lavorazione del legno per trasmettere il proprio turbamento circa l’incomunicabilità tra esseri umani e la complessa relazione che l’uomo intrattiene con la natura. Nella sua opera evita la classica dicotomia uomo-natura, facendoli diventare un tutt’uno inseparabile, richiamandosi all’esperienza primordiale. Nato in Val Gardena, l’artista ha adottato la tradizionale tecnica locale di lavorazione del legno, secondo canoni tecnici risalenti al XVII Secolo. Le sculture rappresentano donne e uomini sia in posizioni classiche che in posture ardue, inconsuete, ed esplorano le possibilita e i limiti del legno. Le opere che ne conseguono hanno una forte presenza fisica che coinvolge l’osservatore, profondamente, a livello psicologico, restituendo, al contempo, un’indicazione alla necessità della nostra unione con la natura e la nostra alienazione. Con l’Opera «Senza titolo», ideata per il Padiglione Italia della Biennale della 53a di Venezia, Demetz ha introdotto, nel proprio percorso, l’utilizzo della resina naturale, meticolosamente raccolta dagli alberi dei boschi della Val Gardena. Con un odore, un colore e una consistenza molto aaratteristici, la resina conferisce maggiore presenza corporea alle sculture in legno di Demetz, aggiungendo una dimensione lirica alle sue potenti creazioni.

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Polena raffigurante l'imperatrice Elisabetta d'Austria, detta Sissi,  moglie di Francesco Giuseppe, assassinata a Lugano nel 1898. Essa proviene dal piroscafo a ruote austriaco Elisabeth Kaiserin, costruito a Pola nel 1889

La polena dell’imperatrice Sissi. Significato e magia delle statue di prua delle navi

Scema nilotica, Casa dell'efebo, Pompei. L'artista, duemila anni fa, realizzò questo dipinto parietale che aveva il fine di rendere allegro ed eccitante l'ambiente. Il campo largo, la visione alla distanza, gli ampi spazi aperti e le macchiette si riallacciano alla pittura nilotica. A Paesi favolosi in cui fioriscono abbondanza e varietà di ogni specie. In questo contesto anche la sessualità umana esplode. L'artista dipinge così, al lambire di un porticato, non lontano da un fiume un uomo e una donna sul triclinio, nudi, mentre consumano un rapporto sessuale. La ragazza è probabilmente una danzatrice, come fa pensare la presenza di un'altra donna, in piedi e di una giovane che suona il flauto. Poco distante, ecco un servo che trasporta un contenitore di vino, evidente rievocazione dei poteri di Bacco su Venere

Pigmei e lillipuziani eccitati nella pittura nilotica