Home / News / Conciliazione vita-lavoro. Milioni di euro e aiuti dalla Regione Lombardia. Come fare
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Conciliazione vita-lavoro. Milioni di euro e aiuti dalla Regione Lombardia. Come fare

a regione

Regione Lombardia mette a disposizione oltre 6 milioni di euro per finanziare progetti per favorire la conciliazione vita-lavoro e il welfare aziendale proposti da soggetti pubblici e privati del territorio che si costituiscono in partenariato.
Ai fondi è possibile accedere attraverso due canali.

Il primo fa riferimento alle Reti territoriali di Conciliazione, coordinate dalle Agenzie di Tutela della Salute (ATS, ex ASL). Per accedere ai fondi è necessario presentare un progetto candidandolo alla manifestazione di interesse della propria ATS di riferimento.

A titolo esemplificativo potranno essere finanziate azioni quali:

servizi per l’infanzia, anche nei periodi di chiusura nelle scuole e nel pre- e post scuola;
assistenza e servizi di mobilità per l’accesso a servizi rivolto a soggetti fragili e figli minori;
accompagnamento e supporto per micro, piccole e medie imprese e reti di impresa per usufruire del regime di defiscalizzazione, contrattazione di secondo livello, misure flessibili di lavoro;
sostegno alle azioni di time saving a favore di titolari o dipendenti di imprese commerciali e artigianali (max 3 occupati)
Un’altra opportunità è rappresentata dall’Avviso emanato direttamente da Regione Lombardia, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE), per il potenziamento di servizi rivolti all’infanzia e all’adolescenza nei periodi di chiusura della scuola.

Tutte le azioni progettuali dovranno concludersi entro il 15 gennaio 2019.

a regione
Di seguito, qui sotto,  sono pubblicati i link di riferimento alle manifestazioni di interesse emanate dalle ATS,:

Manifestazione di interesse – ATS Bergamo

Manifestazione di interesse – ATS Brescia

Manifestazione di interesse – ATS Brianza

Manifestazione di interesse – ATS Città Metropolitana

Manifestazione di interesse – ATS Insubria

Manifestazione di interesse – ATS Montagna

Manifestazione di interesse – ATS Pavia

Manifestazione di interesse – ATS Val Padana

 

 

Per avere informazioni sulle manifestazioni di interesse è possibile rivolgersi ai referenti ATS inseriti nell’allegato.

Per informazioni sul Bando cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo:

Cristina Carolì       tel.: 02.6765.4545
Luca Pastormerlo  tel.: 02.6765.3570

e-mail: conciliazione@regione.lombardia.it

SECONDO CANALE. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti per il potenziamento dell’offerta di servizi per l’infanzia e l’adolescenza a supporto della conciliazione vita-lavoro per le annualità 2017-2018

Info ufficiali alla pagina dedicata .

Domande dal: 13 aprile 2017, ore 12:00
Scadenza: 03 maggio 2017, ore 12:00

L’Avviso sostiene progetti di potenziamento dell’offerta di servizi per l’infanzia e l’adolescenza, con l’obiettivo di offrire soluzioni fortemente flessibili alle esigenze di conciliazione vita – lavoro della famiglia.
I progetti dovranno riguardare lo sviluppo, il consolidamento o la qualificazione di servizi socio educativi innovativi e flessibili per l’infanzia e l’adolescenza individuati tra le seguenti tipologie:

SERVIZI DI ASSISTENZA E CUSTODIA rivolti a minori a supporto del caregiver familiare;
SERVIZI PER LA GESTIONE DEL PRE – E POST SCUOLA E DEI PERIODI DI CHIUSURA SCOLASTICA (grest e oratori estivi, doposcuola, ecc..);
SERVIZI DI SUPPORTO PER LA FRUIZIONE DI ATTIVITA’ NEL TEMPO LIBERO a favore di minori (es. accompagnamento e fruizione di attività sportive e ludiche, visite a parchi/musei, ecc…).
La proposta progettuale potrà inoltre sviluppare, in aggiunta e solo in modo funzionale al rafforzamento dell’efficacia di una o più delle tipologie sopra descritte, attività di informazione, sensibilizzazione e orientamento finalizzate ad accompagnare e sostenere i lavoratori e le lavoratrici con responsabilità di cura nell’accesso e nella fruizione dei servizi per l’infanzia e l’adolescenza del territorio.

Le proposte progettuali devono essere presentate da partenariati costituiti da almeno tre soggetti appartenenti alle seguenti categorie (partner beneficiari/effettivi):

enti pubblici locali;
enti accreditati per la gestione di unità d’offerta sociali e/o socio-sanitarie in regolare esercizio;
organizzazioni del terzo settore iscritte nei registri regionali o nazionali o ad analoghi elenchi regionali/nazionali;
enti riconosciuti dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese.
È obbligatorio che tra i soggetti beneficiari sia presente almeno un soggetto pubblico.

E’ prevista inoltre la possibilità che partecipino al partenariato anche soggetti associati e/o sponsor, appartenenti a categorie diverse da quelle ammissibili in qualità di partner effettivo, che condividono gli obiettivi del progetto e partecipano alle attività di progetto senza beneficiare del contributo.
I fondi disponibili sono pari ad euro 2.500.000

I progetti ammessi saranno finanziati con un contributo a fondo perduto al massimo pari all’80% del costo ammissibile e comunque non superiore ad euro 100.000, a copertura delle spese di personale sostenute per la realizzazione del progetto e dei restanti costi in misura pari al 40% delle spese di personale ammissibili.

Il piano finanziario del progetto dovrà quindi essere così strutturato:
A) Totale costi diretti per il personale
B) Altri costi (es. materiale di consumo, utilizzo di attrezzature e immobili,
iniziative di promozione e comunicazione) [B = 40% di A] C) Totale costi ammissibili [C=A+B]

La domanda di partecipazione, a cura dell’Ente Capofila del partenariato, deve essere presentata esclusivamente attraverso il sistema “SiAge” (raggiungibile all’indirizzo www.siage.regione.lombardia.it) attraverso la modulistica disponibile a sistema e allegata all’Avviso.

Il contributo pubblico è riconosciuto a seguito di valutazione di merito dei progetti pervenuti ad opera del Nucleo di Valutazione che sarà appositamente costituito su nomina del Direttore Generale della DG Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale.

Eventuali informazioni sull’Avviso possono essere richieste via mail all’indirizzo conciliazione@regione.lombardia.it

 

Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

a nudo

Qual è il significato di questo acquerello erotico dell’Ottocento? La spiegazione

a ramarro

Il significato di ramarri e lucertole nella pittura antica. Cosa significa se ti morde un ramarro