Home / Corso di pittura on line gratis / Come lavare i colori a olio o le tempere – Pulire facilmente pennelli, mani, muri, vestiti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Come lavare i colori a olio o le tempere – Pulire facilmente pennelli, mani, muri, vestiti

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Come pulire i pennelli  dai colori a olio, dalle tempere o di colori acrilici? Come evitare di creare un terribile odore di acquaragia in casa? Come smacchiare con buoni risultati abiti e vestiti macchiati dagli stessi colori (olio, tempere e acrilici), quando il colore non è completamente asciutto. La miglior soluzione non sta nei solventi, ma nel semplice detersivo dei piatti, quel liquido vischioso utilizzato nel lavandino

Preferite sempre un detersivo al limone, poiché l’acidità maggiore ha un potere sgrassante più intenso e rapido. Non funzionano invece bene altri detersivi che si presentano in altre colorazioni (giallo, azzurro ecc.) poichè evidentemente i detersivi contrassegnati dal colore verde hanno un maggiore potere sgrassante.. Il ragionamento è semplice: poichè i colori a olio usano come legante l’olio di lino e i detersivi per piatti sono potenziati per rimuovere l’unto, il risultato è buono. I pennelli così lavati allungano la propria vita, perchè rimangono più morbidi.

Come pulire i pennelli dall'olio o dalla tempera. Pennelli, un detersivo per i piatti e una spugnetta, da una parte ruvida e, dall'altra liscia.Poi acqua calda

Come pulire i pennelli dall’olio o dalla tempera. Pennelli, un detersivo per i piatti e una spugnetta, da una parte ruvida e, dall’altra liscia.Poi acqua calda

In modo particolare il detersivo per piatti al limone è efficacissimo per pulire i pennelli o per sciogliere le macchie dagli abiti, senza ricorrere all’acquaragia, un solvente che non risolve tutti i problemi, e che, in alcuni casi, può allargare e creare macchie e aloni più ampi sui vestiti e provocare un invecchiamento più rapido delle setole dei pennelli. L’altissimo potere sgrassante del detersivo dei piatti porta all’immediata rimozione di ogni molecola dell’olio di lino – medium della pittura ad olio – e., con essa, dei pigmenti colorati. Come per i piatti, bisogna agire con acqua calda. Abbiamo sperimentato diversi detersivi dei piatti per sciogliere colori a olio e tempere E dobbiamo dire che le marche più note e migliori hanno un potere maggiore rispetto a prodotti a basso costo.

Prendete il pennello o la macchia fresca sull’abito e spruzzate su di essi il detersivo al limone. Poi, con le dita, massaggiate, affinchè il detersivo penetri. Quindi inserite più volte il pennello nell’acqua calda, che rimuoverà la sostanza unta e il colore. Quindi asciugate accuratamente, rimuovendo le ultime parti di colore con una carta da cucina, tipo scottex. Ciò eviterà l’uso di acquaragia, che emana un odore penetrante che permane a lungo nella casa.Si possono pulire benissimo in questo modo anche i pennelli da imbianchino, sempre con detersivo per i piatti,  sciogliendolo in un contenitore d’acqua calda e lavando vigorosamente le setole, che rimarranno elastiche e pulite. Così si posso lavare e pulire anche le macchie di acrilici e tempere.

Chi dovesse smacchiare un abito di colore ad olio deve intervenire prima che il colore sia asciutto, ma visto che questo medium tende ad essiccare con lentezza è possibile smacchiare anche ad ore di distanza, lasciando l’abito in una bacinella d’acqua calda – meglio -o tiepida – se il tessuto non lo consente – con una buona quantità di detersivo al limone. Lasciato a bagna il vestito per circa un’ora è possibile ripassarlo con una spazzola e poi metterlo in lavatrice per un lavaggio uniformante. Come pulire i disegni dei bambini sui muri? Preparate una spugna con detersivo al limone e acqua calda. Utilizzate una spugnetta da lavandino, che abbia una superficie ruvida e una morbida e, con l’acqua insaponata, utilizzando lievemente la parte ruvida, rimuovete il colore con movimenti circolari, ripassando poi con la parte liscia e risciacquando poi con la spugna strizzata. Il muro tornerà come prima. Questo è un ottimo rimedio anche per segni di suole di scarpe sul muro o macchie scure o tracce scure dello sfregamento di una sedia sul muro stesso.

FREE. ECCO IL NOSTRO CORSO GRATUITO DI PITTURA ON LINE. TUTTI I SEGRETI DEL MESTIERE, LE TECNICHE, LE IDEE PER IMPARARE, PERFEZIONARSI, APPRENDERE DAI GRANDI MAESTRI DELLA STORIA DELL’ARTE. UN VIAGGIO UNICO E SENZA ALCUN COSTO. CLICCA SUL LINK BLU, QUI SOTTO

www.stilearte.it/category/corso-di-pittura-on-line-gratis/

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico