Home / arte curiosità / Dalla discarica di Nairobi oggetti di innovativo design
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

nairobi

Dalla discarica di Nairobi oggetti di innovativo design

nairobi1 Viene aperta oggi, 26 settembre, alla Triennale di Milano – fino all’8 ottobre – la mostra di design “Made in slum mathare Nairobi”, realizzata con i materiali di discarica della capitale del Kenya, una megalopoli i cui abitanti si attestano tra i 4 milioni e i 4 milioni e cinquecentomila. E’ la città di stridenti contrasti, culminati nei gravi disordini di questi giorni. Ma da quel mare di povertà, come su una spiaggia montaliana, le vaste maree di una discarica spropositatamente ampia, depositano materiali, che vengono raccolti e rielaborati con inventiva.

Dopo le mostre dedicate a Cina, Corea e India, Triennale Design Museum con Made in Slums continua pertanto a indagare e a esplorare i territori più inattesi del nuovo design internazionale.

Questa volta i fari del CreativeSet sono puntati su una piccola realtà locale – lo slum di Mathare, a Nairobi, individuato come paradigma della capacità di una comunità di dotarsi di propri strumenti funzionali e simbolici, realizzati in un originale processo di autoproduzione a partire da pochi materiali presenti nel territorio.

La mostra – curata da Fulvio Irace – nasce prima di tutto dal lavoro svolto sul campo dall’ONG Liveinslums, impegnata da due anni in un progetto di cooperazione allo sviluppo che ha incoraggiato la costruzione di una scuola di strada e l’avviamento di un progetto agricolo comunitario nello slum di Mathare.

Mathare è un agglomerato urbano situato a circa 5 km dal centro di Nairobi in Kenya. Con una popolazione di circa 500.000 abitanti è, per ordine di grandezza, la seconda baraccopoli d Nairobi: forse la più antica, certamente quella con peggiori condizioni di vita. È una ex cava che si estende per un’area di circa 3km per 1,5km, in cui i residenti hanno sviluppato una strategia informale ma efficace di economia su piccola scala che si svolge per lo più in precarie case -bottega e in luoghi malsani.

”Come nell’isola di Robinson Crusoe – scrive Fulvio Irace – lungo le frontiere di una spiaggia virtuale che circonda il cuore dello slum, la marea deposita ogni giorno gli scarti della capitale: pezzi di legno, insegne pubblicitarie, tavole e lamiere e soprattutto bidoni, l’elemento base di un progetto di riciclo minuzioso ed efficace.

In simili condizioni, dunque, l’ingegnosità della comunità supplisce alle gravi carenze del territorio, e risponde ai propri bisogni recuperando e trasformando materia di scarto in oggetti a elevato gradiente estetico”.

Come afferma Silvana Annicchiarico, direttore del Triennale Design Museum: “Senza avere la pretesa di attribuire a questa piccola esperienza locale un valore simbolico eccessivo, è tuttavia evidente che le pratiche creative messe in atto a Mathare trascendono l’orizzonte puramente locale e assumono un senso e un valore più generale”.

L’associazione ha coinvolto nel progetto il giovane designer italiano Francesco Faccin, proponendogli di realizzare arredi e attrezzature della scuola utilizzando materiali e mano d’opera del luogo. Dall’osservazione dell’ambiente Faccin ha sviluppato l’intuizione di trovarsi di fronte a un sistematico e straordinario catalogo di oggetti realizzati artigianalmente ma pensati in una logica di produzione di piccola serie: coltelli, scarpe in gomma, pentole, un carretto per la vendita di cibi da strada, ecc, che costituiscono il nucleo della mostra al Triennale Design Museum.

Per narrare la storia di questi oggetti i fotografi Francesco Giusti e Filippo Romano hanno realizzato un reportage fotografico che restituisce la complessità del contesto e i volti dei protagonisti. La sezione video in mostra, di Silvia Orazi e Fabio Petronilli, è dedicata al tema delle auto-produzioni e ai mestieri informali presenti nello slum

A cura di Fulvio Irace
Ideazione e Coordinamento Generale
Liveinslums NGO (Silvia Orazi – Gaetano Berni – Maria Luisa Daglia)
Ricerca e Selezione Oggetti Francesco Faccin
Foto di Francesco Giusti – Filippo Romano – Post Produzione immagini oggetti Pedro Almeida
Progetto di allestimento Luca Astorri – Maria Luisa Daglia – Francesco Segre Reinach
Progetto Grafico Paolo Giacomazzi – Claude Marzotto
Realizzazione Bollate Lab
Video Silvia Orazi – Fabio Petronilli
Catalogo Corraini Edizioni

 

 

x

Ti potrebbe interessare

piccinini

Nulla è “Ovvio” sotto questo sole. Giovanna Piccinini orienta il nostro guardo verso ciò che non vediamo più

F. HAYEZ, I profughi di Parga, 1831, olio su tela, 201 x 290 cm, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Vade retro, Romantico